Todd Phillips

La storia seria dietro il trucco da clown Joker di Joaquin Phoenix

>

Il Joker potrebbe essere il cattivo più iconico nella storia dei fumetti, ma è anche il più flessibile. Il Clown Prince of Crime è come una macchia di Rorschach per i narratori, il suo trucco e il suo costume cambiano così frequentemente in base al tono, all'epoca e allo scopo del racconto in cui sta senza dubbio tormentando i cittadini ignari. E tra le apparizioni in fumetti, cartoni animati e film, gli ultimi 11 anni sono stati i periodi più impegnativi nella lunga e contorta storia del personaggio, un guanto di sfida che ha posto le basi per il primo film solista del Joker, e con esso un livello di attenzione senza precedenti .

Per Burlone lo scrittore/regista Todd Phillips, distinguere la sua versione del cattivo è stato abbastanza facile: mettilo in un'altra ambientazione (grintosa Gotham degli anni '80) e giura su qualsiasi canone dei fumetti. Ma è stato un po' più difficile per la truccatrice Nicki Ledermann, che aveva il compito di creare un look che fosse immediatamente riconoscibile ma completamente distinto da tutti i Joker del passato, comprese due iterazioni cinematografiche del personaggio che hanno dominato il cosplay e la coscienza pubblica (per meglio o peggio). Chiunque sia stato a una convention di fumetti o a un concorso di cosplay nell'ultimo decennio può attestare il dominio assoluto di Heath Ledger's Il Cavaliere Oscuro versione del Joker, e chiunque sia andato a uno durante un certo periodo nel 2016 ricorda Jared Leto's Squadra Suicida Burlone.

La versione del Joker di Joaquin Phoenix è arrivata con le sue complicazioni da clown. Non solo era legato a un'epoca specifica nei primi anni '80, ma richiedeva anche una propria evoluzione. Arthur Fleck è un clown di strada disoccupato all'inizio del film, che fa girare cartelli davanti a un negozio di mobili in una sudicia strada di Times Square, cercando senza successo di attirare le persone in una vendita di liquidazione. Si evolve nel tempo in quello che conosciamo come il Joker, che ha aggiunto un nuovo elemento alla progettazione del suo trucco. Ledermann si è preso del tempo per parlare con SYFY WIRE del processo nei giorni precedenti Burlone colpisce i teatri.



Burlone

Credito: Warner Bros Pictures/DC Entertainment

Come hai iniziato a pianificare il trucco? Ci sono state linee guida o ispirazioni?

Perché è ambientato nell'ambiente umano senza superpoteri, che cambia drasticamente le cose. Ci ha mostrato un concetto di Joaquin con un look da clown e un look da Joker complementare a quello sguardo da clown. Non ci siamo davvero allontanati da quel concetto. Abbiamo preso quel concetto e poi abbiamo provato a tradurlo sul viso di Joaquin in un modo che possiamo filmare, che funzionerà per il personaggio, perché devi lavorare sui colori, devi lavorare sulle trame, devi lavorare su posizionamento.

forma della scena della vasca da bagno d'acqua

Per un paio di settimane ad agosto, Joaquin veniva in studio e io mi sedevo con lui e dipingevo. Dipingevamo la sua faccia con prodotti diversi, mescolando i colori, finché non abbiamo inchiodato quello che sentivamo fosse il look da [clown]. E poi abbiamo incorporato quel design per passare al Joker. Perché l'aspetto da clown che ha quando lavora come clown per guadagnare soldi, è lo stesso tipo di concetto di quello che usa poi quando si trasforma nel Joker. È solo una questione di come li cambiamo, ma li manteniamo in relazione l'uno con l'altro? Perché anche se è un'evoluzione, è sempre la stessa persona.

Cosa ti ha presentato Todd?

Il suo principio era attenersi a un design semplice classico, come un classico design da clown. Ma è davvero difficile inventare trucchi da clown, perché ce ne sono così tanti là fuori e sono tutti protetti da copyright, quindi non puoi toccarli. Qualunque cosa ti venga in mente deve essere unica in modo da poterla usare. Ci sono libri sopra con tutti questi sguardi, come il pagliaccio vagabondo. In realtà avevamo anche un aspetto da clown hobo nel film, e ho dovuto renderlo diverso, perché il clown hobo è un clown hobo. Non posso usarlo. Non avrò l'autorizzazione per questo.

Hai detto che questo non essere un mondo con i supereroi fa una grande differenza – in che modo?

Bene, quando sono uscite le prime foto di Joaquin quando abbiamo iniziato a girare, la gente era davvero sconvolta dal fatto che non avesse le cicatrici, che non avesse questo, e assomigliava solo a Ronald McDonald, sembrava un 5- un anno gliel'ha dipinta. Ed eravamo un po' bravi, bravi, perché è quello che stiamo facendo, capisci?

