Harry Potter E Il Principe Mezzo Sangue

Recensione: Harry Potter cresce ne Il principe mezzosangue

>

Il pubblico di destinazione per Harry Potter e il principe mezzo sangue sa già cosa succede nel film. Un fenomeno interessante con un film come questo è come funziona per affascinare quel pubblico e parlare ancora con i furfanti che non hanno letto tutti e sette i libri.

Come membro di quest'ultimo gruppo, posso dire che è facile apprezzare il livello di produzione messo nella realizzazione di queste immagini, che dovrebbe a sua volta soddisfare il primo.

Harry Potter e il principe mezzo sangue prende Harry (Daniel Radcliffe) che vive da solo a Londra. Una leggera dose di vita reale - ci prova con una cameriera, leggendo il giornale - fonda le prossime due ore e mezza nel nostro mondo in modo che possiamo apprezzare la grandezza della magia a venire. Quando Silente (Michael Gambon) porta Harry a fare una ricerca magica, l'Harry quasi adulto si comporta con nonchalance, perché questo è il suo mondo. L'ha vissuto per la maggior parte della sua vita, quindi è reale per lui.



Con un nuovo insegnante di pozioni (Jim Broadbent) a Hogwarts, Harry si iscrive a un corso e scopre un vecchio libro di incantesimi appartenuto al Principe Mezzosangue. Gli appunti e le scorciatoie del principe aiutano Harry a eccellere in classe e in alcuni dei suoi sforzi personali. Nel frattempo, deve ancora aiutare Silente a scoprire i segreti del passato di Voldemort.

Il lavoro degli incantesimi e lo spettacolo visivo degli artefatti magici fanno sembrare il mondo in evoluzione di Hogwarts più adulto. Non è proprio l'aspetto fantasy dei primi due film, quando forse anche gli effetti visivi erano al primo anno. Tra la crescita della tecnologia e l'estetica dei film successivi, la magia sembra ora qualcosa di tangibile, non solo dipinta sulla cornice da artisti digitali.

L'aspetto più forte del sesto film è l'esplorazione degli appuntamenti tra adolescenti con un tocco magico. Harry e Ron (Rupert Grint) iniziano a chiedere di uscire alle compagne di classe, tralasciando Hermione (Emma Watson). Quando gli adolescenti possono usare gli incantesimi per esprimere il loro dolore, ciò eleva i problemi sempreverdi fuori dal territorio di John Hughes.

La trama principale si sviluppa in modo piuttosto meccanico con sorprese e doppi incroci, ma poiché la maggior parte del pubblico conosce già la storia, questo non dovrebbe essere un problema. È la natura della narrazione prolissa in stile romanzo, ma piace a tutti, quindi chi può lamentarsi della sesta parte? Qualcosa nell'inevitabilità rende impressionante l'interpretazione delle battute di Snape da parte di Alan Rickman. Arrivarci è un brivido visivo, con sorprese emotive lungo il percorso.



^