Penny Terribile

Mai il mostro, sempre la sposa: La sposa di Frankenstein al cinema e in televisione

>

Tutti conoscono gli iconici mostri Universal. In effetti, la Universal sta scommettendo su un intero franchise cinematografico proprio su questo fatto. L'imminente uscita di La mummia araldi Sette film già in qualche forma di sviluppo. Questi film copriranno tutti i classici: la tua mamma, ovviamente, il tuo uomo invisibile, la tua creatura della laguna nera e la donna solitaria della formazione originale, la sposa di Frankenstein.

('Ma Clare, dov'è Dracula?' Languendo nel completamente dimenticato Dracula indicibile , che era ipotetico essere la prima puntata di questo franchise, e di cui non parleremo mai più.)

Tra i suoi mostruosi coetanei, la Sposa è unica. Riceve la minor quantità di tempo sullo schermo nel suo debutto cinematografico e non uccide nessuno. Ma almeno è più tempo sullo schermo di quello che le è stato dato nel materiale originale. In Mary Shelley's Frankenstein , la Sposa non è un personaggio, è una condizione. Il mostro informa il dottor Frankenstein che l'unico modo per lasciare la società umana è se il dottore lo rende un compagno. Il dottor Frankenstein è d'accordo, ma dopo aver recuperato i cadaveri necessari e aver costruito il mostro femmina, rimane inorridito all'idea che i due mostri possano avere figli altrettanto mostruosi e invadere il mondo. Invece del passaggio leggermente più logico di semplicemente sgancio l'impianto idraulico pertinente, il dottor Frankenstein distrugge il suo corpo prima ancora di animarla.



a che ora chiudiamo i giocattoli oggi?

Fondamentalmente, non è sicuro di cosa fare fare con lei, tema che si ripete nei successivi tentativi di riportare in vita la Sposa al cinema e in televisione. Prima di Universo Oscuro (ooh, spettrale) prende la sua pugnalata al Sposa di Frankenstein , vediamo cosa ne è stato fatto di lei negli ultimi 80 anni sullo schermo.

La sposa di Frankenstein (diretto da James Whale, 1937)

Ingrandire

Il sequel originale migliore dell'originale, La sposa di Frankenstein concepisce la Sposa non come condizione, ma come dono. Il dottor Henry Frankenstein riformato viene immediatamente tentato di tornare al lato oscuro dal sorprendentemente chiamato Dr. Septimus Praetoris. Se il Dr. Frankenstein può fornire un corpo per la Sposa, allora il Dr. Praetoris fornirà un cervello sintetico. La maggior parte del film è un accumulo per l'aspetto della Sposa, come entrambi i dottori e il mostro attende la sua animazione con il fiato sospeso.

e che cosa un'animazione. Il motivo per cui il rapporto tra lo status di icona e il tempo sullo schermo della Sposa di Frankenstein è così distorto è dovuto all'attrice Elsa Lanchester e al truccatore della Universal Jack Pierce. Sembra un incrocio tra una sposa, un cadavere avvizzito e una mummia reale. In effetti, la sua acconciatura iconica è un tentativo di ricreare il famoso copricapo di Nefertiti con i capelli veri. Nonostante tutta la sua bellezza, è agghiacciante e aliena, si muove a scatti e sibila come un cigno al mostro, che detesta a vista. Respinto, il mostro opta per l'opzione nucleare Nice GuyTM, uccidendo tutti tranne il dottor Frankenstein e sua moglie Elizabeth.

Interessante, Lanchester interpreta anche Mary Shelley in un prologo con il marito Percy e Lord Byron, che esprimono sorpresa che la dolce piccola Mary possa raccontare una storia così orribile. (Per fortuna, il film sceglie di ignorare ciò che Lord Byron ha effettivamente combinato quell'estate.) L'intento dell'autore di questa scena era di neutralizzare l'orrore, mostrando che è nato dalla testa di Mary per creare una rimozione. Ma mi piace molto leggere che i dottori che interpretano Dio li hanno portati a creare una creatura innaturale a immagine del loro Dio: Maria, la loro autrice.

La sposa (diretto da Franc Roddam, 1985)

Ingrandire

La sposa è un film profondamente bizzarro. È come se un fan dell'onda oscura negli anni '80 guardasse Duna e il video musicale di 'Wuthering Heights' troppo velocemente mentre soffriva di febbre. Vanta un cast stellare: Sting! Quentin Crisp ! Jennifer Beals subito dopo Flash Dance ! Clancy Brown! È! Il! Mostro! — ma probabilmente non ne hai mai sentito parlare.

