Non Il Tuo Shero

Not Your Shero: O-Ren Ishii, la vera antieroina di Kill Bill

>

Tutti amano un eroe, ma noi adoriamo un buon cattivo. Le donne forti sono disponibili in tutte le forme, dimensioni e gusti, e a volte questo significa guardare un personaggio che non ha interesse a essere il tuo modello. Per tutto questo mese presenteremo Not Your Shero, una serie che celebra gli antieroi, i cattivi e tutte le donne troppo impegnate a scatenare il caos per salvarti.

invasione degli ultracorpi (1978)

Parliamo di Bill. Uccidi Bill .

Quest'anno ricorre il 15° anniversario della saga di arti marziali di Quentin Tarantino. Quando è arrivato nelle sale nel 2003, il film era rivoluzionario. Si è fatto strada attraverso i migliori generi, offrendo sequenze di combattimento intricate ed esagerate, e presentava una protagonista femminile che ruggiva, si infuriava e si vendicava attraverso due film, determinata a raccogliere la sua giustizia nel sangue versato.



Beatrix Kiddo (Uma Thurman) aka Black Mamba potrebbe essere stata l'eroina di Uccidi Bill , una donna offesa da coloro di cui si fidava, ma guardando il film 15 anni dopo, è chiaro che c'è un altro membro della Deadly Viper Assassination Squad su cui dormiamo da troppo tempo: O-Ren Ishii.

Per capire come O-Ren sia diventato un'antieroina piuttosto che un cattivo ben definito, dobbiamo tornare all'inizio.

Quando Tarantino ha presentato il suo capolavoro al pubblico anni fa, il concetto di una donna antipatica, specialmente in un ruolo malvagio, era tagliato e asciutto. Stiamo parlando del deserto del Sahara arido. Alle donne raramente venivano assegnati ruoli complicati e stratificati da ricoprire, specialmente nei film d'azione. Certo, siamo stati trattati per dare uno sguardo al passato di Kiddo, ai pestaggi e agli omicidi che hanno contribuito alla sua ricerca di vendetta, ma Tarantino ha usato quei flashback per posizionarci nell'angolo della sua protagonista femminile. Dovevamo fare il tifo per Beatrix, questa povera donna (bianca) che era stata tradita e data per morta da persone che amava senza una ragione spiegabile. È stato più facile e molto più divertente vedere Thurman fare a pezzi i membri di The Crazy 88, casalinghe col coltello nelle loro cucine, e letteralmente spezzare i cuori quando credevamo che fosse lei quella che era stata abusata, maltrattata, fottuta terminato.

E lei lo era. Beatrix Kiddo si è guadagnata ogni arto che ha reciso, ogni cuore pulsante che ha strappato dal petto di un uomo, ogni punto rosso nella sua lista di uccisioni, ma mentre l'arco di Thurman sembrava prevedibilmente chiaro, e mentre la sua partecipazione a un'organizzazione che impiegava assassini a noleggio non era mai più che un punto debole nella sua storia passata, è il percorso tortuoso, moralmente discutibile e deliberatamente scelto di O-Ren Ishii, la regina degli inferi di Tokyo, che è davvero interessante.

un evento all'episodio della zona crepuscolare di Owl Creek Bridge

Che sia voluto o meno (e siamo onesti, Tarantino probabilmente non intendeva che nessun personaggio femminile si elevasse al di sopra dei propri interessi), il boss criminale della Yakuza di Lucy Liu ha trasceso la versione taglierina del cattivo in cui il film ha cercato di modellarla . In effetti, da donna adulta che guarda il film 15 anni dopo, è O-Ren – la sua lotta, il suo passato e la sua eventuale rovina – che sembra più riconoscibile. Beatrix potrebbe aver riempito quel tropo Roaring Rampage of Revenge, ma O-Ren non era la malvagia Regina dei Ghiacci che avrebbe dovuto essere. Invece, era l'anti-eroina che non ci meritavamo.

O-Ren-Ishii-Lucy-Liu-Kill-Bill

Il primo di Tarantino Uccidi Bill la puntata si occupa quasi interamente del retroscena di O-Ren. Dopo che Beatrix Kiddo è uscita dal coma con l'intenzione di prendere a calci in culo e prendere teste, è O-Ren, una giovane donna che si è trasformata da orfana emarginata a leader di un temuto e potente sindacato criminale, questa è la testa più facile da individuare . Diamo un'occhiata a Beatrix che si vendica di Vernita Green (Vivica A. Fox), un altro membro della Viper Squad, ma la loro lotta è breve, sanguinosa e brutale. Vernita implora per la sua vita, usando la scusa della maternità come un modo per attirare la simpatia di Beatrix prima di rivelare alla fine la sua mancanza di rimorso per aver tentato di uccidere il suo collega tanti anni fa con una scatola di cereali e una pistola. Se lo spettatore provava simpatia per Green, sua figlia e la vita che aveva cercato di creare dopo il massacro di Two Pines, svaniva in una nuvola di polvere di marshmallow di Kaboom.

