Sfidante

Il documentario Challenger di Netflix è un'affascinante esplorazione del senso di colpa

>

Se eri vivo nel 1986, te lo ricordi. Anche se sei nato anni o decenni dopo, è probabile che conosci l'immagine: un'esplosione devastante contro un cielo limpido e insolitamente freddo della Florida, con una spessa nuvola bianca che si biforca in due mentre razzi e detriti cadono da quello che una volta era lo Spazio Navetta Sfidante . Il momento è famigerato, ma la nuova serie di documentari in quattro parti di Netflix Sfidante: Il volo finale , va dietro al disastro che ha ucciso tutti e sette gli astronauti a bordo, inclusa l'insegnante Christa McAuliffe. Riguarda i fallimenti latenti del programma Space Shuttle e la burocrazia e lo slancio che hanno reso inevitabile una tale catastrofe. È anche, in modo affascinante, un documentario sulla colpa e, in un modo silenziosamente perverso, sui limiti della colpa di fronte allo stesso tragico slancio.

L'ultimo volo inizia con il lancio del 28 gennaio 1986, tagliando ai titoli di testa subito dopo l'esplosione, ma poi torna indietro nel tempo alla concezione dello Space Shuttle, che è stato concepito come un mezzo per rendere sicuro, facile il viaggio nello spazio e routine limite. Lo spazio sarebbe stato per tutti, promise lo Shuttle, ma presto divenne evidente che non era così. Lo Shuttle era afflitto da problemi, alcuni dei quali erano pericolosi, mentre altri erano ritardi minori che ancora creavano un buco nella visione che la NASA stava vendendo. Questo problema di branding, spiega il documentario con incredibili filmati d'archivio e interviste con figure chiave della NASA e della storia dell'ingegneria spaziale, è ciò che ha portato alla presenza di McAuliffe su Sfidante , che doveva decollare nello spazio con due razzi che avevano un difetto chiaramente documentato e potenzialmente fatale. Lo spettacolo doveva continuare.

Sfidante esploso a causa di un difetto di ingegneria negli O-ring che avrebbero dovuto impedire al gas in fiamme e pressurizzato all'interno dei due razzi di esplodere, ma la serie di documentari umanizza questo difetto meccanico e il suo costo umano. Interviste con i cari degli astronauti deceduti, in particolare quelle con June Scobee Rogers, la vedova di Sfidante Il comandante Richard Dick Scobee ha messo la perdita dell'equipaggio in termini devastanti ed emotivi. Peter Billingsly, un ex attore bambino noto per Una storia di Natale (e più recentemente una svolta sorprendente in Spider-Man: Lontano da casa ) era il ragazzo di collegamento della NASA per la missione. Aveva 14 anni quando ha visto il Sfidante esplodere, e dato che si parlava di mandare un giorno il primo bambino nello spazio, Billingsly sembra quasi avere il senso di colpa di qualche sopravvissuto.



La colpa del sopravvissuto è un tema comune tra molti dei soggetti del documentario, ma è nelle conversazioni con i dirigenti della NASA che hanno approvato il lancio e gli ingegneri che hanno aiutato a costruire i razzi difettosi che L'ultimo volo mostra davvero il costo della colpa. Dal momento in cui vediamo per la prima volta Brian Russell, un ingegnere per il programma di propulsori a razzo solido dell'appaltatore Morton Thiokol, puoi dire che questo è un uomo infestato, anche oggi. Russell non era in una posizione abbastanza alta per chiamare i colpi, ma si prende comunque a calci per non aver infranto il protocollo, per non aver fatto di più per alzare le bandiere rosse.

