Libri

Storie spaventose da raccontare al buio e la sua storia di censura

>

Se sei un bambino degli anni '80 e '90, allora è probabile che tu legga almeno uno dei Storie spaventose da raccontare al buio libri durante la tua giovinezza. Forse eri uno dei tanti ragazzini che alle Fiere del Libro Scolastico ne hanno preso una copia che frequentavano la tua scuola. Le storie, scritte dall'autore e giornalista Alvin Schwartz, hanno contribuito a plasmare intere generazioni di fan dell'horror grazie alle loro paure agghiaccianti e alle illustrazioni davvero da incubo (per gentile concessione del pluripremiato artista Stephen Gammell). A partire dal 2017, i libri hanno venduto complessivamente circa sette milioni di copie in tutto il mondo e rimangono una pietra miliare culturale per il genere dell'horror per bambini. Questo mese ha visto anche l'uscita del tanto atteso adattamento cinematografico, prodotto da Guillermo del Toro.

Ma la storia di Storie spaventose da raccontare al buio è anche impantanato in innumerevoli tentativi di censura e finta isteria sul suo contenuto apparentemente inappropriato. Secondo l'American Library Association, la serie è stata il singolo libro più vietato e/o contestato negli Stati Uniti. Ciò pone Schwartz più in alto di Mark Twain, Maya Angelou, Judy Blume e J.D. Salinger. Anche negli anni 2000, i libri sono rimasti nella top ten dei titoli più contestati, insieme a Harry Potter e Le sue materie oscure . In genere, essere classificati più in alto di alcuni degli autori più iconici del XX e del XXI secolo sarebbe un onore illustre, ma non in questo caso.

puntura del signore degli anelli

Storie spaventose è stato criticato, sorpresa di tutte le sorprese, essere troppo spaventoso. Sia i genitori che i predicatori hanno criticato Schwartz per aver presumibilmente traumatizzato un'intera generazione di bambini. Le storie stesse sono sicuramente agghiaccianti per il loro pubblico di destinazione, servendo perfettamente come prima introduzione all'horror di un bambino. La maggior parte dei racconti sono radicati nel folklore familiare o nelle leggende metropolitane, con influenze profonde nella storia della letteratura. La semplicità del linguaggio nasconde un intento deliziosamente raccapricciante e Schwartz non ha avuto scrupoli a scavare nel raccapricciante e macabro. Omicidio, cannibalismo, attacchi di animali, il soprannaturale, ragni infiniti... queste storie hanno tutto e poi alcuni.



Storie spaventose da raccontare al buio

Credito: HarperCollins

E poi ci sono quelle illustrazioni. Creati da Gammell, i suoi disegni profondamente snervanti hanno solo ulteriormente acceso la paura nei cuori dei lettori. C'è un elemento surrealista nelle sue illustrazioni che rimane nella mente molto tempo dopo che le storie si sono dissipate dal tuo cervello. Racchiudono perfettamente le storie oscure in un modo che il tuo cervello preadolescente non potrebbe mai evocare da solo. Il suo lavoro sembra essere nato dall'inchiostro che si schizza sulla pagina bianca senza una guida fino a quando le immagini orribili non sono filtrate. Molti fan hanno discusso se i libri sarebbero stati così popolari o controversi se quelle illustrazioni non fossero state presenti. Infatti, quando gli editori hanno ripubblicato i libri nel 2011, hanno assunto un nuovo illustratore (Brett Helquist, meglio conosciuto per il suo lavoro su Lemony Snicket's Una serie di sfortunati eventi romanzi) e il contraccolpo è stato così grave che hanno finito per ristampare i libri nella loro forma originale.

Schwartz, che morì nel 1992 e quindi non visse abbastanza da vedere la maggior parte dell'indignazione che avrebbe seguito il suo lavoro, fu più frequentemente accusato di glorificare gli argomenti inquietanti di cui scriveva. Le storie su atti oscuri e violenti - quelli radicati nel folklore familiare e il tipo di storie sotto le coperte che i bambini si raccontano durante i pigiama party - sono stati visti come condonare l'occulto e incoraggiare i bambini a provare le cose da soli. In un pezzo del 1993 in Chicago Tribune , un genitore preoccupato ha spiegato il suo disgusto per i libri:

'Perché sottoponiamo i nostri figli a questo tipo di materiale violento? Se questi libri fossero film, sarebbero classificati come R a causa della violenza grafica. Non c'è morale per loro. I cattivi vincono sempre. E fanno luce sulla morte. C'è una storia chiamata 'Just Delicious' su una donna che va in un obitorio, ruba il fegato di un'altra donna e lo dà in pasto a suo marito. È malato.'

Va detto che sono ragionevolmente sicuro che nessun bambino abbia mai letto Storie spaventose da raccontare al buio e ho pensato di provare il cannibalismo.

Questo particolare tipo di trolling di preoccupazione viene spesso evocato durante i tentativi di censura. Pensa ai bambini, sono semplicemente troppo delicati e ingenui per capire cosa sia la finzione. È un precedente pericoloso da stabilire quando si insiste sul fatto che raffigurare qualcosa è un'approvazione automatica di esso, ed è in genere il modo più semplice per incoraggiare la censura su tutta la linea. L'altra implicazione di questo atteggiamento è che i bambini non dovrebbero mai essere esposti a nulla che possa metterli alla prova, che è davvero l'unico modo in cui possiamo crescere come esseri umani.

quanti fratelli ha Silente

Robert Warren, che era l'editore di Schwartz presso HarperCollins, ha notato che l'interesse dell'autore per queste storie era come mezzo per intrattenere ed educare i bambini introducendoli a storie raccapriccianti secolari che vengono tramandate di generazione in generazione. Questo è uno dei motivi per cui hanno resistito per decenni. Le vecchie storie di falò come 'The Hook', 'The Babysitter' e 'The Killer in the Backseat' sono senza tempo nella loro capacità di spaventarci perché ci sono alcune paure che non ci lasciano mai veramente. Anche gli individui più incalliti non possono fare a meno di essere in qualche modo innervositi dall'ignoto e dalla minaccia di un male inaspettato. Le storie sono un modo per noi di affrontare questi mali, di esplorare le nostre ansie e di affrontare paure che forse non sapevamo nemmeno di avere.

È bello avere paura a qualsiasi età, ma soprattutto quando sei un bambino. C'è una parte di te che cresce e impara ad apprezzare quelle notti insonni e le storie inquietanti che ti hanno esposto alla natura intrinsecamente pericolosa della vita. Abbiamo bisogno di quelle storie che si fidano dei bambini, di quelle che capiscono quanto sia importante per noi affrontare le nostre paure e che non li acconsentano sostenendo che sono troppo delicati per essere esposti a tali paure. Questo è il vero genio del lavoro di Alvin Schwartz. Non stava facendo nulla di nuovo, né raccontava storie con cui le generazioni precedenti non avrebbero avuto familiarità, ma ha capito quanto sia senza tempo la paura e come tali storie possano essere usate come mezzo per scavare più a fondo in ciò che realmente siamo così paura. Forse è per questo che quei censori erano davvero spaventati.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^