Godzilla: Città Ai Margini Della Battaglia

Il secondo capitolo dell'anime Godzilla di Netflix è un distruttore di ossigeno

>

L'anno scorso Godzilla: Il pianeta dei mostri , il capitolo inaugurale di una nuova trilogia di film animati di Godzilla di Toho Animation e Polygon Pictures (e in streaming su Netflix), si è concluso con un cliffhanger. Il nostro eroe, il capo di uno squadrone intergalattico composto da umani ed extraterrestri, riprende conoscenza in un rifugio primitivo di qualche tipo, sdraiato sulla schiena, sorpreso di ritrovarsi ancora vivo. (La Terra è stata dominata dai mostri negli ultimi 20.000 anni e una creatura più potente di tutte le altre ha spazzato via la maggior parte del suo comando.)

Consapevolezza che torna costantemente a lui, il nostro protagonista lancia un'occhiata e si rende conto di essere stato salvato da una ragazza umanoide nativa con capelli bianchi immacolati e occhi stranamente colorati. Questo è stato seguito da un taglio in nero, aprendo convenientemente la finestra per un sequel e ponendo fine alla monotonia che induceva il sonno che avevo solcato negli 89 minuti precedenti. Ero abbastanza grato per questo.

Nonostante contenga alcune idee potenzialmente interessanti, Il pianeta dei mostri mi è sembrato un noioso implacabile: atrocemente impersonale, popolato da un'abbondanza di personaggi sottili come la carta e drasticamente a corto di azione mostruosa mozzafiato. Difficilmente è diventato un classico nel mio libro.



Tuttavia, volevo nutrire la speranza che, anche all'indomani della delusione, sarebbero arrivati ​​tempi migliori, soprattutto in considerazione del talento dietro la trilogia. I crediti dello sceneggiatore Gen Urobuchi includono Puella Magi Madoka Magica , una serie animata che mi aspettavo di detestare ma alla fine ne sono rimasta completamente incantata. E il co-regista Hiroyuki Seshita aveva precedentemente diretto il film drammaticamente sottile ma visivamente eccitante Colpa! Nonostante l'amara esperienza che mi aveva dato il loro film sui mostri, mi sono ritrovato a speculare - a desiderare - Il pianeta dei mostri era semplicemente una mancata accensione e che la loro prossima pugnalata a Godzilla si sarebbe rivelata molto più soddisfacente.

Ahimè, nessuna tale fortuna; il fulmine non è riuscito a colpire ancora una volta. Tutto mal gestito in Il pianeta dei mostri rimane mal gestito nel seguito, solo amplificato in misura più sconcertante. E mentre il primo film aveva una sequenza boffo - Godzilla che si alzava da terra e spazzava via i suoi nemici mentre tentavano di fuggire - Godzilla: Città ai margini della battaglia costa come un altopiano di noia, statico dall'inizio alla fine, senza un solo momento impressionante al suo nome.

GodzillaCity3

Come prima, lo sceneggiatore Urobuchi sforna una storia piatta che pone troppa enfasi su personaggi praticamente indistinguibili che vagano tra gli alberi o sputano tecnochiacchiere nelle ombre di stanze tetre (il luogo questa volta è una città-fortezza auto-automatica nascosta sotto uno strato di nebbia ). I personaggi rimasti dal film precedente fanno un'apparizione di ritorno, ma ancora nessuno è stato trasformato in una persona riconoscibile, anche leggermente interessante. (E praticamente non si fa nulla con la misteriosa ragazza nativa dell'epilogo del primo film.)

quando esce l'evoluzione del mondo giurassico?

Il nostro protagonista e una giovane soldatessa con cui aveva precedentemente condiviso un casto cameratismo sono ora passati a un fastidioso blip di una storia d'amore che appare dal nulla e viene liquidata altrettanto rapidamente, e quindi registra un impatto emotivo zero.

Le potenziali tensioni sorgono quando gli umani apprendono che le loro controparti aliene esperte di tecnologia stanno usando un metallo amorfo per 'fondersi' nella città-fortezza e quindi migliorare la loro 'efficienza'. (Non chiedere.) E mentre il terzo atto si avvicina e diventa necessario per gli umani dichiarare guerra a Godzilla, Urobuchi afferra freneticamente la profondità con gli umani che discutono se debbano 'fondersi' con le loro macchine: potrebbe migliorare le loro possibilità , ma a che prezzo?

Se c'è un tema dominante in Città ai margini della battaglia , sembra essere: 'Cosa significa essere umani, e ne vale la pena?' Una domanda che è stata affrontata innumerevoli volte in altri film e altre forme di media, e in modi molto più emotivi e interessanti di quanto fatto qui.

Amplificando questi difetti paralizzanti, i co-registi Seshita e Kobun Shizuno trascinano il 'dramma' a lunghezze che schiacciano la pazienza, e le piccole schermaglie con le creature ostili che abitano il pianeta dei mostri si rivelano troppo brevi per generare molta eccitazione. Anche quando Godzilla alla fine marcia contro gli umani, la sua grande scena d'azione si rivela catastroficamente noiosa.

GodzillaCity2

Ero uno dei tre o quattro fan del genere in questo sistema solare che non pensavano molto al 2016 Shin Godzilla , ma anche io non posso ignorare l'unico momento stellare di azione mostruosa di quel film: quando un Godzilla esasperato allacciò il suo raggio in tutta Tokyo, cancellando tutto per miglia intorno. Il montaggio preciso e l'eccezionale musica di Shiro Sagisu hanno contribuito notevolmente a rendere una scena di vero spettacolo.

Al contrario, Città ai margini della battaglia Il climax di 's dura per quello che sembra un'eternità prima di finire misericordiosamente, senza azioni particolarmente impressionanti che si verificano nel frattempo. E certamente non aiuta il fatto che il compositore di ritorno Takayuki Hattori si riveli quella che potrebbe benissimo essere la colonna sonora più memorabile nella storia della serie Godzilla. Anche ora, poche ore dopo aver sofferto per questo film, sto lottando per canticchiare anche una sola nota della sua musica originale.

Nel tentativo di individuare le qualità positive nella parte 2 del Godzilla anime, bisogna ridurlo all'identificazione di simpatici ovetti di Pasqua. Ad esempio, nell'epilogo, uno dei personaggi pronuncia il nome di un mostro più spaventoso di Godzilla – ed è un nome così onnipresente in questa serie che i fan possono prevederlo con precisione senza nemmeno vedere il film.

Ma i magri tocchi di fan service sono per quanto riguarda il divertimento e l'intrattenimento Godzilla: Città ai margini della battaglia . Ora siamo a due terzi della strada per questa trilogia, e a questo punto non ho molto in termini di speranza che la Parte 3 sia migliore. Spero che Toho Animation e Polygon Pictures mi dimostrino che mi sbaglio Godzilla: Mangiapianeti .

cast di lucifero stagione 4


^