Archeologia

Scoperto in Turchia un raro tesoro di monete d'argento romane di 2000 anni

>

Una pioggia di 651 monete d'argento romane antiche è stata documentata dagli archeologi dell'Università di Pamukkale che hanno aiutato a scoprire per la prima volta questo raro tesoro in un sito di scavo vicino all'antica città turca di Aizanoi nel 2019 in una nave d'acqua sepolta vicino a un ruscello.

in an dichiarazione ufficiale , i ricercatori coinvolti nel progetto, che è stato ritardato a causa della pandemia globale in corso ed è stato recentemente completato, hanno indicato che 439 di queste monete scintillanti erano denari, un tipo di moneta d'argento coniata per la prima volta nel III secolo a.C. Le altre 212 monete erano cistophori, moneta proveniente dall'antica città greca di Pergamo, nell'area dell'attuale Turchia occidentale.

La brocca doveva essere tenuta [in posizione] da tre lastre di terracotta che la coprivano, racconta l'archeologa Elif Özer dell'Università di Pamukkale Hurriyet Daily News , inclusa la teoria che la collezione di monete sia stata probabilmente sepolta durante il regno dell'imperatore Augusto che durò dal 27 a.C. al 14 d.C.



Per una dichiarazione , Özer ha anche concluso che queste monete prodotte nell'Italia meridionale, non erano semplicemente una collezione molto speciale e unica, ma il ritrovamento di monete d'argento più speciale degli ultimi tempi.

Incise con date comprese tra il 75 e il 4 a.C., le monete semplici mostrano per lo più le sembianze di Augusto, ma altre mostrano le immagini di imperatori e politici romani come Giulio Cesare, Marco Bruto e Marco Antonio. Durante le indagini sui manufatti, i ricercatori del museo sono rimasti sorpresi nel vedere che la maggior parte delle monete era straordinariamente ben conservata, con pochissima usura.

Secondo Scienze dal vivo , Özer ha inoltre ipotizzato che i denari e i cistophori facessero parte di un album di monete private di 2000 anni, una raccolta di denaro che ritrae i sovrani della tarda Repubblica Romana, che apparteneva a un soldato romano d'élite.

Un soldato di alto rango [probabilmente] è venuto ad Aizanoi ... e deve aver seppellito queste monete qui per un motivo che non sappiamo ancora, dice Özer Scienze dal vivo .

Ogni moneta riflette una storia diversa tratta dalla mitologia e dalla tradizione popolare. Ad esempio, un token ritrae l'eroe troiano Enea che porta suo padre, Anchise, sulla schiena, che è una scena notevole dell'opera poetica classica di Virgilio, L'Eneide .

Per ora, si prevede che questa ricca collezione di monete romane sarà esposta al pubblico presso il Museo delle Civiltà Anatoliche di Ankara.



^