Principesse Disney

Nessun principe richiesto: Vaiana e l'evoluzione della Principessa Disney

>

ATTENZIONE: questo post contiene spoiler per Moana . Potrebbe anche farti iniziare a cantare canzoni Disney per il resto della giornata. Procedete a vostro rischio.

quando è Rick e Morty?

Nel 1937, la Disney ha fatto la storia quando ha pubblicato Biancaneve e i sette nani , il primo lungometraggio d'animazione in assoluto. Questo film ha anche avviato la Disney verso la sua eredità di quasi 80 anni di quelli che vengono comunemente definiti film Disney Princess. Nel corso dei decenni successivi, la Disney ha dato un enorme spettacolo a questi film delle principesse. Ma mentre molti potrebbero liquidarli come semplici storie per bambini - o, peggio, come frivoli voli di fantasia adatti solo alle ragazze giovani - l'evoluzione di questi film ha tracciato l'evoluzione non solo dell'animazione stessa, ma dell'idea della società di un'eroina e di come lei si distingue dalle sue controparti maschili.

Ci sono 11 film ufficiali delle Principesse Disney, con aggiunte recenti Congelato e Moana si prevede che alla fine si unisca al canone. Ai fini di questo pezzo, opereremo su una visione più ampia di 'principessa', perché questo dibattito è in gran parte arbitrario e una dimensione del campione più ampia ci dà uno sguardo più dettagliato sull'evoluzione di questi personaggi.



Come ha detto Maui, 'Indossi un vestito e hai un compagno animale, sei una principessa'.

Un giorno il mio principe verrà

Cominciamo, ovviamente, dall'inizio con le prime principesse Disney: Biancaneve, Cenerentola e Aurora. Queste tre donne hanno dato il tono al genere e sono state sottoposte a un attento esame da parte della critica femminista. Questi primi film hanno sofferto in gran parte dal momento in cui sono stati creati e dalla loro stretta aderenza al loro materiale di partenza, tra le altre preoccupazioni.

Ingrandire

Bianco come la neve , in particolare, è diventato noto come il film Disney con la prospettiva più antifemminista. La stessa Biancaneve trascorre la maggior parte del film struggendosi per un principe che deve ancora venire e servendo come domestica per sette uomini adulti mentre sono fuori al lavoro. Questo non è sorprendente, poiché il film precede il periodo nella cultura americana che ha visto le donne unirsi alla forza lavoro durante la seconda guerra mondiale. Poiché è stato anche il primo lungometraggio della compagnia, la Disney ha sostenuto che l'obiettivo dei realizzatori era quello di conquistare quell'impresa, non assicurandosi che il personaggio principale avesse una storia articolata e progressiva.

il canale della storia del libro blu

Tuttavia, questo ragionamento non giustifica davvero le prossime due principesse, poiché entrambe Cenerentola e Bella Addormentata raffigurate donne vittime delle circostanze e infine salvate da principi impetuosi. Aurora è probabilmente la peggiore colpevole, dato che ha molto poco a che fare con qualsiasi parte della sua storia. In effetti, trascorre gran parte del film addormentata e il resto come oggetto conteso dai mondi in guerra di uomini e fate. Sarebbe interessante se non fosse così offensivo.

Ingrandire

Nessuna di queste tre donne ha una mano nel proprio salvataggio; piuttosto, come ho già sottolineato, permettendo agli uomini di fare la necessaria salvezza. Anche quel salvataggio è quasi sempre violento, con l'eccezione della matrigna di Cenerentola che, invece di essere schiacciata da un macigno o pugnalata da una spada mentre ha le sembianze di un drago madre#$%&ing, viene semplicemente umiliata ed evitata dalla sentenza classe - un destino che probabilmente considera peggiore della morte.

In effetti, in tutti questi film il cattivo è un personaggio molto più interessante. Anche se non riceviamo molte informazioni o retroscena che li circondano (non fino a successive re-immagini di queste storie) Bianco come la neve La regina malvagia, la matrigna di Cenerentola e Maleficient rappresentano tutte donne affamate di potere e disposte a fare di tutto per ottenerlo o mantenerlo. Se non fossero assolutamente vili e ostinate a distruggere altre donne per quel potere, potrebbero essere eroi femministe.

Il Rinascimento

Le cose iniziarono a cambiare con l'avvento del rinascimento Disney iniziato alla fine degli anni '80. Dopo più di 20 anni senza un film sulle principesse in vista, la compagnia è tornata alle sue radici con alcuni importanti aggiornamenti. Nel 1989, La Sirenetta ha nuotato nei teatri, portando con sé un nuovo tipo di eroina.

