Stelle

Il cielo è pieno di fiumi di oscurità

>

I tuoi occhi ti mentono.

Quando esci in una notte limpida e frizzante e guardi le stelle, sembra che governino il cielo, gli unici abitanti del nero.

Oh, certo, se ti capita di vedere anche la Via Lattea distesa sopra di te, sembra sfocata, come un ruscello di latte che dà il nome alla nostra galassia (e anche ci dà la stessa parola galassia ). Ma questa è una sorta di illusione, la luce combinata di miliardi di singole stelle troppo fioche per essere viste da sole. Anche questo non fa che confermare il predominio stellare.



Ma mentre i tuoi occhi sussurrano bugie, il cielo dice la verità: c'è più nei cieli sopra la Terra di quanto tu abbia sognato. Il cielo è pieno di polvere.

Quando gli astronomi parlano di polvere, intendono minuscoli granelli di materiale che fluttuano tra le stelle. Questi piccoli frammenti potrebbero essere silicei (rocciosi) o potrebbero essere innumerevoli molecole di carbonio a catena lunga che sono essenzialmente fuliggine. Entrambi vengono creati quando le stelle si gonfiano in giganti rosse o esplodono come supernovae, e questo materiale è ovunque nello spazio.

Da tutte le parti. Ecco, la mia prova:

Una porzione dell'enorme Nube Molecolare del Toro è vista qui in un mosaico a due pannelli. Le aree più scure sono dove stanno nascendo le stelle, nascoste alla vista da spessi grumi di polvere. Credito: Adam Block/Steward Observatory/Università dell'ArizonaIngrandire

Una porzione dell'enorme Nube Molecolare del Toro è vista qui in un mosaico a due pannelli. Le aree più scure sono dove stanno nascendo le stelle, nascoste alla vista da spessi grumi di polvere. Credito: Adam Block/Steward Observatory/Università dell'Arizona

Oh mio. Questa immagine spettacolare (e sì, vuoi fare clic su quel link per ottenere la versione molto più grande di questo scatto) è stata scattata dal mio amico e astronomo Blocco di Adamo utilizzando un piccolo telescopio (18 cm.) sul Monte. Limone, Arizona. È un mosaico di due pannelli e consiste in un incredibile totale di 42 ore di osservazioni.

Mostra una parte dell'enorme Nube Molecolare del Toro, la regione di formazione stellare più vicina al Sole a soli 450 anni luce circa di distanza. È così grande e vicino che si estende su due costellazioni, Toro e Auriga. E, come puoi vedere, è disseminato di polvere, lunghe strisce di materiale opaco che si estendono tra le stelle.

Ma anche questa non è tutta la verità. È anche pieno di gas freddo, principalmente idrogeno molecolare ma anche tanti altri ingredienti , comprese cose come il metanolo (sì, sul serio) e quelle che chiamiamo molecole prebiotiche, molecole organiche che costituiscono la chimica più complessa necessaria per la vita come la conosciamo.

C'è un'altra cosa in questa immagine su cui i tuoi occhi mentono: quel materiale sembra tridimensionale, vero? C'è una chiara profondità in questa immagine, come se le nuvole fluttuassero davanti alle stelle. Dico che è una bugia perché qui non c'è profondità reale; questo materiale è a 4 quadrilioni di chilometri da te, e qualsiasi componente tridimensionale è appiattito su quella scala.

...tranne che c'è un indizio sulla profondità lì, non è vero? La maggior parte delle stelle è chiaramente dietro la polvere, molto più lontana. Questo è infatti vero, è ovviamente il motivo per cui i nostri occhi ci danno il senso di stratificazione nell'immagine.

C'è una stella che voglio sottolineare: quella luminosa situata a un terzo della distanza da destra e appena sopra il centro. Quello è Phi Tauri , una stella abbastanza luminosa da essere vista ad occhio nudo. È a circa 300 anni luce di distanza, il che lo mette molto in primo piano qui. È un po' difficile da dire qui, ma abbiamo modi per misurare le distanze stellari .

È interessante notare che è quella che chiamiamo una stella K0III, una gigante arancione, molto simile alla stella molto luminosa Arturo (il quarto più luminoso di tutto il cielo, visibile in alto a sud dopo il tramonto nei mesi estivi per gli osservatori dell'emisfero settentrionale). Ciò significa che sta morendo, una stella che una volta era come il Sole ma ha esaurito il carburante nel suo nucleo. Ironico, una stella morente vista sbirciare da dietro le spalle di un luogo dove nascono le stelle.

Lo sollevo a causa di una bella ripresa di questa regione dal telescopio APEX , che vede la luce con lunghezze d'onda millimetriche, molto al di fuori di ciò che i nostri occhi possono vedere. Il gas freddo e la polvere brillano a queste lunghezze d'onda, quindi la vista è molto diversa:

La brillante stella Phi Tauri risplende di luce visibile (insieme a migliaia di altre stelle) mentre un fiume di gas freddo e polvere risplende a lunghezze d'onda millimetriche in questa immagine composta da due osservazioni sovrapposte.Ingrandire

La brillante stella Phi Tauri risplende di luce visibile (insieme a migliaia di altre stelle) mentre un fiume di gas freddo e polvere risplende a lunghezze d'onda millimetriche in questa immagine composta da due osservazioni sovrapposte. Credito: ESO/APEX (MPIfR/ESO/OSO)/A. Hacar et al./Digitized Sky Survey 2. Ringraziamenti: Davide De Martin.

Quel fiume rosso che scorre attraverso l'immagine fa parte della nuvola molecolare che è nera alla luce visibile, ma abbastanza luminosa a lunghezze d'onda maggiori. L'immagine APEX è sovrapposta a una visibile in luce, e la stella molto luminosa è di nuovo Phi Tauri (se la combini con la foto sopra puoi tracciare la stessa struttura, tranne che lì è scura). Questo è un altro modo in cui i nostri occhi ci ingannano: Vedono solo una fetta molto stretta dello spettro elettromagnetico , ingannandoci nel pensare che vediamo il mondo e l'Universo così com'è. Gli astronomi lo sanno meglio.

Ricordalo la prossima volta che guarderai il cielo notturno o, in realtà, ogni volta che vedrai qualcosa. Ci sono interi mondi sotto e sopra il nostro mondo, su scale minuscole e cosmiche. Ne percepiamo così poco, eppure ne facciamo parte lungo la scala dell'Universo. Questa è una delle lezioni più profonde dell'astronomia e su cui rifletto abbastanza spesso.



^