Crisp (che interpreta un breve riff sul Dr. Praetorius) muore cinque minuti dopo l'inizio del film assistendo alla nascita di Eva, la sposa titolare. (Questo non è un commercio equo.) Dopo un processo di animazione che apparentemente richiede una tuta bianca per tutto il corpo, la neonata Eva si ritrae dal Mostro. Il conseguente bravo ragazzo mostro Tantrum lascia tutti tranne se stesso, Eva, e Barone Charles Frankenstein morto. Mentre il Mostro intraprende una commovente ricerca alla scoperta di sé in un circo italiano, la povera Eva è nelle grinfie del decadente Barone. (Sappiamo che è decadente perché è interpretato da Sting.) Quando in qualche modo anche Di più il decadente Henry Clerval chiede se Charles la trasformerà nell'amica perfetta, Charles la deride … ma alla fine cerca di accarezzare Eva, la veste come una bambola, la guarda dormire e poi cerca di aggredirla sessualmente. 'Fortunatamente', il mostro ritorna dopo la sua commovente ricerca di scoperta di sé e la salva. Entrano nel tramonto (o Venezia) mano nella mano, i precedenti problemi di Eva con il mostro improvvisamente così piccoli rispetto a quello che ha vissuto sotto il controllo di Charles.

Come potresti essere in grado di dire, Eva è, nonostante sia il personaggio del titolo, puramente un oggetto in questo film. Anche se ha lampi di autonomia e ostinazione, è per lo più solo una bella innocente con gli occhi spalancati. Una donna perfetta, secondo il rapace sguardo maschile di Charles, è una donna intrinsecamente innaturale. A parte le circostanze della sua nascita, Eva non è affatto un mostro, né nel comportamento né nel design. E onestamente, nemmeno il Mostro, che brama solo la connessione e la comprensione umana. Il vero mostro è chiaramente Charles, ma dal momento che l'attrazione del film è che ha come protagonista Sting, il film osserva questo fatto, ma in gran parte fa spallucce. Immagino che negli anni ottanta, guardando Sting fare nulla era ritenuto meritevole.

Il che spiega certe scene in Duna ...

Frankenstein di Mary Shelley (diretto da Kenneth Branagh, 1994)

Marvel Comics Civil War 2
Ingrandire

La sorella minore degli anni '92 Dracula di Bram Stoker trasformato in un comune Kenneth Branagh negli anni '90, Frankenstein di Mary Shelley è in realtà un adattamento perfettamente decente del romanzo. Potrebbe volerci un po' di tempo per accettare Robert de Niro (con un trucco che lo fa sembrare stranamente l'allenatore dei Patriots Bill Belichick) come il mostro, ma si trasforma in una performance elegiaca e sottile in un film in cui tutti gli altri sono o la massima enfasi ( un incredibilmente Branagh a torso nudo come Victor) o il massimo periodo storico (tutti gli altri).

Per tutto il film, Elizabeth di Helena Bonham Carter è una presenza costante, prima come sorella adottiva di Victor e poi sua moglie. (Questo è accurato per il romanzo, ma il romanzo sicuramente non include scene di sesso in cui sembrano divertirsi sul fatto che sono legalmente fratelli.) Ma dopo, come nel libro, il mostro uccide Elizabeth su di lei notte di nozze, da, as non nel libro, strappandole il cuore dal petto , Victor ricorda di avere le capacità per rianimare i morti, un cadavere femminile fresco nella sua soffitta e la forza sufficiente per decapitare una piccola donna.

La rianimata Elizabeth è una delle prime e forse più abili mostruosità di Helena Bonham Carter. Di tutte le Spose, è l'unica che dovrebbe sembrare grottesca. La testa bruciata e rasata, le cuciture e il gonfiore che le oscurano il viso e riducono i suoi lineamenti a un occhio selvaggio e largo e un labbro inferiore tremante, tuttavia proietta l'energia garbata di una creatura confusa e appena nata a un livello che corrisponde alle prime scene di De Niro. Victor cerca di rassicurare sul fatto che la mente di Elizabeth sia sopravvissuta alla procedura mentre sussulta, alla Lanchester, e la sua fedeltà è vaga come un anatroccolo imprinting quando il mostro interviene. Considerato l'entusiasmo con cui è stata fotografata, è facile pensare che Elizabeth sia, com'era Eva, una bambola di una Sposa.