Ariel è stata la prima delle Principesse Disney a concentrarsi sulla propria indipendenza personale. Voleva una vita sulla terra e ha preso in mano la situazione per raggiungere quell'obiettivo. Sfortunatamente per Ariel, quella sfida iniziale è in gran parte dove finisce il suo progressismo. Trascorre il resto del film incapace di parlare, dovendo fare affidamento sul suo aspetto e sulla sua eccentrica adorabilità per farla passare. Alla fine del film, è il principe Eric che finalmente sconfigge il cattivo, pugnalando Ursula con una barca, come fai tu.

Ariel è stato solo il primo della nuova linea di Principesse Disney. Quelli che seguirono avrebbero fatto enormi passi avanti sia nell'indipendenza della loro eroina che nel modo in cui hanno affrontato e sconfitto i loro cattivi.

Belle (del 1991 La bella e la bestia ) e Pocahontas (l'eroina del film del 1995), per esempio, erano entrambi pensatori indipendenti all'interno delle loro comunità, ben lontani dalle vittime delle circostanze degli anni '50. Entrambe le donne hanno combattuto contro le aspettative tradizionali delle loro culture e hanno stretto amicizia con uomini che la loro gente vedeva come una minaccia. Belle si scagliava contro le norme sociali e di genere, leggendo libri e sognando avventure dove altre ragazze del suo villaggio cercavano solo il matrimonio e la famiglia. Pocahontas, nonostante tutte le sue inesattezze storiche, rappresentava una mente e uno spirito aperti a nuove persone, esperienze e scuole di pensiero.

i cacciatori di taglie nell'impero contrattaccano
Ingrandire

Ma mentre sia Belle che Pocahontas erano aperti, ambiziosi e gentili, hanno anche aderito a una rigida moralità, che alla fine li ha messi in contrasto con la maggioranza e ha portato al confronto principale. In entrambi i film, mentre c'è un singolo cattivo in Gaston e nel governatore Ratcliffe, il vero cattivo è il conflitto tra lo status quo e l'altro. Sfidando quello status quo, Belle e Pocahontas si schierano entrambi con il proprio codice morale sulle cose in cui sono stati apparentemente educati a credere. Qui, ovviamente, è anche dove differiscono. La sfida di Belle alle convinzioni della sua comunità provoca lo scontro finale e violento. Pocahontas, nel frattempo, provoca sia il confronto tra il suo popolo che i coloni inglesi e lo pone fine.

Principesse moderne per un'età moderna

La risoluzione pacifica di Pocahontas al conflitto del suo film è stata la prima del suo genere, ma certamente non l'ultima. Infatti, con la notevole eccezione di Mulan (1998), la tendenza verso le principesse Disney che cercano di salvare o riscattare il loro cattivo – o altrimenti salvare pacificamente un altro personaggio importante – è diventata un tema comune in questo particolare tipo di film. È un tema che è in netto contrasto con i mezzi violenti dei film precedenti e dei loro eroi che salvano le principesse.

L'era moderna dei film Disney è iniziata nel 2009 con l'uscita di La principessa e il ranocchio . Mentre, ancora una volta, c'è un cattivo tecnicamente singolare, il vero conflitto e obiettivo della storia ha più a che fare con Tiana che salva Naveen dal suo destino anfibio.

tanto tempo fa in un glaxay molto lontano

aggrovigliato (2010), anche, presentava un cattivo tradizionale in Mother Gothel, ma una risoluzione non tradizionale. Al culmine del film Rapunzel sceglie di sacrificare la sua libertà per salvare la vita di Flynn Rider dopo che è stato ferito a morte. Flynn, a sua volta, sceglie di tagliare i capelli di Rapunzel, sacrificando la propria vita in cambio della sua libertà. Ma il momento che distingue il film dai suoi predecessori è subito dopo, quando Flynn inciampa Madre Gothel, facendola volare fuori dalla finestra. Piuttosto che starsene a guardare mentre il suo genitore adottivo violento muore, Rapunzel si muove per salvare Gothel, segnando la prima volta che una Principessa Disney ha effettivamente cercato di salvare il suo cattivo.

La vera spinta in avanti, però, è iniziata nel 2013 con l'uscita di Congelato (Lo so, di questo film si è parlato all'infinito, ma abbiate pazienza, perché questo è importante). Congelato è stato lodato, e giustamente, per la sua attenzione al legame tra due sorelle. Mentre c'è una sottotrama romantica, non è l'asse su cui ruota la trama.

