Teorie Dei Fan

L'uovo di Pasqua di Matrix in Attack of the Clones non l'avevi mai notato

>

Insieme a Star Wars: Il Risveglio della Forza sugli schermi il 18 dicembre, molti di noi stanno alimentando le fiamme del nostro Guerre stellari ardore con un rewatch. Ma solo uno di noi ha gli occhi d'aquila come Redditor Il Robertissimo, che ha notato una connessione tra il film del 2002 Star Wars: L'attacco dei cloni e il film del 1999 La matrice .

Se non ricordi la scena dei bastoni della morte in L'attacco dei cloni , Lascia che ti rinfreschi la memoria:



Secondo Il Robertissimo , il programma Woman in the Red Dress [è] un programma che mira a distrarre i neofiti di Matrix nel tentativo di mostrare loro quanto sia facile essere colti alla sprovvista.

Sebbene non avesse pensato di scegliere lo stesso attore in due ruoli diversi, l'attrice Fiona Johnson, una comparsa nella scena dei bastoni della morte, ha poi attirato la sua attenzione.



Ho anche riconosciuto questa attrice di Matrix, dove interpreta la già citata 'Donna con il vestito rosso'.

Ingrandire

'Questa è l'attrice e modella australiana Fiona Johnson e dopo aver cercato su Google ho scoperto che il suo personaggio in AOTC è Hayde Gofai, una patrona dell'Outlander Club su Coruscant che spesso ha tentato di attirare l'attenzione di potenziali partner.

A questo punto ho pensato che fosse ovvio che questa combinazione di cameo fosse un riferimento diretto a The Matrix, il cui scopo è anche quello di implicare come Anakin non sarebbe stato facilmente distratto (a differenza di Neo) da qualche donna che cercava di attirare la sua attenzione, specialmente perché: a) è un Jedi eb) Un tema forte del film era il modo in cui Anakin pensava solo a Padmé, e questo non fa che aumentare.'

In altre parole, scegliere sia Doran che Johnson serve a sottolineare quanto Anakin sia devoto a Padmé.

Quindi o è stata una scelta di casting interessante... o una scelta di casting casuale che lo rende interessante teoria dei fan 13 anni dopo.

attraverso Reddit: TheRobertissimo .



^