Charlie Adlard

Robert Kirkman spiega perché ha risparmiato la vita a Negan nei fumetti di 'The Walking Dead'

>

Questa settimana, lo scrittore Robert Kirkman e l'artista Charlie Adlard rilasciato Negan vive , uno speciale seguito della loro amata potenza di fumetti di proprietà del creatore Il morto che cammina . Il problema è arrivato quasi esattamente un anno dopo che Kirkman e Adlard sono sorti a finale a sorpresa della serie sui lettori, e la sua altrettanto sorprendente presenza sugli scaffali dei fumetti aveva lo scopo di aumentare le vendite per i rivenditori in difficoltà a causa della pandemia di COVID-19. Ma si scopre che il problema in sé non è stata l'unica sorpresa Morti che camminano rivela questo mese.

Nella colonna 'Lettera Hacks' sul retro di Negan vive , Kirkman ha rivelato che il personaggio del titolo — uno dei Il morto che cammina 's più memorabili e forse il suo cattivo più popolare - originariamente stava per morire nel numero 174. Allora, perché non l'ha fatto? Si scopre che al personaggio è stata concessa una tregua dopo un appello del suo co-creatore, Adlard.

migliori film di fantascienza 2014

Nella lettera ai lettori, Kirkman ha spiegato di aver scritto la sceneggiatura completa per Il morto che cammina #174 - con un finale in cui Maggie rintraccia e uccide Negan per vendicare la morte di Glenn nel numero #100 - e lo invia ad Adlard per disegnare, solo per ricevere quasi immediatamente una risposta dall'artista. Kirkman ha incollato l'e-mail di Adlard direttamente sul retro di Negan vive . Ecco parte di ciò che ha detto:



'Come ho detto, più ho conosciuto Negan - specialmente in questi ultimi anni - più avrei voluto che fosse rimasto in giro fino alla fine', ha scritto Adlard. 'Vorrei che la redenzione avrebbe funzionato per lui. Questa non è assolutamente una critica a te, ma più una critica alla [almeno] letteratura/intrattenimento occidentale, dove, poiché la maggior parte di noi trova la pena di morte - quindi un adagio occhio per occhio - ripugnante, la eseguiamo nella fantasia. Quasi nessun cattivo occidentale riesce a cavarsela senza non morire alla fine. Noi, come pubblico, chiediamo sempre la massima punizione per i nostri cattivi fantasy. È un peccato che non abbiamo rotto gli schemi con Negan... il più cattivo dei cattivi, ma molto lontano sulla strada della redenzione e del perdono, che paga il solito prezzo finale: la morte. Immagina, se vivesse, cosa potremmo dire della nostra società?'

Kirkman ha continuato spiegando che l'e-mail di Adlard è stata 'tutto ciò che è servito' per fargli cambiare idea sulla morte del personaggio.

'Non volevo davvero uccidere Negan, in fondo, mi mancava già quel ragazzo', ha scritto Kirkman. 'L'e-mail appassionata e molto premurosa di Charlie sullo stato di malvagità nella cultura occidentale mi ha davvero commosso.'

Quindi, mentre il numero 174 sarebbe in definitiva l'ultima apparizione di Negan nel main Morti che camminano serie, al personaggio è stato permesso di svanire piuttosto che essere spento in un atto di vendetta, e Kirkman e Adlard hanno continuato a concludere l'intera storia più ampia con il numero 193 dell'anno scorso. Altrove nella sua lettera ai lettori, Kirkman ha spiegato come è stato ispirato dalla discussione tra editori e distributori sul ritorno dei fumetti per lanciare Negan vive ad Adlard, con l'idea che avrebbero pagato loro stessi il conto per la produzione e la spedizione del libro, così che tutti i soldi ricavati sarebbero andati ai rivenditori. Con questo, Negan è tornato un'ultima volta.

terra del cinabro lucente

Ma è il? ultimo volta? Perché questo problema ha segnato il primo ritorno a Il morto che cammina nella pagina dei fumetti nell'anno successivo alla fine della serie, Kirkman ha anche dovuto affrontare la possibilità che lui e Adlard potessero rivisitare la storia da qualche parte in futuro. Si scopre che la porta è aperta... solo un po'.

'Posso dire onestamente che non so se diremo mai 'cosa succede dopo'', ha scritto Kirkman. 'Per me, vedi la lapide nel n. 193, quella storia è praticamente raccontata... ma non dirò mai mai.

«Ma probabilmente mai. Probabilmente...'



^