Fumetti Di Meraviglia

Master Inker Scott Williams sull'inchiostrazione di problemi di scadenza di Jim Lee e X-Men

>

Scott Williams è stato uno dei migliori inchiostratori nei fumetti per più di 30 anni.

È piuttosto straordinario per qualsiasi creatore rimanere ai vertici o vicino ai vertici per così tanto tempo in un'attività che sembra essere reinventata e riavviata quasi tutte le volte che lo sono i suoi universi immaginari. Williams ha firmato alcuni dei più grandi nomi del fumetto, tra cui Marc Silvestri e Whilce Portacio. Ma chiedi a qualsiasi appassionato di fumetti che è cresciuto con i titoli degli anni '90 e ti dirà che conosce Williams, prima di tutto, come il braccio destro dell'inchiostro di Jim Lee.

elizabeth olsen e scarlett johansson

Williams era lì quando Lee è diventato famoso scrivendo a matita Uncanny X-Men . Quando la serie spinoff X-Men lanciato nel 1991 con il fumetto più venduto della storia, Williams era proprio lì, fornendo il giusto peso e chiarezza allo squisito lavoro a matita di Lee. I due hanno avuto una delle storie d'amore più lunghe e di maggior successo nella storia dei fumetti, con più opere di successo alle spalle ( Batman: silenzio , La nuova 52 Justice League serie, Superman: per domani , il WildC.A.T.S./X-Men crossover), così come troppe copertine da menzionare qui.



detective1027_variant

Credito: DC Comics. Disegni: Jim Lee/Scott Williams

'Sono passati cosa, 30 anni ormai? È abbastanza insolito che un disegnatore e un inchiostratore siano in qualche modo collegati nel modo in cui lo abbiamo fatto, per tutto il tempo che abbiamo,' Williams dice a SYFY WIRE durante un'intervista che abbraccia la carriera.

L'inchiostrazione è uno dei lavori più sottovalutati e fraintesi nei fumetti. Kevin Smith ha persino incluso uno scherzo a spese degli inchiostratori nel 1997 Inseguendo Amy . Il personaggio di Jason Lee, Banky Edwards, è un inchiostratore che cerca di strozzare un fan che lo insulta e lo chiama 'un tracciante'. Williams conosce fin troppo bene quella scena memorabile. Anche se può certamente farsi una risata bonaria a proprie spese, l'artista pensa che gli inchiostratori vengano dati per scontati - e ottengano pochissimo credito per il successo di un progetto - perché la maggior parte dei fan non sa esattamente cosa fa un inchiostratore.

'Penso che si tratti solo di una mancanza di comprensione del fatto che l'inchiostratore abbia o meno le capacità per estrarre un disegno dal fuoco', afferma Williams. 'Ci sono molte volte in cui la scadenza colpisce e il disegnatore non è in grado di fornire tutte le informazioni richieste all'interno di una determinata pagina. Quindi è l'inchiostratore che deve portarlo oltre il traguardo rifinendo la pagina, prendendo qualcosa di vago e chiarificandolo creando profondità aggiungendo al disegno. Questo è in definitiva ciò che fa un inchiostratore.'

Matite per cover Wonder Woman

Credito: DC Comics. Arte: Jim Lee

Inchiostri Wonder Woman

Credito: DC Comics. Disegni: Jim Lee/Scott Williams

Come osserva William, quando incombe una scadenza, gli inchiostratori spesso si trasformano in 'finitori' che irrigidiscono i disegni, aggiungono sfondi e persino correggono gli errori sulla pagina. Il vero talento d'élite spesso viene chiesto dai redattori di salvare un lavoro di matita scadente.

I buoni inchiostratori sono difficili da trovare; grandi, quasi impossibili. Quindi, quando i disegnatori trovano il partner perfetto, tendono a restare uniti per un po'. È per questo che John Romita Jr. e Scott Hanna hanno lavorato insieme per così tanti anni. Probabilmente aiuta anche a spiegare perché la relazione Lee-Williams è ancora forte, dopo tutti questi anni.

Williams si allontana per qualche minuto dalla sua tavola da disegno per parlare con SYFY WIRE della sua carriera nei fumetti. Di seguito, si apre sugli inchiostratori che lo hanno influenzato e tocchiamo i punti salienti della carriera che includono i suddetti X-Men #1. In effetti, condivide una lamentela di vecchia data sull'artwork pubblicato in quel leggendario fumetto. Si parla anche di un'imminente uscita di IDW, il Jim Lee X-Men Artist's Edition con scansioni dell'arte originale di quella gloriosa era X di fine anni '80-inizio anni '90. Continua a leggere e divertiti!

Come sei finito su un percorso di carriera come inchiostratore, invece di disegnatore?

