Stanley Kubrick

Shelley Duvall rivede Shining, ricorda di aver pianto per aver dovuto piangere tutto il giorno sul set di Stanley Kubrick

>

Shelley Duvall ( Il brillante , Braccio di Ferro ) è stato fuori dai riflettori di Hollywood per decenni, lasciando Los Angeles a metà degli anni '90 per il Texas rurale ed evitando apparizioni pubbliche ad eccezione di un 2016 Dott. Phil intervista che ha sfruttato le lotte di Duvall con la malattia mentale.

Di recente, tuttavia, Duvall ha incontrato Seth Abramovitch di Il giornalista di Hollywood , e il profilo che ne risulta offre una rappresentazione molto più sfumata e olistica della sua vita e carriera, compreso il suo lavoro sull'iconico film horror di Stanley Kubrick, Il brillante .

Lo stile di lavoro estenuante di Kubrick, con più riprese e lunghe ore, è roba da leggenda di Hollywood, ed è stato qualcosa che Duvall ha sperimentato direttamente durante le 56 settimane trascorse a lavorare sul set.



[Kubrick] non stampa nulla fino almeno alla 35a ripresa, ha detto Duvall THR . Trentacinque riprese, correre e piangere e portare in braccio un bambino, diventa difficile. E piena performance dalla prima prova. È difficile.

Kubrick a volte ha richiesto più di cento riprese per alcune scene, molte delle quali hanno richiesto a Duvall di essere in uno stato di estrema angoscia e panico mentre il suo maniaco marito (Jack Nicholson) cerca di ucciderla.

Per entrare in quello stato, disse Duvall THR penserebbe a qualcosa di molto triste nella tua vita o a quanto ti mancano la tua famiglia o i tuoi amici. Ma dopo un po', il tuo corpo si ribella. Dice: 'Smettila di farmi questo. Non voglio piangere tutti i giorni'. E a volte solo questo pensiero mi farebbe piangere. Svegliarmi un lunedì mattina, così presto, e rendermi conto che dovevi piangere tutto il giorno perché era programmato, avrei iniziato a piangere. Direi: 'Oh no, non posso, non posso'. Eppure l'ho fatto. Non so come ho fatto. Jack l'ha detto anche a me. Ha detto: 'Non so come fai'.

Ma Duvall lo ha fatto per 56 settimane, e la sua esibizione in Il brillante è uno che lascia ancora un impatto su chi la guarda, più di 40 anni dopo. Duvall non vedeva il film da decenni e quando Abramovitch le ha mostrato la scena iconica di lei che correva su per le scale mentre Nicholson la inseguiva, si è messa a piangere.

L'abbiamo filmato per circa tre settimane, ha detto. Ogni giorno. È stato molto difficile. Jack era così bravo, così dannatamente spaventoso. Posso solo immaginare quante donne debbano affrontare questo genere di cose.

Puoi leggere THR profilo completo di Shelley Duvall qui .




^