Supernova

R I G E L

>

Di recente ho pubblicato una splendida foto della stella Betelgeuse, scattata dal mio amico e astronomo Adam Block. La stella, una supergigante rossa, segna la spalla sinistra di Orione, ma è solo una delle quattro stelle che segnano l'iconico quadrilatero della costellazione.

Kitty-corner di Betelgeuse, e in generale leggermente più luminoso ad occhio, è Rigel . È una supergigante blu, un mostro di una stella che è in tutto e per tutto uguale alla sua compagna più rossa dall'altra parte della costellazione. Ha una massa oltre 20 volte quella del Sole, e brilla con un'energia pari a più di 100.000 Soli, talmente luminosa che anche da oltre 800 anni luce di distanza è una delle stelle più luminose del cielo.

Adam ha scattato un'immagine della zona intorno a Rigel anch'esso complementare a quello di Betelgeuse. Incredibilmente, nonostante il suo potere terrificante, Rigel non è il protagonista (si fa per dire) dello spettacolo.



Tutto il resto lo è.

Rigel (in alto al centro) è la stella più luminosa di Orione, ma in questa esposizione molto profonda c'è molto altro da vedere. Credito: Adam Block/Steward Observatory/Università dell'ArizonaIngrandire

Rigel (in alto al centro) è la stella più luminosa di Orione, ma in questa esposizione molto profonda c'è molto altro da vedere. Credito: Adam Block/Steward Observatory/Università dell'Arizona

Santo cielo. Che colpo! Clicca qui per una versione molto più grande .

Rigel è la stella più luminosa nella foto, in alto a destra. Ma difficilmente è solo.

La struttura più ovvia qui è il bagliore blu spettrale a sinistra. Il suo nome tecnico è IC 2118 , ma più colloquialmente si chiama Nebulosa Testa di Strega. Dai un'occhiata e vedrai perché; sembra una strega dei cartoni animati rivolta a destra.

La Nebulosa Testa di Strega (a sinistra) assomiglia al suo eponimo, ma ruotala di 90° in senso antiorario e diventa la Nebulosa Fantasma Corrente. Credito: Adam Block/Steward Observatory/Università dell'ArizonaIngrandire

La Nebulosa Testa di Strega (a sinistra) assomiglia al suo eponimo, ma ruotala di 90° in senso antiorario e diventa la Nebulosa Fantasma Corrente. Credito: Adam Block/Steward Observatory/Università dell'Arizona

Una cosa che mi piace è come, ruotandola di 90° in senso antiorario, mantiene il tema di Halloween, diventando la Running Ghost Nebula! Guardalo? La forma a U in alto sono le sue braccia ectoplasmatiche sopra la sua testa (la protuberanza nella parte inferiore della U), che corre/vola a destra, la sua coda spettrale trascinandosi dietro a sinistra. Questo mi fa sempre sorridere.

La nebulosa è in realtà polvere (piccoli granelli di materiale roccioso e carbonio) illuminata da Rigel. La nebulosa è un po' più lontana della stella, anche se la sua distanza esatta è difficile da misurare. Quando l'ho visto per la prima volta in una foto ho pensato che fosse modellato anche da Rigel, la luce e i venti della stella che lo scolpivano. Ma ho sofferto di un pregiudizio: poiché sembra una faccia, e quella faccia sembra guardare verso Rigel, ho pensato che fossero associati fisicamente.

Tuttavia, guardandola come una nebulosa, è allungata in una direzione perpendicolare a Rigel e l'estremità inferiore punta verso un'enorme associazione libera di stelle estremamente luminose e potenti chiamata associazione Orion OB-1. Nello specifico, potrebbe essere che le intense stelle della Cintura di Orione - Alnitak, Alnilam e Mintaka - siano quelle che emettono radiazioni che hanno scolpito la forma della Testa di Strega. Tuttavia, quelle stelle si trovano a circa 200 anni luce dalla nebulosa, che è una strada molto lunga. Mi chiedo invece se dietro ci siano le stelle in Orion's Dagger (di cui la Nebulosa di Orione fa parte); sono un po' più vicini a 125 anni luce o giù di lì alla nebulosa.

In ogni caso, quelle stelle sono a un'enorme distanza da esso per comandare un tale grado di formazione. Le stelle massicce sono... inquietanti.