L'arco di O-Ren sembrava diverso. A differenza degli altri assassini, Tarantino ha dedicato del tempo per approfondire il retroscena del suo cattivo. Nata da un padre che ha prestato servizio nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti e da una madre casalinga, O-Ren ha combattuto contro la sua discendenza mista cinese-giapponese-americana per tutta la vita. Quando aveva 9 anni, i suoi genitori furono brutalmente assassinati mentre giaceva tranquilla sotto il suo letto. All'età di 11 anni ha sventrato l'uomo responsabile della loro morte. A 20 anni era diventata una delle assassine più temute al mondo. Era un percorso scelto da O-Ren, in parte a causa delle circostanze ma soprattutto a causa del suo passato violento per mano di uomini moralmente corrotti che l'hanno ispirata a guadagnare potere su di loro. Sta dicendo che i clan Yakuza sono ciò su cui O-Ren sperava di governare una volta terminato il suo tempo con Bill. Forse aveva intenzione di correggere i torti, forse desiderava solo riprendersi il potere che le era stato rubato. Non lo scopriamo mai veramente, perché Tarantino è più interessato a dipingerla come una cattiva inflessibile e antipatica e a dilettarsi in preoccupanti tropi sulla cultura giapponese (l'imperscrutabile tropo orientale) e sulle donne asiatiche (la Dragon Lady).

Ciò di cui siamo testimoni è la vita di O-Ren dopo il massacro nella cappella, come anche all'apice del suo potere, con un esercito di scagnozzi samurai e i clan Yazuka che si inchinano davanti a lei, deve ancora dimostrare il suo valore, come donna e una donna di origini miste, per uomini che sono nati nella vita in cui ha trascorso anni a farsi strada. Lascia le Vipere con la benedizione di Bill e presumibilmente il suo sostegno finanziario, ma è O-Ren che deve fare il duro lavoro di dominare il vizio nella sua città. Non si è ritirata in uno strip club, non è diventata una casalinga o la fidanzata di riserva di Bill: ha accettato le parti più oscure della sua natura e dei suoi affari e le ha abbracciate. È ciò che rende la sua eventuale resa dei conti con Beatrix così interessante.

Uccidi-Bill-O-Ren-Ishii-La-Sposa

Quando Kiddo trova O-Ren a cena con la sua squadra mafiosa, i due si posizionano alle estremità opposte di archi paralleli. O-Ren ha iniziato come una donna a cui le è stata rubata la vita, intenta a vendicarsi. Quando incontra di nuovo Beatrix, è diventata il male contro cui ha combattuto da bambina, un boss del crimine che ha massacrato un'intera famiglia. È una sorta di tragico rispecchiamento, ma mentre si scontrano con l'acciaio nella neve, O-Ren sembra rendersi conto di dove è finita. Combatte contro Beatrix con una misura di rispetto che nessuna delle altre Vipere le ha offerto - certo, Elle, Bud e Vernita hanno parlato di rammarico e hanno elogiato le sue capacità, ma le loro azioni non hanno rispecchiato le loro parole - ed entrambe le donne sembrano proiettare rammarico a loro circostanze attuali. Beatrix mostra rimorso per aver ucciso O-Ren, mentre O-Ren si scusa per averla ridicolizzata e sottovalutata, azioni che ha subito per tutta la sua vita. È un cambiamento tangibile rispetto ai successivi combattimenti di Kiddo. Per Beatrix, la morte di O-Ren significava più di una semplice sconfitta dei suoi nemici. Per O-Ren, il suo ultimo combattimento ha richiamato i ricordi dei suoi inizi e le ha permesso di accettare gli errori che ha commesso, principalmente l'errore di aver tentato di uccidere il suo vecchio amico.

nuovo star trek con picard

O-Ren non è un personaggio perfetto e tende più al male che al bene, ma è in grado di affrontare le conseguenze delle sue azioni in un modo che nessuno dei suoi coetanei potrebbe fare. Anche Beatrix non affronta gli orrori del suo passato allo stesso modo – certo, è l'eroina di questa storia, ma non dimentichiamo che uccideva le persone per vivere, non perché la sua educazione l'ha introdotta a quella vita, ma perché lei innamorato di un uomo cattivo. O-Ren meritava di meglio di quello che ha ottenuto – nella vita e nel film di Tarantino – ma è ora di smetterla di etichettarla come qualcosa di così semplicistico e noioso come semplicemente cattiva. Era una donna, che faceva del suo meglio con quello che aveva, prendeva decisioni sbagliate, si aggrappava al potere degli uomini, viveva senza scuse alle sue condizioni e fissava i suoi errori con una sorta di tranquilla accettazione e umiltà. O-Ren Ishii non era un'eroina, non era una cattiva; era proprio il tipo di personaggio femminile che non eravamo abituati a vedere sullo schermo, l'antieroina che non ci meritavamo.



^