Hbo

La morte shock di Ned Stark è ancora uno dei più grandi momenti di Game of Thrones

>

Mentre contiamo alla rovescia per Game of Thrones finale di serie, stiamo guardando indietro ai momenti più cruciali delle prime sette stagioni dello show.

Come gli ultimi episodi di Game of Thrones roll out, il fandom sta già andando in lutto. Sebbene ci sia un prequel in fase di sviluppo, la verità è che gli spettatori quasi sicuramente non vedranno mai più nulla di simile. La serie era una visione comune in un momento di grande separazione, uno spettacolo che il pubblico cresceva ogni stagione è in onda da otto stagioni consecutive. Non è stata un'impresa da poco, soprattutto considerando che lo spettacolo ha attraversato un'era di retrazione generale di spettatori nel panorama televisivo. Ed è tutto grazie all'anno più bello dello show, la prima stagione, e al momento di adattamento di maggior successo, la morte di Ned.

Quando il primo Una canzone di ghiaccio e fuoco romanzo, Un gioco di troni , arrivato nel 1996, ha preso i tropi dell'alta fantasia e li ha infranti. Dopo decenni di storie in cui l'onorevole, eroico patriarca maschio bianco è sopravvissuto contro tutte le probabilità per vincere la giornata e diventare un sovrano benevolo, Martin ha preso le aspettative dei lettori e le ha usate per nascondere l'imminente morte a sorpresa di Ned Stark. È il momento critico della serie che cattura il lettore. La caduta di Bran fuori dalla finestra è sorprendente, ma le abilità magiche che sorgono in seguito sono state sufficienti per collocarlo all'interno di una serie prevista di tropi fantasy. La morte di Ned non aveva precedenti. Improvvisamente la storia è stata decentrata e tutto poteva succedere. Chiunque potrebbe essere ucciso.



La morte di Ned non è una cosa facile da realizzare. Martin ha usato le ipotesi dei lettori fantasy per aiutarsi, ma non erano il suo unico strumento. Il più efficace è il suo uso della prospettiva in prima persona, raccontando la storia attraverso gli occhi di un narratore inaffidabile che indossa i paraocchi della credenza ipocrita nella propria bontà intrinseca. Ma i lettori non lo sanno. Dal momento che gli eventi sono visti solo attraverso i suoi occhi e gli occhi dei suoi figli, che non hanno mai messo in discussione i suoi insegnamenti, la vastità del pericolo circondato da Ned non si registra mai completamente, e anche quando i bordi scivolano alla vista, viene ignorato. Dopotutto, Ned è l'eroe. Starà bene. Fino a quando non lo è.

Il Trono di Spade - Ned Stark

Credito: Helen Sloan/HBO

Adattando la storia per il piccolo schermo, gli showrunner Benioff e Weiss erano in svantaggio. La televisione non consente una prospettiva in prima persona da paraocchi. La prospettiva in terza persona è stata una benedizione generale per Game of Thrones , facendo grandi cose per personaggi come Margaery, ammorbidendo le scelte di Sansa e Theon e consentendo una caratterizzazione più sfumata di Cersei Lannister prima di quanto si arrivi alla pagina. Sfortunatamente, ha anche rivelato quanto fosse stupido Ned in quei primi episodi.

Senza il costante rinforzo del suo ipocrita monologo interiore, i fan potevano vedere attraverso di lui. Nessuno ha pensato di fare Stupido Ned Stark meme fino a quando la storia non è stata messa sullo schermo.

Eppure, utilizzando le norme del casting televisivo e delle scelte pubblicitarie, lo spettacolo è riuscito a ricreare lo stesso senso di armatura della trama placcata di diamante attorno al suo personaggio. Nonostante tutto, la morte di Ned è stata uno shock per i secoli.

quando Game of Thrones ha lanciato per la prima volta il pilot nel 2009, la maggior parte degli attori e delle attrici erano relativamente sconosciuti, specialmente negli Stati Uniti. Mark Addy era meglio conosciuto per Il completo Monty . Peter Dinklage c'era stato Pizzica/Rimbocca , ma la maggior parte lo conosceva per il famigerato sfogo a partire dal Vivere nell'oblio . Nella rifusione, la serie ha aggiunto Michelle Fairey, un'attrice che lavora dagli anni '80, ma i suoi ruoli qui erano in punti base della PBS o parti minori in Harry Potter .

Poi c'era Sean Bean, nel ruolo di Ned Stark. Bean non era solo famoso, era famoso come star del cinema, essendo apparso in tutto, da James Bond a Il Signore degli Anelli . Il suo casting era un'ancora che ci si aspetterebbe da uno show televisivo fantasy. Si potrebbe quasi sentire la formulazione di uno sbocco di intrattenimento come Varietà userebbe: HBO ha il via libera Game of Thrones , un veicolo di fantasia di Sean Bean. ...

La produzione ci si è appoggiata, duramente. Bean era intonacato dappertutto arte chiave promozionale , seduto sul Trono di Spade, con in mano uno spadone, il mondo sulle spalle. Era la sua faccia sul lato dell'autobus mentre passava, la sua faccia sui cartelloni pubblicitari sul lato dell'autostrada. Fagioli interviste ha portato fuori copertura su riviste e siti web di intrattenimento. Era il suo spettacolo.

Era l'equivalente televisivo di Un gioco di troni usando le ipotesi dei lettori che l'eroe maschio bianco sopravviverà a qualunque costo. Dopotutto, la TV è TV e nessuna serie per il piccolo schermo che ha appena investito un budget enorme nella prima stagione si sbarazza dell'unica A-lister nel cast che tutti riconoscono prima che sia finita. Nessuno uccide il personaggio la cui faccia è sul lato dell'autobus. Fino a quando non l'hanno fatto, gli spettatori scioccanti che non erano abituati a vedere le loro ipotesi usate contro di loro in quel modo. È stato così efficace, anche mentre Ned stava sulla piattaforma del boia, i fan credevano che in qualche modo ne sarebbe uscito fuori .

Non è stata l'unica volta che la serie è riuscita a ottenere una morte così scioccante. La produzione è riuscita a ingannare gli spettatori con Red Wedding, e anche in misura decente con la morte di Jon Snow nella quinta stagione. Ma quella prima, quando così tanti non avevano letto i libri, e così pochi capivano cosa stava per succedere, era il momento in cui lo spettacolo ha davvero inchiodato com'era leggere la serie di Martin.

Game of Thrones non sarà l'unico adattamento di Una canzone di ghiaccio e di fuoco . In questa era di reboot e remake, saremo fortunati se la serie non andrà in onda per un intero decennio prima che qualcuno la rivisiti. Ma, con lo spettacolo così grande com'è e la storia ampiamente conosciuta ora, nessuno sarà mai più in grado di tirare fuori quel tipo di shock per la morte di Ned.




^