Impostato

Un segnale da Proxima? Probabilmente intelligente, improbabile dagli alieni

>

Gli astronomi alla ricerca di segni di vita aliena su altri pianeti della galassia hanno trovato un segnale insolito da Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, che è... intrigante. Era solo un singolo rilevamento che andava e veniva, ma ha alcune caratteristiche che ti aspetteresti da una fonte intelligente. Il problema è, come sempre, quella fonte potremmo essere noi.

Voglio essere molto chiaro qui fin dall'inizio, perché Internet: Questa non è affatto una prova che gli alieni siano là fuori, o anche (ancora) una buona prova di ciò . Spiegherò la scienza di ciò che è stato visto, ma al momento, l'assunto predefinito è che questo è un segnale creato dall'uomo fino a quando non viene mostrato diversamente.

In altre parole:



EssoIngrandire

Non è. Credito: Phil Plait

mantide attrice guardiani della galassia 2

Faccio notare anche che la notizia è trapelata al giornale Il guardiano , e ora viene segnalato da varie sedi (la mia collega Nadia Drake ha un'eccellente panoramica su National Geographic , per esempio, e Scientifico americano ha anche una buona sinossi ). Il lavoro sull'analisi non è ancora stato pubblicato sulle riviste scientifiche, anche se i documenti dovrebbero uscire presto, quindi non abbiamo ancora tutta la storia. In generale sono riluttante a riferire su dati non pubblicati, ma dato che questa notizia è là fuori, penso che sia importante dare alle persone il background.

Il segnale è stato rilevato come parte di una serie di osservazioni della stella Proxima Centauri (di solito chiamata semplicemente Proxima) nell'estate del 2019. È stato fatto come parte di Ascolto rivoluzionario , un'iniziativa per osservare il milione di stelle più vicino al nostro Sole utilizzando radiotelescopi in tutto il mondo per cercare segnali di intelligenza aliena.

Il radiotelescopio Parkes da 64 metri, recentemente ribattezzatoIngrandire

Il Parkes Radio Telescope di 64 metri, recentemente ribattezzato 'Murriyang', nel Nuovo Galles del Sud, in Australia. Credito: Red Empire Media/CSIRO

il cast di mortal kombat

In questo caso, Proxima veniva osservato usando il venerabile radiotelescopio Parkes in Australia . Proxima è una nana rossa, una stella piccola e fredda così debole che anche se è la stella più vicina al Sole, distante solo un capello a più di 4,2 anni luce (circa 42 trilioni di chilometri), non è visibile ad occhio nudo. Hai bisogno di un telescopio decente per vederlo. Fa parte di un sistema triplo, in orbita attorno alla stella binaria Alpha Centauri .

Proxima è una stella a brillamento, che erutta in potenti esplosioni sulla sua superficie come i brillamenti solari del nostro Sole, ed è per questo che veniva osservata. Uno studente universitario che ha esaminato le osservazioni qualche tempo dopo ha notato che c'era un picco di energia a una frequenza molto specifica, 982.002 MHz. È piuttosto strano; le stelle di solito emettono luce in un'ampia gamma di frequenze. Alcuni processi naturali emettono luce in un intervallo relativamente ristretto, ma in questo caso l'intervallo era così ristretto che era difficile da spiegare.

Opera d'arte di una nana rossa in un sistema binario che subisce un bagliore. Credito: NASAIngrandire

Opera d'arte di una nana rossa in un sistema binario che subisce un bagliore. Credito: Il Goddard Space Flight Center/S. Wiessinger

Una tecnica di radioastronomia standard per assicurarsi che ciò che vedi provenga dall'oggetto che stai osservando consiste nel muovere un po' avanti e indietro il telescopio per puntare verso una parte diversa del cielo e vedere se il segnale persiste (forse filtrando in il piatto da una fonte vicina); questo si chiama annuire perché è come un cenno della testa. Quando hanno fatto questo, il segnale è andato via, poi è tornato quando hanno puntato di nuovo a Proxima.

Quindi sembra provenire dalla stella, o almeno formarsi molto vicino ad essa nel cielo. Sembra anche avere una gamma di frequenze molto ristretta. Non solo, ma un'altra caratteristica che potresti aspettarti da un segnale intelligente è che, nel tempo, la frequenza stessa si sposterà un po' - se gli alieni stanno trasmettendo da una superficie planetaria, mentre quel pianeta ruota provoca uno spostamento Doppler nel segnale. Uno spostamento era visto nel segnale, che è interessante.

Alfa e Proxima CentauriIngrandire

Alpha e Proxima Centauri visti dalla Terra. Alpha è sovraesposta (anche le due singole stelle si sono fuse insieme) e appare blu invece che giallastra a causa del modo in cui è stata elaborata l'immagine. Nota come Proxima è debole e lontana da loro! Credito: Digitalized Sky Survey 2 / Davide De Martin / Mahdi Zamani

Così. Alieni?