Allo stesso modo in cui il film sovverte la solita storia d'amore Disney, riesce anche a sovvertire il tradizionale cattivo Disney. Hans è la personificazione della minaccia per Anna ed Elsa, ma la sua malvagità alla fine non è un grosso problema. Serve più come istigatore di vari conflitti e come minaccia tangibile per il regno e le nostre eroine. Proprio come Gaston o Ratcliffe o gli Unni, lui è il tangibile minaccia, la cosa che i nostri eroi possono effettivamente colpire quando in realtà stanno combattendo il fanatismo o il colonialismo o il patriarcato.

In realtà, Anna ed Elsa non stanno davvero combattendo contro Hans. Stanno combattendo le paure personali e i segreti che hanno danneggiato la loro relazione. Stanno anche combattendo una società che vede i poteri di Elsa come una minaccia, con Anna che sfida queste convinzioni. Queste idee astratte, come ho discusso in precedenza, non sono affatto nuove per i film delle principesse Disney, ma il modo in cui le gestiscono lo sono.

Ingrandire

Nel climax del film, non c'è una battaglia massiccia, nessuna scazzottata o battaglia o ingegno. C'è una corsa contro il tempo per salvare la vita di Anna, non da Hans, ma da ciò che Elsa ha accidentalmente fatto a sua sorella. E come si risolve il conflitto? Attraverso l'amore. È dannatamente scadente, ma è anche un enorme passo avanti rispetto alla tradizionale narrazione Disney. Allora cosa manca a questa storia? Il 'cattivo' non viene mai sconfitto perché alla fine Hans era irrilevante. Una volta che Elsa impara a controllare il suo potere, Hans non ha più il suo. Le eroine vincono perché si rifiutano di abbassarsi al suo livello.

Moana e il futuro

Il che ci porta a Vaiana, l'ultima Principessa Disney (vestito, aiutante animale) e il culmine di quasi 80 anni di evoluzione Disney. Vaiana racconta la storia di una giovane ragazza che sfida suo padre e il più grande dominio del suo villaggio nel tentativo di salvare tutti. Si avventura oltre la barriera corallina per cercare il semidio Maui e restituire il cuore di Te Fiti, la dea della creazione. Vaiana si basa sull'esempio dato dai suoi predecessori in modi interessanti. Primo, non ha un principe. Maui interpreta certamente il lato maschile della dicotomia, ma il suo ruolo è più di una guida riluttante e di un ostacolo della personalità che altro. Non è un interesse amoroso.

Ingrandire

Proprio come alcuni dei suoi predecessori più recenti, anche Vaiana parte con una missione di salvataggio. È lì per salvare la sua gente e la sua isola, non per combattere, anche se è disposta ad affrontare il terrificante dio del vulcano Te Ka per raggiungere il suo obiettivo. Maui, nel frattempo, è interamente incentrato sul confronto. È un semidio. Come i Principi Disney che sono venuti prima di lui, battaglia e conquista sono il modo in cui si è fatto un nome. Questa dicotomia è ciò che rende il colpo di scena del terzo atto del film così interessante.

l'ultimo riassunto della stagione 1 del regno

Nel culmine del film, Vaiana, con l'aiuto di Maui, riesce a superare Te Ka fino all'isola di Te Fiti, ma quando arriva scopre che Te Fiti non c'è. Invece, guarda più da vicino Te Ka e scopre che la forza distruttiva che stanno combattendo è ciò che è diventato della dea della creazione quando il suo cuore le viene strappato via. In quella che è probabilmente la mossa più coraggiosa che una Principessa Disney abbia mai fatto fino a questo punto, Vaiana si rivolge al terrificante dio della lava, esprimendo amore e comprensione, restituendo il cuore e il vero sé di Te Fiti.

Ingrandire

Siamo stati portati a credere, attraverso le tradizioni della narrazione Disney, che c'è sempre un cattivo ovvio, un cattivo che alla fine sarà sconfitto. Moana , tuttavia, sfida il suo eroe e il suo pubblico a guardare oltre l'ovvio, a guardare in modo critico 'il cattivo' e a capirli, piuttosto che partecipare a un confronto cieco. Questa storia potrebbe essere davvero raccontata solo ora, quando noi come società guardiamo in modo critico alle storie che raccontiamo ai nostri figli - in particolare a quelle che raccontiamo alle ragazze giovani - e cercando di capire non solo ciò che risuona con loro, ma le lezioni che vogliamo trasmettere insegna loro come gestire i conflitti.

Quando queste storie sono iniziate, ci hanno insegnato ad aspettare che i nostri principi uccidano i draghi alle nostre porte. Ora stanno insegnando ai nostri figli ad aprire la porta, affrontare il drago e ucciderli con gentilezza.



^