Nintendo

Nintendo si è 'risa a crepapelle' quando Xbox ha provato a comprarli, ricorda il dirigente di Microsoft

>

Le guerre per console di gioco non sono tanto guerre in questi giorni quanto sono un torneo ad alto rischio tra giganti perenni . A giudicare dalle attuali vendite calde di tutte e tre le principali piattaforme, il business delle console è più una competizione in aumento a vantaggio di Microsoft, Nintendo e Sony, piuttosto che una battaglia reale che lascia in piedi un solo giocatore.

Ma alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, quando grandi idee come il SEGA Dreamcast stavano scomparendo per lasciare solo Sony e Nintendo come coppia di potenze dei giochi per console, la posizione dei tre grandi oggi non sembrava così sicura, specialmente quando l'Xbox era ancora solo una strana idea posseduta da una piccola manciata di neofiti del gioco confessati a Microsoft.

Quando Microsoft ha deciso di realizzare la sua prima Xbox, è entrata da zero in un mercato delle console già volatile, come il recente rilascio di Bloomberg Storia orale di Xbox spiega con le parole degli addetti ai lavori che hanno vissuto tutto. E in una rivelazione significativa (e divertente) che convalida non solo la posizione consolidata di Nintendo all'epoca, ma il suo continuo dominio sul mercato oggi, un insider ha condiviso che una delle strategie Xbox di Microsoft era quella di provare a comprare Nintendo, il tutto nella speranza che il know-how di Big N nella creazione di giochi potrebbe far ripartire la libreria di giochi logora della prima Xbox.



Col senno di poi, si scopre che colpire Mario potrebbe non essere stata l'idea migliore. I nuovi dirigenti Xbox di Microsoft si sono avvicinati a Nintendo e si sono seduti per un incontro, dove i produttori di giochi giapponesi hanno ascoltato la loro offerta di acquisizione ... e poi hanno praticamente riso fuori dalla stanza il nuovo team Xbox.

La prima azienda che abbiamo contattato per acquistare è stata EA, ha detto a Bloomberg Bob McBreen, capo dello sviluppo aziendale di Xbox. Hanno detto: 'No, grazie' e poi [ci siamo avvicinati] a Nintendo.

Il direttore delle relazioni con le terze parti di Microsoft, Kevin Bachus, ha raccolto la storia da lì.

l'ultima data della premiere 2018 della nave

[L'allora CEO di Xbox Steve Balmer] ci ha fatto incontrare Nintendo per vedere se avrebbero preso in considerazione l'idea di essere acquisiti, ha ricordato Bachus. Hanno solo riso a crepapelle. Tipo, immagina un'ora in cui qualcuno ride di te. Fu così che andò quell'incontro.

Anche se non è riportato nell'articolo, andremo avanti e immaginiamo che sia stata un'ora di risate di Bowser, solo perché. Naturalmente, Nintendo ha rifiutato di fornire un commento attuale per condividere la sua versione della storia, semplicemente dicendo a Bloomberg, Nintendo non parla di discussioni riservate con altre società. In ogni caso, da queste discussioni non se ne fece nulla.

Oltre a cercare di catturare sia EA che Nintendo, Microsoft ha anche preso di mira Fantasia finale il creatore Square (ora Square Enix), un altro studio le cui comprovate capacità di creazione di giochi potrebbero aver dato alla neonata Xbox il tanto necessario potere di star del software. Come per gli altri suoi sforzi, però, anche il team Xbox ha colpito.

Come la maggior parte dei fan di Xbox ormai sa, è stato un piccolo sparatutto in prima persona di uno studio completamente sconosciuto di nome Bungie che alla fine è diventato il primo venditore di sistemi Xbox. Il rapporto di Bloomberg approfondisce come l'originale Halo: Combat Evolved ha trasformato sia Master Chief - che Xbox - in un nome familiare; così come tonnellate di altri dettagli divertenti dai primi giorni incerti della console. L'articolo completo, trovato qui , vale sicuramente la pena leggerlo, indipendentemente dal fatto che tu sia un fan di Xbox o solo un fanatico della storia dei giochi. Guardando indietro, pensiamo che sia sicuro dire che le cose hanno finito per funzionare bene sia per Master Chief che per Mario.




^