Bene, questo è un enorme salto da qui. Il problema di base qui è che gli astronomi cercano un segnale dall'intelligenza e sono... sommerso nei segnali dell'intelligence: Us. Operatori telefonici, satelliti, comunicazioni militari... tutti usano varie frequenze radio per parlare tra loro, e questo crea una grande quantità di rumore che sembra proprio il tipo di segnale che stai cercando di rilevare. Ci sono state innumerevoli volte in cui sono stati rilevati segnali interessanti che si sono rivelati provenire solo da esseri umani ( una delle storie più famose proveniva da un segnale rilevato dalla stessa parabola di Parkes , che si è scoperto essere persone che aprivano la porta del microonde nella cucina dell'osservatorio prima che il forno si fermasse, inondando il piatto con segnali di microonde).

Quindi c'è una lunga lista di test che il segnale deve superare per essere considerato un valido candidato per l'intelligenza aliena. Questo ha superato solo i primi.

se muori nel tuo sogno
Opera d'arte raffigurante Proxima Centauri b, in orbita attorno a una nana rossa (che a sua volta orbita attorno alla stella binaria Alpha Centauri) a più di quattro anni luce di distanza. Credito: ESO/M. KornmesserIngrandire

Opera d'arte raffigurante Proxima Centauri b, in orbita attorno a una nana rossa (che a sua volta orbita attorno alla stella binaria Alpha Centauri) a più di quattro anni luce di distanza. Credito: ESO / M. Kornmesser

Ma ammetto che mi sto grattando la testa. La frequenza di questo segnale non è quella generalmente utilizzata dai satelliti e simili. E Proxima si trova nel profondo del cielo australe, piuttosto lontano dal tipo di orbita che ti aspetteresti da satelliti che potrebbero emettere un tale segnale (anche se non impossibile ; due miei amici astronomi hanno speculato su questo su Twitter Infatti). Un satellite terrestre in lento movimento che si trovava vicino a Proxima nel cielo in quel momento potrebbe emettere un segnale con uno spostamento di frequenza, ma dovremo aspettare e vedere se gli scienziati hanno esaminato i dettagli di ciò.

E che dire di Proxima? Ha almeno due pianeti, chiamati Proxima b e c. Il primo pianeta, b, è stato scoperto nel 2016 ed è probabile che abbia all'incirca le stesse dimensioni della Terra. Inoltre, orbita intorno alla stella abbastanza vicino che la sua temperatura potrebbe essere nell'intervallo giusto per la vita. Il pianeta c è più lontano, e quindi molto freddo, una palla ghiacciata.

Michael è morto negli inferi?

Al momento, però, non sappiamo molto di Proxima b. Peggio ancora, come ho detto, Proxima è una stella a brillamento, il che significa che inonda il suo sistema planetario con raggi ultravioletti e raggi X ad alta energia. Nel corso di miliardi di anni che possono strappare via l'atmosfera di un pianeta, o semplicemente creare condizioni non favorevoli alla vita. Negli ultimi due anni sono usciti molti articoli su questo argomento, ma non è chiaro esattamente quali siano gli effetti.

Tuttavia, non è ridicolo chiedersi se b possa sostenere la vita. Ma inviarci segnali?

Ho problemi con quello. Prima di tutto, il fatto stesso che è la stella più vicina al Sole fa sembrare tutto molto molto improbabile. Quali sono le probabilità? Estremamente basso, a meno che la vita non sia ovunque, e se fosse vero sembra che sarebbe più facile da individuare.

Inoltre, il segnale è solo una singola frequenza, come un singolo tono, senza alcuna informazione codificata al suo interno. Un segnale radio proveniente, ad esempio, da una stazione radio codifica le informazioni (i suoni che si sentono quando si sintonizza una radio sulla stazione) modulando il segnale, modificandone le caratteristiche come l'ampiezza o la frequenza. Nulla di tutto ciò è visto qui, il che rende ancora meno probabile, per me, che sia un segnale degli alieni.

E ancora, ogni volta che c'è stato un segnale come questo (ad eccezione di il WOW! Segnale , che è ancora un mistero) si è rivelato provenire da qualcosa di diverso dagli alieni, o un fenomeno naturale ( il primo segnale di pulsar mai scoperto era in realtà soprannominato LGM-1 , per Little Green Men!) o dalla tecnologia umana.

Ho il forte sospetto che questo sia il secondo. Non lo sappiamo ancora. Il mio consiglio: non lasciare che la tua immaginazione scappi. Da quello che sappiamo finora questo è interessante , ma da nessuna parte vicino conclusivo . Bisognerà attendere il proseguimento dell'analisi e la pubblicazione degli articoli. Pazienza.


Rettifica (20 dicembre 2020): Inizialmente ho scritto che Shane Smith, che ha trovato il segnale, è uno studente laureato. In realtà è uno studente universitario all'Hillsdale College nel Michigan.



^