Anime

L'anime Pacific Rim di Netflix è eccitante, ma c'è una preoccupazione a misura di kaiju

>

Netflix ha annunciato che sta realizzando una serie anime basata su margine Pacifico , i film di robot giganti dal vivo che sono stati fortemente ispirati dalla serie di anime di robot giganti. È un ouroboros delle dimensioni di un kaiju, ma perché la serie abbia successo e sembri un margine Pacifico anime, dovrà resistere all'impulso di essere troppo cartoonesco.

L'anime, che sarà prodotto da Legendary Entertainment, lo studio dietro i due film live-action, sarà diretto da Craig Kyle e Greg Johnson, noti per il loro lavoro su Thor: Ragnarok e X-Men: Evoluzione , rispettivamente. Secondo Scadenza , che ha dato la notizia giovedì, la serie seguirà due fratelli, 'un adolescente idealista e la sua ingenua sorella minore - che sono costretti a pilotare uno jaeger abbandonato attraverso un paesaggio ostile nel disperato tentativo di trovare i loro genitori scomparsi'.

Due bambini orfani che pilotano un robot gigante cercando di trovare mamma e papà? Sembra un po' ripetitivo, soprattutto se uno degli showrunner ha lavorato sul X-Men cartone animato che ha fatto parlare Rogue goth e Shadowcat con un accento da ragazza della valle. Il fatto è, però, che margine Pacifico di per sé è estremamente derivativo, ma lo ha trasformato in un punto di forza - o almeno, il primo film lo ha fatto. margine Pacifico Gli jaeger di sono assemblati da cliché, i personaggi sono tutti a un grado o due di distanza dall'essere archetipi di serie.



margine Pacifico

Credito: intrattenimento leggendario

Ma quegli uno o due gradi di differenza, insieme all'evidente amore per il genere di Guillermo del Toro, hanno reso margine Pacifico in qualcosa di più della somma delle sue parti. Non era solo un altro giro sulla narrativa del robot gigante, era un progetto di passione. Stacker Pentecost, in gran parte dovuto alla performance di Idris Elba, ha lasciato il segno quando ha annullato l'apocalisse. Mako Mori è un personaggio pienamente realizzato e la sua relazione con Raleigh Becket è rara nella finzione, un amore costruito sulla fiducia che sembra essere platonico piuttosto che solo una storia d'amore prevista tra gli attraenti protagonisti maschili e femminili.

Certo, i robot giganti stavano prendendo a pugni mostri giganti mentre i loro piccoli piloti umani urlavano di usare le spade, ma... margine Pacifico sentito a terra. Questo è apparso anche visivamente, in senso letterale. Gli jaeger e i kaiju nel primo film sembrano davvero giganteschi e pesano tonnellate. Il loro movimento è lento, la CGI è volutamente animata in modo tale da farli sembrare più di una semplice raccolta di pixel senza peso.

Nel primo film, del Toro si sforza anche di utilizzare solo l'illuminazione organica per illuminare gli jaeger e i kaiju, il che significa che sarebbero illuminati solo da insegne stradali al neon o da qualsiasi riflettore di elicottero volasse sopra. Questo ha creato alcune scene di combattimento oscure e difficili da vedere, ma ha anche fatto sembrare i mostri giganti e i robot più realistici – in una certa misura, ovviamente.

Rivolta del Pacifico

Credito: intrattenimento leggendario

margine Pacifico non ha mai cercato di essere una versione 'accurata' del genere dei mostri giganti. Il concetto è intrinsecamente ridicolo, la fisica non permetterebbe a nulla di così grande di vivere e i personaggi hanno nomi come 'Stacker Pentecost'. Ancora, margine Pacifico sembra reale, anche se non è necessariamente vero. Il seguito, Pacific Rim: Rivolta , meno. Forse anche perché del Toro non era al timone, Rivolta è molto più generico e molto più luminoso. I nostri eroi, Jake Pentecost e Amara Namani, non riescono a superare lo status di cliché. È un film divertente, ma è senza peso in un modo in cui il film originale non lo era, e non solo perché gli Jaeger in questo film si muovono come se fossero pugili iper-agili e leggeri piuttosto che macchine da guerra robotiche a più piani.

Pacific Rim: Rivolta aveva la stessa atmosfera di un episodio di una serie di anime di robot giganti riavviati tre volte. Che cosa poi, sarà l'effettivo? margine Pacifico si sente l'anime? Non è che l'anime robotico gigante sia una brutta cosa, tutt'altro. Gundam , Neon Genesis Evangelion e quello di Netflix Voltron serie sono solo alcuni ottimi esempi di buoni anime robot giganti. I cartoni sono fantastici, e l'animazione come mezzo non significa affatto che qualcosa sia solo per bambini (ed è fantastico che ci siano cose per bambini!). La differenza è che il primo margine Pacifico ha funzionato per il modo specifico in cui ha abbracciato e modificato i tropi del genere che lo ha ispirato, non reinventando la ruota, ma affinandola.

Il margine Pacifico l'anime sarà una degna continuazione di margine Pacifico se il 'ragazzo idealista e la sua ingenua sorella minore' hanno più profondità di quanto inizialmente lasciassero intendere quei descrittori di tre parole. Funzionerà se lo spettacolo interamente animato segue le orme pesanti e lente dello jaeger del primo film invece di quelle incredibilmente acrobatiche del sequel. margine Pacifico ha funzionato perché ha unito le capacità di narrazione di Del Toro e il realismo specifico con le immagini e i tropi di un genere anime classico. Si spera che queste due influenze siano compatibili con Drift per il prossimo anime.




^