Ma quando Victor e il mostro iniziano a... letteralmente gioca al tiro alla fune con lei, una Elisabetta inorridita si dà fuoco , correndo attraverso il maniero per buona misura mentre brucia a morte. Sembra probabile che l'intenzione di Branagh fosse che Elizabeth si sentisse così tradita da Victor da scegliere la morte piuttosto che il suo stato di non-morta, ma l'impatto, specialmente dopo aver visto La sposa , sembra più che Elizabeth stia fuggendo dall'oggettivazione, preferendo una morte spettacolare all'essere la perfetta sposa cadavere di chiunque.

storie spaventose da raccontare al ragno oscuro

Penny terribile (creato da John Logan, dal 2014 al 2016)

Ingrandire

Alla fine della prima stagione dell'aggressività della polpa e dell'arco Penny terribile , la tisica prostituta Brona Croft viene uccisa e poi rianimata da un dottor Frankenstein ingenuo nei panni di Lily Frankenstein, che fa passare per sua cugina. Inizialmente, Lily sembra in tutto e per tutto l'innocente, affascinante innocente che era Eva. Ha gli occhi spalancati, britannica e bionda dove Brona era stanca del mondo, irlandese e bruna. È delicata e gentile; si comporta bene in società; e prende la verginità di Victor durante un temporale, che conta come dolce per Penny terribile .

Ma quell'impressione viene infranta in 'Little Scorpions' e 'Memento Mori', dove Lily va a prendere un uomo in un pub per andare a letto e poi uccide. Quando la Creatura affronta Lily per la sua disavventura, furiosa per il fatto che dovrebbe allontanarsi così tanto dall'essere la sua donna perfetta, Lily lascia cadere completamente la maschera. Rimproverandolo e deridendolo, rivela di ricordare tutto. Si ricorda di essere Brona. Ricorda di essere stata maltrattata e abusata come prostituta dai suoi clienti maschi, trova ugualmente oppressive le aspettative di genere delle classi alte e sa benissimo di essere immortale. Mentre getta la Creatura a terra, pronuncia la sua dichiarazione di missione: 'Non mi inginocchierò mai più davanti a nessun uomo. Adesso si inginocchieranno davanti a me».

Lily fa bene a quella dichiarazione nella terza stagione. Con l'aiuto del collega immortale Dorian Gray, organizza le prostitute in una violenta rivoluzione contro gli uomini violenti, esaltandoli per vendicare le donne che sono state messe a tacere e oppresse nel corso degli anni. La sua retorica infuocata e il suo nuovo scopo nella vita sono, tuttavia, minacciati da Victor, che desidera iniettarle un siero per renderla un docile amnesico aperto alle sue avances. Lily è solo in grado di sfuggire a questo destino raccontandogli della morte di sua figlia, un ricordo così doloroso che desidera comunque conservare. Ma Dorian, che in primo luogo l'ha tradita con Victor, è scappato dall'esercito di Lily e ha ucciso il suo secondo in comando, lasciandola senza la 'grande impresa' per cui ha lavorato così duramente. Lily cammina verso il tramonto alla fine della stagione e della serie, giurando di mantenere viva la sua passione e la sua rabbia anche di fronte a come l'immortalità possa offuscare i sensi.

È allettante vedere Lily come la migliore sposa. Dei quattro elencati qui, lei è sicuramente la più sviluppata, con più agenzia, retroscena e giusta furia. Ma, come sua sorella Brides, rimane ancora un personaggio fondamentalmente reazionario, posizionato in opposizione agli uomini della sua vita che l'hanno creata. lei uccide— Un sacco – ma è inquadrato nella giusta rabbia di una donna abusata dagli uomini e spinta al punto di rottura. Se Lily è un mostro, è perché la società l'ha resa tale.

Quando l'Universal Sposa di Frankenstein si scatena nel 2019, spero che avremo l'opportunità di vedere una sposa diversa. C'è così tanto potenziale per la Sposa che non è stata esplorata sullo schermo negli ultimi ottant'anni. Potrebbe essere più della somma delle sue parti, del lavoro del suo creatore e dell'amore di un mostro. Un nuovo adattamento della sua storia potrebbe fare di peggio che lasciarla elevarsi al di sopra delle circostanze peculiari della sua seconda nascita.



^