Scott Williams: Sono stato contattato un sacco di volte da persone che vogliono entrare nel mondo degli affari come inchiostratore perché pensano che sia una specie di imbroglio, una scorciatoia. Potevano ottenere tutta la gloria e tutti i pulcini essendo un inchiostratore, senza dover fare il lavoro. Ma alla fine della giornata, tutti i migliori inchiostratori, in particolare quelli che potresti nominare, sono tutti artisti piuttosto solidi. E questa è una delle più grandi qualifiche dell'essere un inchiostratore. Lui o lei deve sapere come disegnare.

Ma di solito c'è qualche intoppo nel loro passo o qualche aspetto che non riescono a portare sul tavolo che impedisce loro di disegnare fumetti a tempo pieno. Lo so per me, è sempre stata una questione di velocità. Voglio dire, ci sono molte cose che potrei migliorare con il disegno, non fraintendermi. Ci sono molte cose su cui potrei migliorare, ma alla fine si trattava sempre di velocità. Ero molto più efficiente, quindi molto più in grado di pagare le bollette, essendo un inchiostratore di quanto non lo fossi come disegnatore.

Quanto è stata utile la tua velocità nei primi giorni quando eri alla Marvel con Jim Lee sul X-Men ?

È un requisito. Penso che sia vero sia per i pennarelli che per gli inchiostri. E soprattutto mentre stavo avviando la mia carriera, avevi davvero bisogno di essere in grado di gestire una pagina al giorno, sia che tu stia disegnando una pagina al giorno o inchiostrando una pagina al giorno. Se sei un inchiostratore e stai inchiostrando una pagina al giorno, è probabile che tu sia in grado di tenere il passo con chiunque [è il tuo disegnatore]. Se puoi [farlo] puoi produrre un libro mensile, da 20 a 24 pagine al mese più una copertina, più o meno.

Ora, se sei Jack Kirby o John Buscema, che potrebbero battere sei pagine al giorno, tanto meglio. Ma era folle. Voglio dire, era un mondo completamente diverso [a quei tempi] e esito a dire che quello che stavano facendo era più semplice perché non era sempre così. Era solo uno stile diverso. Molte delle cose che i fumetti stanno facendo in questo momento sono molto più illustrative, solo molto più orientate ai dettagli. Non significa che sia meglio. Ci sono un sacco di ragazzi oggi che mettono un sacco di dettagli e non è necessariamente così eccezionale.

Hai una bella storia dal X-Men giorni di dover passare tutta la notte per salvare un libro dalla scadenza mancata o una copertina che tu e Jim avete dovuto girare velocemente per rispettare una scadenza?

Sicuro. Voglio dire, ne abbiamo avuti un paio. Probabilmente il più memorabile, che è stato durante il nostro [ Uncanny X-Men ] correre. Era il nostro piccolo studio, gli Homage Studios: io, Jim e Whilce Portacio. E abbiamo dovuto girare un numero di X-Men che è uscito un po' fuori dal coro. L'ufficio degli X-Men era in un ingorgo. In pratica hanno detto: 'Siamo disperati. Potresti risolvere un problema in circa una settimana?' Stai parlando di matite e inchiostri. Jim è tipo, 'Sì, possiamo farlo.' Grande. Grazie Jim!

Quindi siamo tutti uniti insieme, quindi non era esattamente un lavoro per due persone. Questo era sicuramente un lavoro da tre persone. Era uno studio unito e che giocava con i nostri punti di forza. Ognuno di noi ha fatto la parte in cui era meglio. E abbiamo tirato fuori il libro in poco più di una settimana.

Xmen_jimlee

Credito: Marvel Comics. Disegni: Jim Lee/Scott Williams

Penso che quelli di noi che non sono nel business dei fumetti a volte non si rendono conto di quanto sia implacabile il lavoro sui fumetti mensili. Ad esempio, allora, voi ragazzi siete andati proprio da Uncanny X-Men direttamente nel lancio X-Men , non è vero?

Abbiamo praticamente finito la nostra corsa Uncanny X-Men fino a quel primo numero in tempi normali. Quindi fondamentalmente stavamo lottando, macinando e risolvendo i problemi. E poi, il nostro prossimo numero è una delle nostre maggiori opportunità: X-Men #1. Oh, ed è doppio e ci sono più pinup. Tutti e nove i metri e ovviamente molti occhi e molta pressione su di noi per fare un buon lavoro. Quel primo numero è stato fondamentalmente fatto all'incirca nello stesso lasso di tempo che facciamo con un numero normale. Quindi non era specificamente una notte intera, ma più notti notturne. E mi ricordo [ X-Men #1] essendo l'unico problema in cui probabilmente ero più arrabbiato, e non era a causa della storia. Penso che abbiamo finito bene la storia principale. L'ultima cosa che abbiamo salvato sono state le quattro pinup che c'erano dentro.

