Rian Johnson

Rian Johnson spiega perché non ha trovato il tempo per un funerale di Han Solo in Gli ultimi Jedi

>

Star Wars: Gli ultimi Jedi è il film più lungo che il franchise abbia mai prodotto, e non c'è un momento sprecato. Che ti piaccia o meno il film, non puoi sostenere che sia assolutamente pieno di trama. Non ci sono molte inquadrature persistenti messe lì per riempire semplicemente lo spazio o personaggi che parlano in cerchio. Tutti sono sempre in movimento, sempre perseguendo qualche obiettivo.

Ciò significa che il film sembra più breve di quello che è, e significa anche che alcune cose di cui avresti pensato di vedere scorci non solo non sono mai state girate, ma nemmeno considerate.

Una di queste cose, secondo lo scrittore/regista Rian Johnson (che non è stato timido nello spiegare le sue decisioni sulla narrazione), è stata una scena del funerale per Han Solo, che è morto sulla base Starkiller dopo essere stato pugnalato da suo figlio nei momenti culminanti di Il Risveglio della Forza . In quel film, il momento è segnato dalla rabbia di Chewie, dallo shock di Finn e Rey e da una scena in cui il generale Leia sente che Solo è passato e quasi crolla dal dolore. Questo è tutto ciò che otteniamo in quel film, tuttavia, poiché la base deve ancora essere distrutta e la mappa per trovare Luke Skywalker deve ancora essere completata.



SPOILER PER L'ULTIMO JEDI AVANTI

Dato che la reazione alla morte di Han è relativamente breve in Il risveglio della forza , non sarebbe irragionevole pensare che Gli ultimi Jedi potrebbe rivisitare la perdita in modo un po' più dettagliato. Non è così. Abbiamo un paio di scatti di Leia che sembra stanca e stanca, il momento in cui Luke chiede 'Dov'è Han?' e il commovente momento finale tra Luke e Leia quando lui le porge i dadi di Han dalla cabina di pilotaggio del Falcon e le dice 'Nessuno se n'è mai veramente andato'.

A parte questo, Han è appena menzionato nel film. La sua assenza si fa sentire, ma non c'è un vero momento di lutto, figuriamoci una scena funebre. In un nuove domande e risposte con Collider , Johnson ha spiegato perché non ha mai nemmeno discusso di includere quel momento nel film.

[Non si è discusso di mostrare il funerale di Han Solo], solo perché dal punto di vista del ritmo non aveva un posto', ha detto Johnson. 'È dura in Guerre stellari, perché penso sempre al lutto che Luke dà alla morte di Ben, che è tutto quattro secondi e mezzo prima di 'Dai ragazzo, non siamo ancora fuori da questo' e poi boom, ti piace 'Yay, woo -uh! Non essere arrogante!' C'è il momento per questo, ma non è lungo. Non abbiamo tempo per i nostri dolori, comandante. Questo è il tipo di cosa di Guerre stellari ; non ti soffermi sul dolore perché stai andando avanti.

Johnson è uno studente per tutta la vita di Guerre stellari , quindi sa il fatto suo. Questi sono personaggi che combattono costantemente, combattono costantemente verso il prossimo obiettivo, quindi l'idea che avrebbero avuto il tempo di fermarsi e riflettere sul loro dolore è difficile, così come l'inserimento di lunghe sequenze di tristezza in quella che è essenzialmente una serie di film d'avventura. Il lutto più grande in cui siamo mai entrati Guerre stellari è Luke che accende la pira funeraria di Anakin/Vader alla fine di Il ritorno dello Jedi , ma era più un'abolizione simbolica di Vader che un vero funerale.

Tuttavia, se vuoi davvero una chiusura di Han Solo, sei fortunato: Johnson e l'autore Jason Fry hanno rivelato su a recente episodio di Lo spettacolo di Star Wars che una scena funeraria apparirà in qualche forma in Gli ultimi Jedi romanzo.

Cosa ne pensi? Lasciare il funerale di Han era la scelta giusta o avevamo bisogno di più tempo per dire addio al nostro contrabbandiere preferito?



^