Questo è stato davvero importante, perché non siamo in un mondo di supereroi, dove ci sono queste cicatrici folli e la sua pelle è tutta sbiancata, perché è caduto in una vasca di prodotti chimici, di candeggina. È il mondo reale. È un pagliaccio che lavora. Non sa davvero come truccarsi. Si trucca e basta, non è molto abile, ma è una routine per lui, quindi sa come farlo, e questo doveva riflettersi nel trucco. Non poteva essere perfetto, e doveva spalmare, e doveva muoversi.

Doveva essere organico contro il Joker che conosciamo dal nostro mondo soprannaturale, è una persona soprannaturale. Quella roba è soprannaturale, e rimane sempre la stessa. Ma nel nostro film, non rimane lo stesso. È organico.

Joaquin Phoenix Joker

Credito: Warner Bros Pictures/DC Entertainment

Quindi non poteva essere affatto come gli altri Joker, davvero.

Ci sono anche così tante [versioni del] trucco Joker. Non vorrai ripetere il trucco del Joker. Il punto è creare qualcosa di diverso, quindi è stata una sfida. Ma Todd voleva che fosse semplice e che non distraesse, eppure aveva il potere del trucco da clown che è triste, quasi vulnerabile, ma anche davvero inquietante allo stesso tempo.

Ogni clown ha qualcosa di veramente triste e innocente, ma allo stesso tempo qualcosa di veramente malvagio. Quindi volevamo mantenere la faccia da clown sul lato triste, e poi Joker sul lato più inquietante. Perché, chiaramente, Joker è inquietante come l'inferno, ed è pericoloso, e non vuoi scherzare con quel ragazzo. Il pagliaccio d'altra parte, 'Oh, sì, quel povero tizio, patetico.'

cosa viene dopo i ribelli di guerre stellari?

Cosa c'è nei clown che li rende così tristi? Gli occhi?

È la sua simmetria. Ad esempio, quando hai un pagliaccio, sono tutti molto simmetrici. Il tuo classico clown, i lineamenti sono molto simmetrici. Il sorriso va da un capo all'altro, ed è perfettamente nello stesso punto a sinistra che a destra.

Ma la tristezza in generale, puoi davvero trovare l'emozione nel viso dalle sopracciglia, davvero. Ed è quello che ho sentito, se gli metti le sopracciglia, puoi determinare da che parte andare. E così hai questi graziosi archi, sopracciglia classiche. Ma sono in alto sulla fronte, e quando hai le sopracciglia molto alte, fa un po' l'effetto dell'innocenza. Vedi tutti i dipinti della Madonna in passato, tutte le donne che dovrebbero sembrare innocenti, se noti, tutte le loro sopracciglia sono molto alte sulla fronte rispetto a quelle più basse del bulbo oculare.

Poi puoi prendere queste sopracciglia e metterle sulla persona minacciosa, e non ne mantieni la simmetria, le incasini un po', e poi all'improvviso si trasforma in qualcosa di veramente pazzo e strano.

Burlone

Credito: Warner Bros Pictures/DC Entertainment

Quindi sono le sopracciglia che indicano follia o innocenza o qualcos'altro.

Beh, li fa paura. Se hai una faccia distorta, le tue sopracciglia non sono simmetriche, giusto? Quindi devi assicurarti di non metterli perfettamente uno accanto all'altro. Voglio dire, è davvero difficile, perché puoi fare così tanto con il trucco, ma quello che c'è dietro quel trucco è davvero ciò che lo crea o lo rompe. Ed è proprio quello che Joaquin ha portato in vita. Il trucco è la sua maschera per dargli il permesso di portarlo dove vuole, e questo dipende davvero da lui.

Che tipo di trucco hai finito per usare?

In generale, quando si fa un film, non si gira la prima scena, poi la seconda e poi la terza e così via. Sali a bordo di tutte le scene, poi giri una scena un giorno, e poi due mesi dopo torni sulla stessa scena per fare un pick-up. Quindi devi andare avanti e indietro, e hai anche momenti in cui hai una scena in cui si trucca o si toglie.

Quindi devo usare il trucco che posso rimuovere e ridipingere molto facilmente tra ogni singola ripresa; poi devo usare un trucco che posso pulire e rimettere molto facilmente. E poi ho scene in cui combatte, in cui deve apparire il trucco che macchia al momento, ma non è così, deve rimanere. Non può macchiare, quindi ho dovuto usare molti prodotti diversi: impermeabili, a base d'acqua, grassi o una combinazione di tutti questi elementi. Ma ho dovuto creare lo stesso colore esatto e la stessa consistenza, perché le trame [dei trucchi] sono diverse.



^