Brillamenti Solari

La NASA rivela oscuri segreti del Sole durante l'eclissi solare totale

>

Quando il Sole si oscura, c'è una parte di esso che brilla più luminosa di ogni altra cosa: la corona. L'atmosfera esterna della nostra stella ha letteralmente fatto luce su molti misteri e continua a nasconderne molti altri in bella vista.

Durante un viaggio in alcuni dei luoghi più lontani e remoti del mondo per osservare la corona durante un'eclissi solare totale, un gruppo di ricerca guidato da Shadia Habbal dell'Università delle Hawaii ha scoperto che qualcosa non andava . La temperatura dalle regioni in cui ha origine il vento solare non cambia durante un ciclo solare, anche se le temperature del plasma magnetizzato che creano strutture all'interno della corona possono essere irregolari.

Benjamin Boe, un ricercatore del team di Habbal e coautore di uno studio recentemente pubblicato su Astrophysical Journal Letters, ha scoperto diverse cose inaspettate in 14 anni di immagini di eclissi solare ad alta risoluzione.



La cosa più sorprendente per me è il numero di strutture su piccola scala che siamo stati in grado di vedere nella corona, dice Boe a SYFY WIRE. Questi suggeriscono che gran parte della corona non è chiusa, ma in realtà apre linee di campo magnetico che si estendono nello spazio. Il nostro lavoro indica componenti mancanti e presupposti errati nei modelli che devono essere affrontati.

La maggior parte dei modelli precedenti presumeva che la maggior parte di linee di campo intorno al sole sono chiusi. Poiché il sole è essenzialmente una gigantesca sfera di plasma che galleggia nello spazio, si comporta come qualsiasi altro gas. Poiché diverse parti di esso ruotano fuori sincrono, il suo campo magnetico si deforma e alcune regioni sono abbastanza attorcigliate da eruttare. tempeste solari . Il vento solare è spinto attraverso lo spazio da fenomeni come brillamenti ed espulsioni di massa coronale. Può seriamente scherzare con la rete elettrica sulla Terra, rovinare i satelliti ed essere un pericolo per gli astronauti sulla ISS.

I ricercatori hanno scoperto la temperatura delle aree che danno origine al vento solare quando hanno studiato due tipi di ferro ioni che si verificano comunemente nella corona. Hanno visto che le particelle più relativamente fredde (se si può chiamare freddo qualcosa sul Sole) costituivano il vento solare e che queste erano quasi immutabili durante un ciclo solare di 11 anni. Tendono a zoomare a una velocità di circa 185-435 miglia al secondo. Le particelle più calde si insinuano ancora nel vento solare, ma sono più rare e meno prevedibili.

cime gemelle che hanno ucciso laura palmer

Boe crede che l'evidenza significhi che qualunque cosa riscaldi la corona e il vento solare non si preoccupa molto dei cicli, dal momento che sembra fare tutto ciò che vuole.

Il fatto che abbiamo scoperto che essenzialmente lo stesso ione era sempre dominante implica che il riscaldamento del vento solare è in qualche modo insensibile al ciclo solare,' dice. Tuttavia, ci sono altre strutture come protuberanze e regioni attive che variano con il ciclo solare e possono rilasciare plasma ad altissima temperatura nel vento solare.

A volte, queste strutture espellono il vento solare, ma non molto. Protuberanze solari , o filamenti, iniziano alla superficie del Sole e si estendono lontano nella corona, a volte divampando a centinaia di migliaia di miglia di distanza. Regioni attive sono visti come macchie solari. Queste sono aree in cui il campo magnetico capriccioso della nostra stella viene interrotto, scatenando tempeste ad alta energia che fanno parte del motivo per cui Marte, pensato per essere stato un potenziale focolaio di vita, è un cadavere di un pianeta.

film di batman con harley quinn

Un'eclissi totale di Sole si verificherà circa ogni anno e mezzo. A volte nemmeno i coronografi riescono a capire fino a che punto l'intera corona si estende nello spazio, motivo per cui il team di Habbal ha fatto affidamento sulle eclissi e le ha osservate ovunque, dall'Oregon alla Mongolia fino all'Artico. La visibilità è solitamente più chiara nelle aree senza enormi quantità di inquinamento luminoso che si frappongono. Non esiste ancora una tecnologia esistente che offra agli scienziati una visione della corona accurata come un'eclissi, durante la quale il team ha ripreso il Sole in luce bianca e ha studiato gli ioni esaminando lunghezze d'onda specifiche.

Non è del tutto chiaro perché il processo di riscaldamento si stia comportando in modo così coerente, afferma Boe. Il nostro obiettivo è fornire un contesto osservativo robusto e vincoli da utilizzare per i futuri sforzi di modellazione, che arriveranno quindi ad affrontare i meccanismi di riscaldamento.

Il prossima eclissi solare totale accadrà il 4 dicembre di quest'anno, ma non sarai in grado di vederlo da nessuna parte qui intorno. Inizia subito a prenotare i tuoi biglietti per l'Antartide.



^