I Preferiti Problematici

I preferiti problematici: dal tramonto all'alba

>

Essere una donna che ama la cultura pop è una vita spesso travagliata in cui ti trovi costantemente di fronte a storie, temi e rappresentazioni che ti ricordano quanti danni provoca il patriarcato. È particolarmente insidioso in queste ultime settimane di quella che sarà per sempre conosciuta come l'era post-Harvey Weinstein. Dopo che il famigerato produttore è stato smascherato come uno dei predatori più prolifici di Hollywood, un'ombra pesante è stata proiettata sui numerosi film che ha contribuito a portare sullo schermo.

Una cosa è separare l'arte dall'artista; è tutt'altro quando l'arte stessa sembra così riflettente di quegli atteggiamenti sgradevoli che hanno reso il mondo dello spettacolo così inevitabilmente tossico. Ogni donna amante della cultura pop ha avuto quel momento di amare un film, un programma televisivo, un libro o un altro mezzo, e ha lottato per affrontare quegli elementi problematici che rendono il consumo senza pensarci due volte molto più difficile.

Ho pensato molto a questo dopo la notizia di Weinstein, in particolare in relazione a uno dei miei film preferiti di tutti i tempi che la Miramax ha contribuito a distribuire, il film di Robert Rodriguez Dal tramonto all'alba . In molti modi, ha tutto ciò che potrei chiedere a un film: un'atmosfera straordinariamente cool, una colonna sonora eccezionale, interpretazioni avvincenti, un'affascinante protagonista femminile e uno dei più divertenti inversioni a U di genere nel film moderno. Ogni visione del film è un momento divertente, da condividere con gli amici e qualche birra, poiché un thriller teso che coinvolge due fratelli criminali che attraversano il confine con una famiglia rapita in Messico diventa improvvisamente un frenetico horror da grindhouse con un mucchio di vampiri spogliarelliste. Eppure, in mezzo a tutto quel divertimento c'è un film con difetti palesemente evidenti e una storia dominata dallo sguardo maschile così pesantemente che anche il teorico femminista più incallito sarebbe sorpreso dalla sua tenacia.



from_dusk_till_dawn_2.jpg

Guardando Dal tramonto all'alba , che ha generato due sequel e una serie TV, è impossibile evitare quanto di questo film sia la manifestazione dell'identità del suo sceneggiatore. Quando il tuo sceneggiatore è Quentin Tarantino, che interpreta la metà più psicotica del duo Gecko Brothers, non dovrebbe essere una sorpresa. Il film ha tutti i suoi marchi di fabbrica – i dialoghi nitidissimi e immensamente citabili, la colonna sonora più cool che cool, gli omaggi ai thriller di genere del passato – che è in parte ciò che rende il film così facile da godere. Potrebbe essere uno dei veri autori di spicco della sua epoca, ma sicuramente sa come divertirsi. È fantastico per la maggior parte del film, come la scena iniziale in cui la tensione è amplificata fino a livelli quasi insopportabili, ma poi arrivi ai momenti di una tale sfacciata fantasia auto-inserita per Tarantino e diventa più difficile da digerire. Tutti conoscono il feticismo dei piedi di Tarantino - non è certo il più grande segreto di Hollywood - ma guardarlo recitare una scena in cui Salma Hayek gli infila il piede in bocca e gli versa champagne lungo la gamba da bere, una scena che ha scritto per se stesso, sicuramente solleva molte domande sulla separazione dell'arte dall'artista.

Una volta che il bar dove i fratelli e i loro ostaggi si rivela essere un hub per ogni vampiro in Messico, inizia il vero divertimento. C'è un'enorme quantità di divertimento vertiginoso nelle scene in cui George Clooney nella sua forma più sexy va tutto Van Helsing su una massa di vampiri famelici. Rodriguez e Tarantino hanno realizzato un film che evoca deliberatamente l'era dei B-movies drive-in notturni, in cui il sangue scorre libero e la nudità è abbondante, e guardare Dal tramonto all'alba con questo in mente facilita il processo, ma anche il geek del genere più esperto potrebbe avere problemi a guardare le donne messicane quasi nude, sempre inquadrate in un modo in cui i loro seni sono un punto focale, essere uccise in massa.

