I Giochi Della Fame

Le recensioni sono in: Hunger Games: Mockingjay Part 1 è buono?

>

Indipendentemente dal fatto che sia buono o meno, l'ultima puntata del Giochi della fame il franchise farà un sacco di soldi al botteghino questo fine settimana. Ma dovresti vederlo?

davanti a Hunger Games: Mockingjay Parte 1 si apre venerdì, abbiamo raccolto un'infarinatura di recensioni dall'ultima puntata della serie guidata da Jennifer Lawrence. Il profilo del franchise (e il bottino al botteghino) è cresciuto solo più forte con ogni puntata, e sembra che questa volta abbiano introdotto un altro capitolo degno.

Il film è Certified Fresh e attualmente si trova a un solido 82 percento sull'aggregatore di recensioni Pomodori marci . Nonostante il ronzio positivo, ciò non significa che sia piaciuto a tutti. Il consenso generale: è un avvincente giro di ruote per far posto al finale nel 2015. Abbiamo raccolto alcuni punti salienti di alcuni dei migliori revisori del settore di seguito in modo da non andare alla cieca:



Una parte con così tanti singhiozzi, torsioni e sguardi lugubri a metà distanza potrebbe essere, nelle mani sbagliate, una risata, ma l'istinto di Lawrence è così intelligente che non esagera mai. È un'attrice infernale. La sua adorabile goffaggine nella vita suggerisce una ragione per cui è convincente sullo schermo: la spontaneità è tutto. Canta qui, con una voce adorabile e rotta con un tocco di blues, suonando inalterata come quando parla. Se solo i film di Hunger Games potessero sfruttare anche i suoi doni comici. E se solo i suoi co-protagonisti rubacuori gli restituissero di più. Liam Hemsworth ha un grande monologo in cui racconta il bombardamento del suo distretto, ma tutto quello che riuscivo a pensare era quanto fosse lento a pronunciare le sue battute, come in attesa di un'ondata di emozione che non arriva. Almeno il Peeta catturato da Josh Hutcherson è per lo più visto nelle interviste con il conduttore di talk show di Stanley Tucci sugli schermi televisivi (Peeta viene usato come contropropaganda), quindi l'attore non può portare la sua mancanza di urgenza nelle scene con Katniss. - David Edelstein, avvoltoio .

Il regista di ritorno Francis Lawrence trova interessanti momenti visivi, anche nel bunker sotterraneo. A un certo punto, Katniss guarda dall'alto le file e le file di ribelli che scendono, scendono, scendono da una scala triangolare metallica, ed è come se fosse uscito da Metropolis. È una citazione piuttosto audace da fare per un film che parla anche di una rivoluzione proletaria, ma anche se Mockingjay non è al livello di quel classico muto, non è un punto di riferimento del tutto inappropriato. - Alonso Duralde, The Wrap .

Sono state apportate anche modifiche ispirate. La scorta natalizia di Elizabeth Banks, Effie, incombe, mentre il leader dei ribelli di Julianne Moore, il presidente Coin, è qualcuno di cui ci fidiamo davvero. La gente comune riesce ripetutamente a fare cose coraggiose. Una sequenza eccezionale inizia con una macabra ballata, The Hanging Tree (cantata dal poliedrico Lawrence). Viene poi ripreso da una moltitudine di voci, mentre un atto di eroismo è compiuto da un gruppo che non abbiamo mai incontrato. La melodia struggente - tanto quanto i testi sempre più angosciati - ci fa sentire per questi nessuno. Questo è lo spettacolo cinematografico al suo meglio; economico e idiosincratico. - Charlotte O'Sullivan, London Evening Standard .

