Streaming

Nerdy Jobs: come uno streamer a tempo pieno di D&D e RPG ha reso i giochi una carriera

>

Quando un Dungeons & Dragons il gruppo di avventurieri si avventura nelle profondità della tana di un temibile drago, sperando spesso di raccogliere alcune monete d'oro o gemme preziose dalla vasta orda di ricchezze della creatura. Sempre più spesso, queste avventure fantasy possono far guadagnare soldi veri alle persone anche nel mondo reale, come lo streaming D&D e altri giochi di ruolo da tavolo è diventata un'industria fiorente.

Will Jones ha molta familiarità con le ricchezze immaginarie e reali che i giochi di ruolo possono portare. Jones è un appassionato fan dei giochi di ruolo da quando aveva 10 anni e quando ne aveva 18 ha portato le cose a un altro livello. Mettendo in pausa la sua istruzione universitaria, Jones ha iniziato Incontro Roleplay per lo streaming professionale di D&D e altri giochi da tavolo. Ora, quasi cinque anni dopo. EncounterRoleplay vanta 27.000 follower su Twitch , 18.000 abbonati YouTube e tre milioni di visualizzazioni totali. Jones afferma che l'azienda gli ha fruttato più di $ 100.000 l'anno scorso, grazie in parte al lavoro con le principali società di giochi.

Jones, che progetta e gestisce tutti i suoi vari flussi insieme ad altri cinque ingegneri che ha assunto, dedica molto lavoro al divertimento e ai giochi. L'elenco crescente di spettacoli di EncounterRoleplay presenta diversi gruppi di giocatori e molti diversi giochi da tavolo (Jones consiglia una serie in cui interpretano il ruolo incentrato sui vampiri D&D campagna 'La maledizione di Strahd' come un buon punto di partenza per i nuovi spettatori).



Per la nostra nuova serie Nerdy Jobs, SYFY WIRE ha parlato con Jones di come è iniziato EncounterRoleplay, cosa significa fare dello streaming un'attività legittima e perché D&D e altri giochi da tavolo stanno vivendo un momento simile al giorno d'oggi.

Dicono 'fai ciò che ami e non lavorare mai un giorno in vita tua', ma trasformare questi giochi in lavoro cambia le cose per te? È ancora divertente da giocare?

Sicuramente amo ancora i giochi. È qualcosa che amo di ognuno di loro in un modo diverso, suppongo. È anche appagante vedere che altre persone si divertono o ottengono qualcosa da loro, è fantastico.

Penso che, proprio come in ogni relazione, c'è un periodo iniziale in cui sei totalmente innamorato di tutto ciò che riguarda il gioco e non c'è niente che potrebbe essere sbagliato o che non ti piacerebbe. Alcuni di questi svaniscono dopo che sono passati cinque anni che ho fatto questo a tempo pieno. Non sento questa passione eccitante solo a pensarci D&D ogni momento della mia vita. Non sarebbe salutare credo, perché è lavoro. Ma vedo che la parte davvero lavorativa è quella roba manageriale. La parte divertente è solo riuscire a giocare, davvero.

Quali sono le prospettive di EncounterRoleplay?

Al momento in cui stiamo parlando, sono passati 42 giorni all'anno e abbiamo trasmesso in streaming per 22 giorni materiale da gioco di ruolo. Quindi, abbiamo trasmesso in streaming per circa il 50 percento dell'anno. Il mio obiettivo è vedere il canale trasformarsi in una sorta di canale televisivo 24 ore su 24 di diversi spettacoli di giochi di ruolo in corso. Non tutto il gioco vero e proprio, ma forse notizie da tavolo, cose del genere. Mi piacerebbe vedere il canale entrare in modalità 24/7 e diventare il primo canale a farlo. C'è sicuramente uno spazio per questo. Le persone stanno divorando il contenuto e non possiamo farlo abbastanza velocemente.



^