Richard Nixon

Richard Nixon e il Vietnam sono storie spaventose da raccontare ai mostri più strani di Dark

>

Certo, Harold è spaventoso, ma uno spaventapasseri grottesco che barcolla in un campo di grano con intenti omicidi non ha nulla su Tricky Dick o sulla guerra del Vietnam. Il nuovo Storie spaventose da raccontare al buio il film non si limita ad adattarsi alcune delle storie più iconiche dalla classica serie antologica dell'orrore, aggiunge anche un'inquadratura narrativa. Si dà il caso che la storia principale si svolga alla fine del 1968, con l'elezione di Richard Nixon e la guerra del Vietnam minacciosamente (sebbene inspiegabilmente) che indugiano ai margini della narrazione.

Il Storie spaventose Il film, prodotto da Guillermo del Toro e diretto da André Øvredal, segue principalmente Stella Nicholls, una liceale, e i suoi due amici mentre inconsapevolmente scatenano una forza soprannaturale malevola - un libro che si scrive da solo, scrivendo orribili destini per le persone si inserisce nelle sue storie spaventose. Lungo la strada, Stella incontra Ramón Morales, un giovane latinoamericano che in seguito apprendiamo è arrivato nella piccola città di Mill Valley per sfuggire alla leva.

Mentre Halloween lascia il posto alle elezioni presidenziali del 1968, la battaglia di Stella e Ramón contro le storie mortali è costellata di trasmissioni radiofoniche o di notizie occasionali che ricordano al pubblico che, sì, è il 1968, e sì, Nixon sta per essere eletto presidente. Anche alcuni dei personaggi secondari dell'età di voto commentano le elezioni e, in generale, i più simpatici fanno il tifo contro Nixon mentre i personaggi più prepotenti o casualmente razzisti pensano che sia lui.



Se le ripetute allusioni alle elezioni fanno un buon lavoro nel mostrare che è davvero il 1968, non lo fanno altrettanto bene nel sostenere il motivo per cui il film è ambientato in quell'anno in primo luogo. Parte di ciò, presumibilmente, ha a che fare con la logistica, poiché la maggior parte delle storie spaventose sono riff sui classici racconti di falò che potrebbero sembrare in qualche modo in disaccordo se i personaggi avessero a che fare con loro ai giorni nostri. ( Andare in una casa stregata per trovare un libro che si scrive da solo? No grazie, giocherò Fortnite). L'horror intenzionalmente nostalgico funziona naturalmente quando è ambientato nel passato, non diversamente da Cose più strane , anche se non è chiaro quale sia la passione per il pubblico di destinazione Storie spaventose - sia i ragazzi di oggi che i ragazzi degli anni '90 che sono cresciuti sui libri - lo hanno fatto per gli anni '60.

Se c'è un motivo tematico per continuare a tagliare per le elezioni o lo spettro della guerra del Vietnam, è un modo pesante per lamentarsi della perdita dell'innocenza e della fine della propria infanzia. Stella dice lo stesso nel monologo di apertura, e dopo gli orrori che subisce nel film, è una persona diversa. Allo stesso modo, l'America era un paese diverso alla fine degli anni '60. Il Vietnam e il Watergate hanno lasciato gli americani disillusi e, collegando gli eventi del mondo reale alle prove spettrali di Stella, Storie spaventose sta aggiungendo un po' di orrore adulto al mix.

Oltre a stabilire l'ambientazione, però, i riferimenti a Nixon e Nam cercano paradossalmente anche di rendere il film più contemporaneo. Funziona, in una certa misura. Quando lo sceriffo di Mill Valley fa commenti sottilmente codificati sull'eredità di Ramón, sottintendendo che non è ricercato nella città altrimenti bianca del Midwest, in un primo montaggio che stabilisce la città, c'è un'immagine piuttosto grande di una svastica che qualcuno ha disegnato su un poster della campagna di Nixon, che legge più come un'allusione all'attuale clima politico che come un riflesso delle opinioni dei residenti della Milly Valley su di lui. Tuttavia, è piuttosto strano dare il via al tuo film per bambini apparente con una svastica e poi andare avanti.

quando muoiono iniziano i morti che camminano
Storie spaventose Ramon e Stella

Credito: CBS Films

Le allusioni alla guerra del Vietnam diventano parte della trama principale verso la fine del film, quando lo sceriffo razzista rinchiude Ramón perché ha evitato la leva, in parte perché Ramón è perseguitato dalla morte di suo fratello. L'Uomo Jangly, il mostro della storia spaventosa di Ramón, ha lo scopo di ricordargli che suo fratello è tornato a pezzi dopo essere stato fatto saltare in aria.

Dopo che Stella riesce a convincere la forza soprannaturale a smettere di cercare di uccidere lei e Ramón con le sue storie, parte alla ricerca di un modo per riparare il danno, mentre Ramón si unisce all'esercito. È un messaggio strano, poiché viene presentato come se Ramón stesse facendo la cosa giusta e coraggiosa accettando di andare all'estero in modo da poter combattere nella stessa guerra inutile che ha ucciso suo fratello e innumerevoli altri americani, vietnamiti, cambogiani e laotiani. Bisogna immaginare che del Toro, che ha fatto Labirinto di Pan , in realtà non è a favore della guerra, ma è una nota strana per concludere il film. Dopo aver sopportato tutto l'orrore spettrale, Ramón parte per combattere e forse morire in uno spettacolo horror nella vita reale.

Abbiamo davvero bisogno? Storie spaventose per ricordarci che Nixon e la guerra del Vietnam sono stati tempi radicali e brutti per il paese, specialmente quando è troppo impegnato a raccontare le vere storie spaventose per impegnarsi davvero? Negozi spaventosi inizia e finisce con una voce fuori campo sui poteri delle storie, ma non è del tutto sicuro quale storia stia raccontando su due delle parti più famigerate della recente storia americana.



^