I franchising vengono riavviati, ma normalmente non vengono riavviati a metà della loro esecuzione. Senza gli stessi Hunger Games il film manca di una struttura solida. Katniss trascorre gran parte del film a trovare la sua forza dopo il rapimento del suo ragazzo, Peeta (Josh Hutcherson). I ribelli ammirano la sua rabbia e la sua sfida, probabilmente non sono così entusiasti della sua agitazione incentrata sul ragazzo ... Mockingjay ha il passo, ma Lawrence non ha lo stile del regista originale di Hunger Games Gary Ross, che ha catturato il vero terrore di essere intrappolato all'interno un gioco di uccidi o sii ucciso. Lo sfarzoso brio di The Capitol, con le sue mode ispirate allo stormo di gabbiani e la baldoria insipida, è assente. Passiamo quasi tutto il nostro tempo al buio con i ribelli. - Henry Barnes, The Guardian .

La sfida centrale affrontata dagli sceneggiatori novelli Peter Craig e Danny Strong è stata quella di portare la storia sull'orlo dell'inevitabile confronto tra oppressori e oppressi. Da un punto di vista drammatico, questo avrebbe idealmente occupato la terza o la prima metà iniziale, diciamo, di un film di 140 minuti, che avrebbe poi continuato ad accelerare verso l'azione catartica e la risoluzione finale. Allo stato attuale, tuttavia, il pubblico viene lasciato sull'orlo di un precipizio per un altro anno, fino a novembre 2015, per la precisione, quando uscirà la seconda parte di Mockingjay. - Todd McCarthy, The Hollywood Reporter .

In breve, tutti i talenti coinvolti sembrano aver schierato le loro significative risorse al servizio di un ritratto sempre più cupo e serio del conflitto geopolitico, pieno di paralleli topici (attacchi missilistici a lungo raggio, mira deliberata di profughi civili) che taglia anche più vicino a casa di quanto i realizzatori avrebbero potuto immaginare, mai più di quando Snow ordina di trasmettere in diretta le esecuzioni pubbliche in ogni distretto, i capi dei condannati coperti da cappucci neri. Ma mentre il regista Lawrence mantiene un controllo costante del ritmo della storia, del tono e della posta in gioco drammatica sempre crescente, il lato negativo della sua fedeltà al romanzo di Collins (l'autore ottiene anche un adattamento questa volta a credito) è che il film non trema mai da una sensazione di sicurezza e stabilità, da manuale, o da una sfortunata tendenza a precisare l'ovvio. (Quando Peeta invia a Katniss un inequivocabile avvertimento, qualcuno osserva utilmente, Quello era un avvertimento.) Nonostante tutte le sue ovvie intelligenza e le idee leggermente provocatorie, Mockingjay non sembra fidarsi del suo pubblico tanto quanto si fida chiaramente della sua eroina. - Justin Chang, Varietà .

È il peggior terrore del mondo, dice il presidente Coin a Katniss, in attesa di qualcosa. Lo sgobbone di due ore del soldato a piedi attraverso Mockingjay Part 1 costringe il pubblico ad aspettare per lo più uno spreco che accada qualcosa di speciale. Coin e i suoi servi idealisti hanno ferito Katniss in un modo che il presidente Snow aveva appena sognato, trasformando questa eroina militare in una portavoce di celebrità. Lo stesso vale per Collins e i realizzatori del film: hanno creato l'eroina-attivista più popolare nei film moderni, con una delle star più grandi, dotate e attraenti del mondo, e l'hanno fatta sedere. - Richard Corliss, Tempo .

Grazie alla sovrapposizione dei programmi di riprese e montaggio, i registi ora possono valutare le reazioni a un penultimo film e modificare il finale. Quando Mockingjay - Parte 1 uscirà il prossimo fine settimana, i registi, che sono attualmente in postproduzione sulla Parte 2, avranno un occhio sui social media, proprio come hanno fatto quando Catching Fire ha aperto mentre erano cinque settimane nelle riprese degli ultimi due film di Hunger Games . Non ci porterà a ripetere le riprese o altro, ha detto il signor Lawrence. Ma penso che quando avrò un'idea di ciò che le persone stanno davvero capendo emotivamente e tematicamente, questo probabilmente influenzerà parte del processo decisionale sulla Parte 2. - Robert Ito, The New York Times .



^