Un mosaico di Orione incredibilmente profondo e spettacolare mostra enormi quantità di gas e polvere che ricoprono la costellazione, distraendo dalla forma familiare della costellazione. Betelgeuse è la stella rossastra brillante in basso a sinistra. Credito: Rogelio Bernal AndreoIngrandire

Un mosaico di Orione incredibilmente profondo e spettacolare mostra enormi quantità di gas e polvere che ricoprono la costellazione, distraendo dalla forma familiare della costellazione. Betelgeuse è la stella rossastra brillante in basso a sinistra e Rigel quella blu in alto a destra. Credito: Rogelio Bernal Andreo

Pensala in questo modo: Rigel è in realtà quattro stelle in orbita l'una intorno all'altra, ma sono così lontane da noi che sembrano una ad occhio. La stella più grande è la supergigante blu. È orbitato da un sistema binario, che a sua volta ha una stella in orbita attorno a loro. Tutte e tre queste stelle compagne sono quelle che chiamiamo stelle B, che di per sé sono molto potenti e luminose. Ma accanto al supergigante sono difficili da rilevare anche con grandi telescopi.

Rigel è in primo piano rispetto a tutta la nebulosità che vedete qui. Dietro c'è il ridicolmente enorme Complesso di nuvole molecolari di Orione , a oltre mille anni luce dalla Terra, che è una vasta collezione di gas freddo e polvere dove nascono le stelle. È una delle fabbriche di formazione stellare più prolifiche della nostra galassia, e in effetti la Nebulosa di Orione ne è solo una piccola parte.

spazio profondo nove nella pallida luce della luna

Il bagliore rosso proviene dal gas nel complesso energizzato dalla luce delle potenti stelle OB-1. Gli elettroni negli atomi saltano a stati energetici più alti e quando scendono a cascata emettono quella caratteristica luce rossa . Il bagliore del colpo, d'altra parte, proviene da quella polvere, che disperde la luce blu delle stelle, riflettendone essenzialmente una parte a noi. A causa di questi processi, il gas rosso è chiamato an nebulosa a emissione , e la polvere blu a nebulosa a riflessione .

Nota le dita di gas sotto la testa della strega, che puntano anche in basso a destra, nella direzione della cintura e del pugnale di Orione. Quel gas viene preso a pugni dalle stelle, espulso ed eroso come un banco di sabbia nell'acqua corrente. Queste strutture sono talvolta chiamate tronchi di elefante o pilastri della creazione (dall'iconica nebulosa dell'Aquila) e sono il luogo in cui nascono le stelle. Nota anche la stella luminosa nell'angolo in basso a destra: Questo è Eta Orionis , che fa anche parte dell'associazione OB1, ed è anche una potente stella. Quelle dita puntano proprio su di esso, quindi potrebbe avere un ruolo anche qui.

Intendiamoci, anche da un luogo oscuro, guardare Rigel con gli occhi non accenna nemmeno al caos che sta accadendo intorno ad esso. Ho scansionato quest'area con il telescopio molte volte e inoltre dozzine di stelle facilmente individuabili (incluse Orione tau in basso a destra di Rigel nella foto, e Beta Eridani , la stella più luminosa a sinistra del centro), non c'è barlume di gas e polvere sparsi ovunque. Il motivo per cui vedi tutta questa struttura nella foto è che si tratta di un'esposizione di 48 ore, un mosaico di quattro pannelli con ciascun pannello a sua volta composto da tre esposizioni di quattro ore nei filtri rosso, verde e blu per produrre questo ampio campo scena a colori naturali.

Noterò che essendo un enorme supergigante, Rigel, come Betelgeuse, un giorno esploderà come una supernova. Non è chiaro quando, anche se potrebbe non esserlo per un altro milione di anni. In effetti, le stelle della Cintura di Orione andranno tutte in quel modo un giorno, così come una manciata di altre nella costellazione. Betelgeuse probabilmente se ne andrà prima, ma centomila anni sono ancora molto tempo da oggi.

Orione si trova nell'emisfero settentrionale alla fine dei mesi invernali, quindi attualmente tramonta con il Sole. Ma con il freddo ancora una volta guarderò da questa parte, e quando individuerò Orion e lo zaffiro blu che segna il suo ginocchio sinistro, avrò un apprezzamento molto più profondo di ciò che sto vedendo.



^