Tom Ellis

Interpretare Michael nella quinta stagione di Lucifer ha fatto sentire Tom Ellis 'come una massiccia frode'

>

Quando Lucifer ha lasciato la Terra alla fine della Stagione 4 per riportare l'ordine tanto necessario all'inferno, la domanda immediata per la Stagione 5 è diventata: Bene, che diavolo adesso? Per quattro anni, il punto di Lucifero era che il diavolo stava impazzendo a Los Angeles. Cos'è Lucifero senza Lucifero a Los Angeles?

spider-man in the spider-verse guarda online

I co-showrunner Joe Henderson e Ildy Modrovich sapevano che avrebbero avuto bisogno di qualcosa di grande per riportare il diavolo nel gioco. Per fortuna, i fumetti DC su cui Lucifero si basa tenuto alcune risposte. Entra: l'arcangelo Michele, fratello gemello di Lucifero.

**ATTENZIONE SPOILER: questa storia contiene spoiler per Lucifero Stagione 5.**



Certo, il Michael dell'universo DC Comics - gentile, angelico, biondo - è un Michael molto diverso da quello che gli spettatori incontrano in Lucifero Stagione 5. Per uno, il Michael dello show ha i capelli neri di Lucifer e gli occhi scuri e acuti perché lui, come Lucifer, è interpretato da Tom Ellis. Questo è, ovviamente, il genio della trama: più del suo amore per il detective Chloe Decker (Lauren German), l'unica cosa che potrebbe riportare Lucifero sulla Terra dall'inferno sarebbe il suo stesso ego dopo aver appreso qualcuno, specialmente suo fratello, lo stava impersonando. E si scopre che impersonare il diavolo è un compito spesso infernale, sia per Michael che per l'attore dietro di lui.

Mi sono sentito un truffatore in piedi di fronte alle persone con cui ho lavorato per cinque anni, fingendo di essere qualcun altro, ha ammesso Ellis a SYFY WIRE prima della premiere della stagione 5 della serie il 21 agosto su Netflix. È stata una sensazione così strana all'inizio perché sono così abituato a entrare nella pelle di Lucifero e semplicemente, con un semplice tocco di un interruttore, entrare e uscire da esso. [Interpretare Michael] è stato strano per me, a dire il vero. Mi sono sentito un grosso impostore per la maggior parte del tempo.

All'inizio, Michael è pronto a giocare il lungo gioco, guardandosi allo specchio, completamente nudo, praticando il caratteristico fascino britannico e il sorriso malizioso di Lucifero. (Ciao, Detective.) Ma solo due episodi nella stagione, il pubblico impara cosa è veramente Michael: una debole versione di Lucifero con accento americano che in qualche modo ha un chip ancora più grande sulla sua spalla.

viggo mortensen il signore degli anelli

Va detto: c'è una strana, innegabile dissonanza cognitiva nell'ascoltare un accento quasi nasale americano che esce dalla bocca di Ellis. Chiunque abbia guardato Lucifer per un certo periodo di tempo è abituato a un timbro inglese liscio, così affascinante che dovrebbe essere traballante, ma in qualche modo riesce a non esserlo. Rachael Harris, che interpreta la voce della ragione di Lucifer, la dottoressa Linda Martin, non può fare a meno di ridere quando parla dell'accento americano di Ellis. Dice a SYFY WIRE che non ha potuto fare a meno di prendere in giro Ellis (bonariamente, ovviamente) durante l'esordio, definendo la voce innaturale, dal momento che lei e tutti gli altri hanno ascoltato la voce normale di Ellis per anni.

Volevo dargli uno standard, diciamo, un dialetto colto americano della costa orientale, suppongo, spiega Ellis. Era lì che stavo per iniziare. La cosa principale era che volevo solo che fosse davvero diverso da Lucifero. Nel breve lasso di tempo che abbiamo quando cambiamo tra i due personaggi sul set, non ho tempo per tornare indietro e fare grandi cose di trucco protesico e tutto quel genere di cose.

Quindi ha dovuto trovare un modo per passare avanti e indietro tra i due personaggi e differenziarli veramente, anche quando non parlava. Certo, Michael smette rapidamente di impersonare Lucifero e abbraccia il suo stile - dolcevita per giorni - ma Ellis e il team di Lucifero hanno optato per altri fattori importanti: una spalla zoppicante e una postura curva per contrastare con la fiducia che Lucifero irradia.

Dovevo andare alla vecchia scuola come avresti fatto a teatro e pensare solo alla fisicità... pensa al modo in cui si comporta e al modo in cui cammina, dice Ellis. Ha lavorato al fianco del regista Sherwin Shilati e del co-showrunner Modrovich per sviluppare lo schtick di Michael. Sono andato nella stanza con [Shilati e Modrovich] e ho solo detto: 'Ecco cosa sto pensando', mi sono alzato dalla sedia e ho iniziato a fare cose. Ho detto che Lucifer è fondamentalmente questo personaggio grande e aperto. Quando dico aperto, intendo anche fisicamente aperto alle persone.

Considerando che Michael, volevo chiuderlo fisicamente e renderlo un personaggio molto più tranquillo in quel senso. È da lì che è iniziata questa cosa della spalla, continua Ellis. Poi abbiamo iniziato a parlare dell'evoluzione di quello e perché avrebbe dovuto farlo. Forse la sua ala quando esce da quella parte è un po' danneggiata e quant'altro. In realtà andiamo avanti nella seconda metà della stagione per spiegare perché Michael è così incline.

Quel tipo di collaborazione dell'ultimo minuto è ciò che rende la televisione così eccitante, dice Ellis. La bellezza di raccontare storie quando scrivi uno show televisivo è che spesso metti le tracce mentre lo fai, spiega. Non ci sono risposte... Inizi a collegare i punti senza nemmeno sapere dove stanno andando.

cosa è successo a isla sorna?

I primi otto episodi di Lucifero La quinta stagione è ora disponibile su Netflix.

Dai un'occhiata a SYFY WIRE per saperne di più Lucifero Copertura della quinta stagione nella prossima settimana.



^