Il documentario è così intriso di sensi di colpa che i pochi soggetti impenitenti sembrano decisamente macabro. William R. Lucas, il direttore del Marshall Space Flight Center al momento del Sfidante disastro, afferma che ancora non pensa di aver fatto nulla di sbagliato. Per lui, è il prezzo del progresso, ed è sbalorditivo quando confronta le morti dei Sfidante equipaggio ai suoi antenati che non tutti sono sopravvissuti quando hanno attraversato i monti Appalachi in un carro con i cavalli. Lawrence Mulloy, direttore del progetto per il Marshall Space Flight Center e l'uomo probabilmente il più diretto responsabile delle pressioni degli ingegneri di Morton Thiokol affinché approvino un rischioso lancio a basse temperature nonostante le loro preoccupazioni per gli O-ring, sembra portare un immenso peso di colpa. Lui è L'ultimo volo è il cattivo più evidente, anche se sembra così sconfitto dalla storia che è difficile provare animosità nei suoi confronti come spettatore. Sento di essere da biasimare, dice Mulloy nell'episodio finale. Ma non mi sentivo in colpa.

L'ultima frase di Mulloy è stridente. Non è chiaro dal documentario se intende dire che non si sente ancora in colpa, o se quello era solo il suo sentimento in quel momento. Se è il primo, allora hai la sensazione che potrebbe mentire a se stesso. La sua gestione della colpa - o la sua mancanza - è indicativa di un tema più ampio. Il rimpianto può arrivare solo fino a un certo punto prima che l'autoconservazione e la routine tornino in auge.

Sfidante

Credito: Netflix

L'ultimo volo è informativo e profondamente commovente, ma diventa rivelatore proprio alla fine dell'episodio finale, in un modo forse anche più sovversivo di quanto il documentario stesso sia disposto ad ammettere. L'episodio 4 si concentra sulle conseguenze del disastro, inclusa la Commissione Rogers incaricata di identificare la causa dell'esplosione. Poi, alla fine, la musica ricomincia a gonfiarsi. Quasi tre anni dopo il disastro, la NASA ha lanciato lo Shuttle Scoperta , il primo da Sfidante la distruzione. I problemi erano stati risolti e l'America era tornata nello spazio. È inquadrato come un momento trionfante, e in effetti alcune delle teste parlanti della NASA e dell'ingegneria che erano colpite dal senso di colpa e in lutto in precedenza nel documentario sembrano vederlo come una continuazione edificante della storia spaziale americana.

Ma, appena prima dei titoli di coda, alcune diapositive di testo raccontano cosa sarebbe successo dopo. La NASA ha volato 86 missioni Shuttle più di successo nei prossimi 15 anni fino a quando Colombia si è rotto al rientro il 1° febbraio 2003. Un'indagine ha rivelato un fallimento simile nel risolvere un problema ben documentato, spiega chiaramente il testo. Questo è tutto in una frase, ma la storia del Colombia disastro potrebbe (e dovrebbe) completare la propria serie di documentari di quattro episodi. Invece, L'ultimo volo lo considera un epilogo necessario, volutamente non elaborato.

L'implicazione, intenzionale o meno, è che non importa quanto si sentano in colpa queste persone perché la narrativa del progresso - e lo slancio che ne consegue - spingerà gli eventi verso un futuro apparentemente inevitabile. La distruzione del Sfidante pesa molto su quasi tutti i soggetti del documentario, ma il finale rivela che, per la maggior parte, non possono fare a meno di mettere il loro dolore e il loro senso di colpa all'interno di una storia ottimista e lungimirante su come funziona il mondo. L'ultimo volo stessa fa questo, presentando un caso di quattro ore del modo profondo e intrinsecamente imperfetto in cui la NASA ha lavorato prima di concludersi con una fanfara speranzosa sul prossimo lancio di successo dello Shuttle. Abbiamo tutti bisogno di un lieto fine, anche se la storia non è felice o, in effetti, è finita. La menzione volutamente breve di Colombia la sua morte è una tacita ammissione che Sfidante la sua storia non si è conclusa il 28 gennaio 1986, data del disastro, o il 29 settembre 1988, quando Scoperta vide l'America tornare nello spazio. La spinta a spingersi sempre avanti e il compiacimento che ne deriva, plasmeranno sempre il modo in cui facciamo e vediamo le cose. E, a volte, portano a un'altra tragedia.

Tutti e quattro gli episodi di Sfidante: Il volo finale ora sono in streaming su Netflix.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBCUniversal.

film di super mario bros mario


^