Gore Verbinski

Next Cult Classic: una cura per il benessere dovrebbe essere apprezzata

>

Agli studi cinematografici non piace correre rischi. Perché dovrebbero? Stanno investendo grandi quantità di denaro in un prodotto e vogliono il massimo rendimento su quel prodotto. Qualcosa di rischioso non ha la stessa probabilità di rastrellare l'impasto quanto qualcosa di sicuro e familiare. Qualcosa di facilmente digeribile.

Ecco perché la maggior parte dei film delle grandi case di produzione sono tutti così dolorosamente familiari: seguono una formula collaudata e il più delle volte paga in termini di incassi al botteghino. Anche se il film in questione è davvero terribile. È così che finiamo con così tanti sequel, così tanti film di supereroi e così tanti sequel di supereroi.

Quindi è una specie di miracolo che a un film piaccia Una cura per il benessere esiste affatto. In qualche modo, Gore Verbinski ha convinto la 20th Century Fox a distribuire un'opera di follia sottosopra; un film horror gotico grande, audace, confuso, di quasi tre ore con un budget elevato e senza stelle redditizie. C'è qualcosa da amare in un film enorme e impenitentemente strano che non sembra nemmeno preoccuparsi se perde il suo pubblico a metà.



Nel Cura , Dane DeHaan è Lockhart, un giovane dirigente di una società di servizi finanziari cupa e monolitica situata nel cuore di una New York City dove piove sempre. L'amministratore delegato dell'azienda è misteriosamente fuggito in un centro benessere da qualche parte nelle Alpi svizzere e i soci dell'azienda vogliono che Lockhart lo vada a recuperare.

Fino a questo punto, Una cura per il benessere sembra solo un altro thriller lunatico, in qualche modo simile al piovoso remake di Verbinski color acqua-blu di L'anello . È quando Lockhart arriva al centro benessere che il film si rivela qualcosa di completamente fuori luogo. Il centro è uno splendido castello gotico, che si estende su una montagna. All'inizio sembra idilliaco, ma c'è qualcosa di chiaramente strano nei pazienti anziani che vagano per i giardini in accappatoio e nel personale non molto disponibile che devia le domande di Lockhart sulla posizione del CEO scomparso.

Dopo che un incidente d'auto ha bloccato Lockhart al castello a tempo indeterminato, Una cura per il benessere scende in gloriosa, icky confusione. Un pallore malaticcio ricopre tutto e tutti, al punto che ti sembra che se ti avvicini troppo allo schermo potresti prendere qualcosa. Il film è ambientato ai giorni nostri, ma l'interno del castello è intrappolato in una sorta di distorsione temporale in cui il personale medico utilizza attrezzature antiquate e nulla sembra essere stato igienizzato.

E poi ci sono le anguille. Ci sono anguille dappertutto Una cura per il benessere , strisciando nella riserva idrica; infestando il serbatoio di deprivazione sensoriale Lockhart si ritrova a galleggiare; poi forzato giù per la gola di Lockhart. Le anguille sono rappresentative sia della malattia che della cura; mostruosità falliche che si nutrono di sangue e sfrecciano avanti e indietro attraverso le profonde e umide fessure di questo film.

Tutto questo ha senso? No, non è così. Quasi niente in Una cura per il benessere ha davvero molto senso. La trama generale coinvolge un misterioso dottore (Jason Isaacs) con un profondo e oscuro segreto e una ragazza pallida e pallida (Mia Goth) che vaga per il parco del castello, incantando Lockhart ad ogni passo misterioso. Verbinski alla fine mette insieme tutto questo in una conclusione che coinvolge i personaggi che si strappano la faccia, incesto e un grande fuoco divorante.

Se stai cercando di capirlo, ti stai avvicinando al film in modo sbagliato. Una cura per il benessere è impermeabile ai tuoi tentativi di decostruzione. Vuole semplicemente esistere in tutta la sua gloria gloriosa, gotica, del design di produzione. Dovresti passeggiare attraverso le sue sacre sale, incantato e sconcertato da tutto ciò che è in mostra.

E la cura, però? La cura che promette il titolo del film. La cura che i dottori del castello continuano a spingere su Lockhart. Verbinski era interessato ad esplorare 'la malattia come forma di assoluzione'. 'Se hai una nota del dottore, allora non sei responsabile', ha spiegato il direttore. 'Sai, è la grande truffa, vero? Sai, non stai bene, ma c'è una cura. Quindi rimarrai intrappolato in quel loop. Dicendo, sono qui, ma c'è speranza, giusto? Quindi stai sanguinando con un senso interno di, sto migliorando, sto migliorando, solo qualche altra settimana, solo qualche altra settimana. Sono mangiatori di loto. Oppure è una flebo di oppiacei».

Screenshot 2017-09-15 at 12.29.46 PM.png

Una cura per il benessere bocciato al botteghino. Nella sua terza settimana di uscita, è stato ritirato da quasi il 98% dei cinema. Chiunque avrebbe potuto vederlo arrivare. Il pubblico non si precipita a vedere i film di Dane DeHaan, e con niente di riconoscibile al pubblico - nessun supereroe, nessun film precedente in un franchise - qualcosa di così grande e strano è stato condannato.

Ma da tali fallimenti nascono i classici di culto. Una cura per il benessere è troppo bello, troppo audace, troppo dannatamente strano per essere dimenticato per sempre. Esiste completamente alle proprie condizioni, indifferente al fascino del mercato di massa e ai momenti facilmente digeribili. La stranezza si irradia da questo film. Un momento, Lockhart trova una stanza piena di persone in coma che galleggiano in serbatoi d'acqua; il successivo, è legato a una sedia e gli inservienti gli perforano i denti anteriori. Niente di tutto questo sembra connettersi, eppure esiste all'interno di una logica onirica ossessionante. Ogni scena da Una cura per il benessere scorre insieme come fa un vivido incubo, dove la posizione e lo scenario possono cambiare per un capriccio, ma l'ansia travolgente rimane sempre presente.

Una cura per il benessere è il tipo di film maturo per la riscoperta. Il tipo di film che un nuovo pubblico trova e guarda, a bocca aperta, chiedendosi come sia stata creata questa follia. Il tipo di film che ispira i nuovi devoti a trasformare i loro amici, dicendo senza fiato: 'Devi vederlo, è pazzesco'.

Verbinski, un regista che a quanto pare ha una grande influenza nel fare pirati dei Caraibi , è stato in grado di realizzare questa strana bestia, anche dopo il fallimento che è stato Il ranger Solitario . C'è qualcosa da dire sull'impegno di Verbinski per lo strano. Dopo Il ranger Solitario fiasco, avrebbe potuto facilmente fare un film carino e sicuro per tornare in cima. Ma non lo fece. Ha realizzato un'epopea gotica da 40 milioni di dollari su incesto, anguille e odontoiatria non ortodossa.

Verrà il giorno in cui sempre più persone scopriranno questa bizzarra gemma e la apprezzeranno per tutta la sua bella particolarità. Forse quella persona sarai anche tu. Non hai nulla da perdere. È tempo di ottenere la cura.



^