C'erano quattro pinup sulla copertina interna o sul retro. Una delle pinup che ho fatto è stata quella dei cattivi. Ricordo che era probabilmente l'ultimo che abbiamo fatto e stavo solo senza fiato. È stato divertente. È stato esaltante, ma arriva un punto in cui la tua capacità di andare avanti viene messa a dura prova. E mi sentivo piuttosto tassato. Quindi c'erano molte cose buone, molti grandi aspetti nel fare quel libro, ma a quel punto stavo correndo a vuoto.

La tua collaborazione con Jim è il modo in cui penso che la maggior parte dei fan ti identifichi. La tua collaborazione ha creato così tanti ricordi di fumetti killer. Ma se siamo onesti, Scott, probabilmente avresti potuto scegliere un pennarello più facile da inchiostrare tutto il tempo. L'arte dettagliata di Jim non può essere facile da inchiostrare!

Nessuno mi ha puntato una pistola alla testa. Avrei potuto andarmene in qualsiasi momento! (Ride) Penso che sia andata in entrambe le direzioni e penso che Jim probabilmente direbbe la stessa cosa. Avevo uno stile di inchiostrazione piuttosto consolidato quando Jim è entrato nel business, e gli è piaciuto e ha funzionato con esso. Ha in qualche modo disegnato i miei punti di forza. C'erano molte cose che metteva nelle matite, che non erano proprie del suo stile, ma si adattavano al tipo di linea e al tipo di look che stavo cercando. Quindi, quando torni indietro e guardi alcune delle prime matite che ha fatto, troverai molto del mio lavoro di linea nelle sue matite perché avrebbe anticipato che era quello che avrei fatto comunque. Quindi l'ha messo lì.

Penso che con il passare del tempo, il suo stile si sia in qualche modo cementato all'interno, e il tipo di lavoro che penso che voglia vedere sia stato abbastanza cementato. Quindi mi sono davvero adattato. Ho adottato alcune delle cose che fa. Ho provato. Quando si tatua e lo abbiamo visto tutti [sui suoi social media], è davvero energico. È molto più organico. Non è così esigente come me. Um, non è un OCD on line come lo sono io. Quando penso alle cose, tendo a tenerle a freno, è solo un po' quello che sono come un inchiostratore, ma per quanto riguarda le cose in prestito, ho imparato a... non si tratta di lasciar andare le cose, si tratta di permettere che accadano incidenti felici di più, e di essere consapevoli del fatto che solo perché qualcosa è molto preciso non lo rende migliore.

Se riesci a mettere alcune informazioni rapidamente, spontaneamente e in un certo senso averle, avere un po' di quel rimbalzo in più che arriva con quel momento della creazione, seguilo. E quindi queste sono alcune delle cose che ho tratto da Jim. Quella capacità di non essere così anale al riguardo. È ancora lì dentro. Fa ancora parte di ciò che sono come artista. Non sarò mai così spontaneo come lui, ma è sicuramente qualcosa che ho cercato di fare consapevolmente per prestare attenzione a ciò che sta facendo e adottarne alcuni aspetti.

zaius pianeta delle scimmie
Jim Lees X-Men Artists Edition - Pagina 144 - X-Men #4 Cover

Credito: Marvel Comics. Disegni: Jim Lee/Scott Williams

Qual è il tuo personaggio preferito disegnato da Jim Lee da inchiostrare senza nome Batman?

È come scegliere i bambini preferiti e cose del genere. Non credo ci siano dubbi sul fatto che gli X-Men di cui abbiamo parlato prima siano stati una parte importante della nostra carriera e un trampolino di lancio per altre cose. E sai, Mike, che sono praticamente un fan proprio come tutti gli altri. Wolverine è sempre stato uno dei miei preferiti. Ha solo molte delle stesse dinamiche che ha Batman. È un eroe, ma è imperfetto. Quindi ci sono aspetti del suo personaggio che sono attraenti al di là della semplice grafica. Ma è solo un personaggio divertente da disegnare. Ed è sempre messo in situazioni divertenti. Non è una sorpresa che sia una specie di beniamino dei fan. E il modo in cui Jim lo disegna, beh, praticamente lo inchioda.

C'è un'imminente asta del patrimonio che include la copertina originale di uno dei più famosi X-Men copertine su cui avete lavorato, Uncanny X-Men #268 . Presenta una delle immagini più belle di Wolverine, affiancata da Cap e Black Widow. Alcuni fan che leggono questo potrebbero non essere consapevoli del fatto che non stai solo pagando a parole quando dici di essere un fan. