Poltergeist

Il remake di Poltergeist è un promemoria di ciò che rende unico l'originale

>

La rivisitazione 2015 di Poltergeist è principalmente quello che ci si aspetta dai remake dell'orrore: uno spettacolo passabile anche se noioso, che colpisce molti ritmi familiari dal suo materiale originale ma vestito con le attuali mode horror. In effetti, l'unica cosa che è stata messa a fuoco più nitidamente dal nuovo Poltergeist è che l'originale ha avuto una certa influenza sull'horror moderno.

Insidioso , Sinistro e L'evocazione tutti hanno un tema unificante in comune: la famiglia. Al centro di ciascuna delle loro storie c'è una famiglia che lotta per affrontare il soprannaturale. È un tema che ha servito ogni franchise abbastanza bene da meritare redditizi sequel teatrali.

C'è un'importante distinzione tra quei film e Poltergeist , benchè. Poltergeist non è solo un film su una famiglia; è stato progettato per essere visualizzato in famiglia. Steven Spielberg e Tobe Hooper hanno effettivamente combattuto l'MPAA per il rating R iniziale del film fino a quando non è stato abbassato a PG. Certo, stiamo parlando di un tempo prima che esistesse PG-13, ma il risultato non è meno degno di nota. Poltergeist è passato dall'essere brevemente considerato un affare in gran parte per soli adulti a una valutazione che diceva ai genitori 'Sì, porta anche i bambini'.'



Sebbene Poltergeist ha la sua giusta dose di paura, che il punteggio PG è guadagnato, perché il focus di Poltergeist in realtà non è la paura, è la famiglia. Questo è il cuore di ciò che rende Poltergeist spicca. Ma proprio come i Freelings'casa, questo film ha molti cuori.

Il confronto moderno più vicino a cui si possa trarre Poltergeist non è il suo remake ma quello del 2013 L'evocazione. ( Nota: questo articolo discuterà gli elementi della trama di entrambi i film. ) Entrambi presentano una famiglia in difficoltà a causa di un disturbo soprannaturale all'interno della loro casa, ed entrambi cercano l'aiuto di investigatori del paranormale dotati. Entrambi mettono anche la madre in un ruolo centrale, ma è proprio qui che i due film divergono, e dove Poltergeist l'unicità di questo ancora una volta entra in gioco.

Mentre Carolyn Perron in L'evocazione è il fulcro dell'infestazione e alla fine viene posseduta, Diane Freeling è costantemente l'unica persona abbastanza forte e saggia da proteggere la sua famiglia dal poltergeist titolare. Questa distinzione è essenziale per capire perché lo storytelling in Poltergeist è diverso da qualsiasi altro film horror mai realizzato.

Sebbene ogni membro della famiglia faccia la sua parte, Poltergeist è in gran parte la storia di Diane Freeling. Anche se Carol Anne potrebbe essere la prima a scoprire il disturbo, è Diane,interpretata dalla luminescente JoBeth Williams,chi cerca di capirlo. Il film si impegna persino a dire al pubblico che il dono di Carol Anne di vedere oltre ciò che fa la maggior parte degli umani viene da Diane.

Di conseguenza, una volta che Carol Anne viene presa dagli spiriti che abitano la casa dei Freeling, è Diane la più capace di rimanere in comunicazione con lei. Mettere una figura materna al centro di Poltergeist ha un profondo effetto sul modo in cui sperimentiamo il suo marchio di orrore. Prendi, ad esempio, questa sequenza, in cui Diane comunica con Carol Anne a beneficio del Dr. Lesh e degli altri investigatori del paranormale:

Sia questa che la precedente clip costituiscono la spina dorsale per Poltergiest tonalmente, e tanto di Poltergeist usa questa tattica nell'affrontare il soprannaturale -- non solo con il panico o il terrore, ma con stupore e compassione.

In definitiva, Poltergeist ha molto più in comune con l'altro film di Spielberg del 1982, E.T., di quanto non faccia con Il evocazione . In effetti, si potrebbe sostenere che se non fosse stato per l'unico spirito malvagio nella casa dei Freeling, la relazione di Carol Anne con gli altri spiriti nella sua casa sarebbe stata probabilmente molto più simile a quella tra Elliott ed E.T.

Ci sono tanti aspetti di Poltergeist di cui la gente parla. Che si tratti del lavoro sugli effetti di ILM, dei conflitti tra Spielberg e Hooper o della presunta maledizione che circonda il franchise, Poltergeist è uno di quei film dell'orrore che appare in ogni lista dei migliori. Ma molti film hanno grandi effetti e colonne sonore, la maggior parte ha conflitti creativi a bizzeffe e storie di maledizioni della 'vita reale' emergono in una miriade di film dell'orrore.

Tutte queste cose messe insieme non sono ciò che rende Poltergest distinto. Cosa fa Poltergeist così singolare e ridefinitore del genere è che, nonostante le paure lungo la strada (e ce ne sono molte davvero memorabili), la storia di Poltergeist non è così semplice come il bene che sconfigge il male: è una storia di ricongiungimento delle anime perdute, siano esse viventi o qualcosa al di là. È una storia che non è solo spaventosa, è quella che ci ricorda che va bene avere paura a volte.

Poltergeist prende la vita familiare più ordinaria e la rende straordinaria, non solo attraverso sogni o incubi, ma attraverso gli spazi intermedi. Non solo il Poltergeist il remake non riesce a fare nulla di quanto sopra, ma è in netto contrasto con l'originale Poltergeist che serve come promemoria di quanto veramente a se stesso rimane il classico del 1982.

Poltergeist era un vero originale quando è uscito, e anche con gli ovvi cenni nei decenni di cinema da allora, rimane completamente diverso da qualsiasi film che è stato realizzato prima o dopo - un film horror che tira le corde del cuore di tutta la famiglia.



^