Gamegrrls

Rivisitare Yu-Gi-Oh dopo un decennio di assenza

>

Tra la fine degli anni '90 e l'inizio degli anni 2000, ero un vero fanatico degli anime esagerati su come credere nei tuoi amici fosse più importante delle abilità grezze. A partire dal Pokemon , dove l'anime ignorava abitualmente le proprie regole sul vantaggio di tipo per raccontare storie avvincenti, per Bey Blade , dove in qualche modo credere nello spirito che vive nella tua trottola le ha permesso di girare per periodi di tempo più lunghi, ho semplicemente adorato gli spettacoli in cui la fede e la fiducia potrebbero superare qualsiasi problema.

Forse nessuno spettacolo dell'epoca ha catturato questa sensazione meglio di Yu-Gi-Oh , un anime su un gioco di carte collezionabili per bambini con in gioco destini da fine del mondo.

Per chi non ha mai guardato Yu-Gi-Oh , lo spettacolo si è concentrato sulla storia di un giovane ragazzo di nome Yugi, che aveva un puzzle di una collana magica che conteneva l'anima di un antico faraone egiziano che era sospettosamente bravo a giocare a carte. Le puntate ruotavano tutte intorno a giochi di carte della vita o della morte con puntate eccessive, mentre la trama generale raccontava una storia sulla magia che è reale ed è strettamente legata alla storia dell'evocazione di mostri e dell'attivazione di trappole.



quale romanzo è il più venduto di tutti i tempi - con oltre 500 milioni di copie vendute

Yu-Gi-Oh era, come tanti spettacoli prima di esso, progettato per essere un mezzo estremamente efficace attraverso il quale vendere prodotti fisici. Dove la trama di trasformatori introduceva costantemente nuovi personaggi per vendere più robot giocattolo, ogni nuovo personaggio in Yu-Gi-Oh ha permesso ai creatori dello show di vendere più carte collezionabili fisiche ai bambini. Era una grande pubblicità, che mostrava come funzionava il gioco di carte in modo che i bambini lo comprassero, ma dietro quel guscio cinico c'era uno spettacolo davvero dolce sul credere in te stesso e nelle tue capacità anche quando le cose sembravano brutte.

Fonte: 4Kids

Il modo principale in cui questo veniva presentato nello show era qualcosa chiamato il cuore delle carte,' essenzialmente un superpotere che i nostri protagonisti usavano per pescare sempre esattamente la carta di cui avevano bisogno per salvare la giornata, nonostante la fortuna implicata nel pescare carte in un GCC. Se i protagonisti si fidavano solo di se stessi, dei loro amici e delle carte che avevano investito tempo e fatica nella cura, tutto sarebbe andato per il meglio.

Laddove la maggior parte degli anime degli anni '90 era molto ambiziosa, concentrata sull'emulazione di cose che non avresti mai potuto fare da solo, come fingere di diventare Super Saiyan o trasformarti in una ragazza magica, Yu-Gi-Oh l'azione di era tutta molto replicabile nel suo nucleo. Da bambino, ricordo di aver speso circa $ 20 su un paio di mazzi a tema dopo i due personaggi principali dello show, e mi sono seduto a casa a giocare a carte contro me stesso, vedendo quale dei due avrebbe vinto questa volta. Ho potuto creare nuovi contenuti dallo spettacolo, usando le cose che ho riconosciuto, senza troppi input finanziari, il che mi ha fatto davvero investire nello spettacolo su cui si basava.

nella stagione finale delle badlands

La mia strada con Yu-Gi-Oh non è sempre stato facile. Nella mia adolescenza, sono diventato un po' troppo dipendente dall'acquisto di buste casuali di giochi di carte collezionabili, in misura un po' dannosa dal punto di vista finanziario, e ho finito per non giocare o guardare lo spettacolo per la parte migliore di un decennio. Tuttavia, di recente ho iniziato a tornare a uno dei miei amori d'infanzia, e sto trovando molto amore per lo spettacolo e il gioco di carte, nonostante i notevoli problemi che posso vedere da adulto.

Quindi, negli anni da quando ho smesso di giocare Yu-Gi-Oh , molto del gioco è cambiato. C'è tutta una serie di nuovi tipi di evocazione che sono stati introdotti apparentemente in gran parte per rendere obsolete le vecchie carte e far spendere le persone; lo spettacolo è passato dai personaggi che conoscevo e a cui tenevo e ha assunto un tono semplicistico più orientato ai bambini; e per molti versi il nucleo di ciò che sapevo è molto lontano nel passato.

Ma eventi recenti come il Yu-Gi-Oh i campionati del mondo mi hanno davvero aiutato a ricordare ciò che amo del franchise, appoggiandomi alla nostalgia. Da un DJ set basato sulla sigla dello spettacolo originale a un gioco di carte in cui i doppiatori dello spettacolo hanno narrato in modo drammatico un gioco di carte fisico come è successo, ho ancora molto amore per questa pubblicità di due decenni per le carte collezionabili.

Yu-Gi-Oh

Fonte: Konami

è il paradosso di Cloverfield relativo a Cloverfield

Un paio di settimane fa, un nuovo Yu-Gi-Oh il videogioco è stato rilasciato su Nintendo Switch, intitolato Yu-Gi-Oh: Legacy of the Duelist: Link Evolution . Anche se mi sono promesso che non tornerò ad acquistare carte fisiche a causa dei miei problemi di dipendenza, questo videogioco è stato davvero un bel modo per entrare nella nostalgia del gioco che amavo.

Non ci sono microtransazioni, tutte le carte possono essere sbloccate nel gioco e fondamentalmente mi ha permesso di giocare a tutti i giochi di carte importanti dell'anime, dal punto di vista della persona che ha vinto, e poi provare a vincere come persona che canonicamente ha perso nello spettacolo. Permettendomi di vestire i panni di questi grandi personaggi drammatici con cui sono cresciuto, usando tutte le loro carte migliori e recitando le vittorie più importanti dello show, questo nuovo gioco per Switch mi ha riportato ai ricordi di quando ero un bambino con un un paio di mazzi di strutture che suonano da soli nella mia stanza. Onestamente, questo è il mio modo preferito di giocare. Mi sto solo godendo la nostalgia di tornare indietro e rivivere il cartone animato che ha costituito molti anni della mia infanzia.

Da adulto, posso vedere che questo spettacolo e questo gioco di carte esistevano per sottrarre la mia paghetta, ma non cambia il fatto che torno ai vecchi episodi per vedere qualcuno rinunciare al premio in denaro del GCC per pagare l'occhio della sorella di un amico operazione, e ancora bene solo un po'. Ho ancora bei ricordi di vedere Yugi rifiutarsi di vincere un duello perché il loro avversario li ha ricattati emotivamente, e l'eventuale rivincita onesta è sembrata ancora più potente per il primo scontro disonesto che ha portato a questo. So che The Heart of the Cards era una scusa per i giochi di carte per avere una tensione incredibilmente alta senza tempi di inattività, ma mi ritrovo ancora a trattenere il respiro in tensione desiderando che venisse estratta la carta giusta. Yu-Gi-Oh alla base potrebbe essere stata la vendita di carte collezionabili, ma giocare a questo nuovo gioco per Switch ha messo tutti i miei pezzi di nostalgia nel mio cervello e mi ha riportato ai giorni in cui ero un bambino eccitato, senza il rischio di una rovina finanziaria.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^