Altro

No, non avremo 15 giorni di oscurità a novembre

>

Ehi, è passato un po' di tempo dall'ultima volta che ho dovuto sfatare un pezzo di merda assoluta su Internet. È come andare in bicicletta però... se stai andando in bicicletta su una strada infinita disseminata di ciò che esce dall'estremità sud di un toro rivolto a nord.

L'ultimo fertilizzante che copre il percorso verso l'illuminazione è l'affermazione che la Terra sperimenterà 15 giorni di oscurità a novembre. Ho sentito che la fonte originale di questo è il sito di notizie false NotizieGuarda33 , che pubblica ogni tipo di assurdità (affermando che alcune storie sono vere, altre satiriche). Naturalmente, è stato raccolto da molti altri siti dubbi. Poi è arrivato su Facebook, che è come un piatto di agar per tale ridicolo, e da lì è decollato.

Inutile dire di no. No, non avremo 15 giorni di buio a novembre. No.*



Quindi cosa sta succedendo?

Secondo la pretesa,

Gli astronomi della NASA hanno indicato che il mondo rimarrà nella completa oscurità a partire da domenica 15 novembre 2015 alle 3:00 e terminerà lunedì 30 novembre 2015 alle 16:15. Secondo i funzionari, l'evento Black Out di novembre sarà causato da un altro evento astronomico tra Venere e Giove.

OK, iniziamo da lì. Un grande indicatore che questa è una sciocchezza è la mancanza di fusi orari elencati. È l'ora UTC o orientale degli Stati Uniti? Venere e Giove si sono ricordati di riportare indietro l'orologio la scorsa settimana? Fai anche quei pianeti avere un novembre?

Si dà il caso che Venere e Giove sono relativamente vicini nel cielo. Puoi vederli al mattino prima dell'alba a est. Sono distanti circa 18° o giù di lì il 15 novembre.

Tuttavia, in realtà non sono vicini tra loro nello spazio. Giove è a circa 900 milioni di chilometri dalla Terra in quel momento e Venere a circa 125 milioni. Ciò significa che sono distanti 775 milioni di chilometri l'uno dall'altro! È un po' un'escursione.

Inoltre, è divertente che l'affermazione non riguardi Marte, che appare nel cielo proprio tra Venere e Giove.

Ad ogni modo, esattamente in che modo Venere passando vicino a Giove dovrebbe farci precipitare nell'oscurità?

Secondo l'affermazione, Venere riscalderà Giove, provocando una reazione che rilascerà idrogeno nello spazio, che poi colpirà il Sole, riscaldando la superficie del Sole e poi—e non posso credere che sto effettivamente scrivendo questo:

Il sole tenterà quindi di fermare le esplosioni emettendo calore dal suo nucleo. Il calore farà sì che il Sole si affievolisca in un colore bluastro. Una volta che il sole raggiunge il colore bluastro, ci vorranno circa 14 giorni per ripristinare la sua normale temperatura superficiale, restituendo al gigante rosso il suo colore normale.

Va bene allora. A parte la punteggiatura strana e l'uso della grammatica, beh, niente di tutto questo ha alcun senso.

Per prima cosa, se Venere potesse riscaldare Giove da quella distanza, allora saremmo in un bel guaio, essendo sette volte più vicini. La luminosità diminuisce con il quadrato della distanza , quindi otterremmo da Venere 50 volte più calore di Giove! Se Big J venisse cotto, verremmo vaporizzati. Siamo ancora qui, quindi penso che siamo a posto.

Ma aspetta! C'è più!

Il Sole non è una gigante rossa. Non è nemmeno rosso. Non può cambiare in un colore bluastro senza raddoppiare la sua temperatura superficiale, il che lo renderebbe molto, molto più luminoso, non più fioco: la quantità di luce emessa da una stella va come la temperatura alla quarta potenza , quindi se la temperatura del Sole raddoppiasse, diventerebbe 24= 16 volte più luminoso. Immagina il Sole 16 volte più luminoso. Ora immagina la Terra in fiamme. Ti sembrano 15 giorni di oscurità?

Inoltre, l'intera faccenda del nucleo del Sole che emette più calore per contrastare l'aumento della temperatura superficiale è solo insalata di parole. Lo noterò il nucleo è dove il calore del sole è generato , ma ci vogliono centinaia di migliaia di anni perché quel calore arrivi dal nucleo alla superficie. Quindi, anche se una qualsiasi di queste affermazioni avesse un senso - e in realtà non lo ha davvero - allora se ci fosse un problema con la superficie, sarebbero i nostri discendenti nell'anno 1 milione che dovrebbero affrontarlo .

Presumo che ci saranno ancora bufale su Internet anche allora.

Il sito continua, parlando dell'amministratore della NASA Charlie Bolden che pubblica un rapporto di 1000 pagine (che sembra eccessivo, anche per una burocrazia governativa), e altro ancora. Non credo di aver bisogno di andare avanti.

Non mi preoccuperei di folderol come questo, ma il fatto è che alcune persone prendono sul serio bufale come questa (controlla l'hashtag #NovembreBlackOut se non mi credi). Non sono stupidi, semplicemente non hanno alcuna familiarità con la scienza di questo. Ma ancora più importante, alla maggior parte delle persone non viene insegnato a pensare in modo critico . Questo non è naturale per noi umani; anzi, proprio il contrario. Le persone tendono a credere alle cose delle figure autoritarie e non controllano i fatti.

Se insegnassimo alla gente come fare domande, come sezionare le affermazioni, come esaminare meglio le prove, allora molte di queste bufale svanirebbero. Per non parlare di altre cattive affermazioni , come quelli di anti-vaccinisti, omeopati, sensitivi, negazionisti del cambiamento climatico, veritieri dell'11 settembre, creazionisti e molti altri.

Ricorda anche che i politici sono persone, soggette agli stessi pregiudizi e cattivi pensieri del resto di noi. Quelle persone hanno davvero un impatto reale, fare leggi basate su sciocchezze e attaccando anche la vera scienza .

Non sono preoccupato per 15 giorni di buio. Sono preoccupato per la vera minaccia che il cattivo pensiero rappresenta per tutti noi .

*Beh, suppongo che tu potevo addizionare Tutti l'oscurità che abbiamo a novembre, e vedi cosa ottieni. Quindi, 12 ore al giorno in media sul pianeta, volte 30 giorni, che è... vediamo... santo cielo, 15 giorni! eh.



^