Il film vuole avere la sua torta e mangiarla: sono creazioni mostruose con facce da pipistrello ma corpi umani quasi perfetti dal collo in giù. È la teoria di Barbara Creed del mostruoso femminile alla sua naturale conclusione, poiché queste sinistre seduttrici camminano sul confine tra essere super spaventose ed estremamente eccitanti. È un piacere essere trovati lì se non sei un tipo etero e ti piace questo genere di cose (fidati di noi, non giudichiamo), anche se è chiaro chi fosse il target demografico di questo film.

A causa della sua struttura intrigante – thriller teso sulla rapina nella prima metà, maniacale grindhouse di vampiri nella seconda – il film ha poco tempo per respirare ed esplorare alcuni dei suoi temi più complicati. Il personaggio di Richie Gecko, interpretato da Tarantino, è uno psicopatico sadico che ha deliri che sembrano incoraggiarlo a commettere il più efferato dei crimini. Nel momento in cui vediamo flash minuti del bagno di sangue che ha creato con un ostaggio in una stanza d'albergo, lo sentiamo cercare di giustificare a suo fratello Seth perché ha fatto quello che ha fatto, ed è un momento potente ma il film non impegna per esplorarlo nel modo di cui ha bisogno. Richie è uno stupratore e assassino, che a un certo punto immagina il personaggio di Juliette Lewis, un'adolescente, che gli chiede di farla a pezzi, e questo apre molte domande che rimangono senza risposta. Forse se il film non avesse una seconda metà piena di vampiri, ci sarebbe stata un'opportunità per Tarantino e Rodriguez di scavare più a fondo in Richie, ma quando il tuo film è più interessato all'estetica che al personaggio, le possibilità diventano semplicemente un potenziale mancato.

from_dusk_till_dawn_3.jpg

Guardare il film, anche da qualcuno che lo ama davvero e l'ha visto più volte di quanto le importi di ricordare, è un costante promemoria del potenziale mancato. Vuoi disperatamente saperne di più sulla regina vampiro Santanico Pandemonium di Salma Hayek, o almeno vederla giocare un ruolo più importante nella storia che soddisfare la fantasia di Tarantino e poi essere uccisa con una battuta concisa. Vuoi vedere di più su questo affascinante ecosistema in cui i vampiri, che sembrano vivere in una gerarchia dominata dalle donne, predano le meschine debolezze degli uomini arrapati. Pensi all'affascinante arco narrativo del personaggio di Juliette Lewis - una sardonica giovane donna di fede la cui fede è stata scossa dalla morte della madre trova una forza sconosciuta in circostanze difficili e perde tutto nel modo più orribile possibile - e vorresti che le fosse stato dato di più da fare. In tutta onestà con Rodriguez, lo sentiva chiaramente lui stesso, e la saga che ha seguito il cult originale ha ampliato quel potenziale. Il terzo film della trilogia è in realtà un prequel che offre a Santanico un affascinante retroscena.

Dal tramonto all'alba ha avuto una longevità sorprendente per un action-horror di modesto successo che ha diviso l'opinione critica al momento della sua uscita. Ha dato a una storia piena zeppa di possibilità un'opportunità di espandersi in nuovi modi. La serie TV, che può essere vista sulla rete El Rey, dà più risalto alla mitologia azteca della storia e si concentra maggiormente su personaggi come Santanico. È il tipo di seconda vita che vorrei che tutti i miei film preferiti potessero avere, anche se è particolarmente eccitante per From Dal tramonto all'alba perché significa che c'è molto di più da offrire di un film che amo, ma vorrei comunque aver preso altre decisioni.



^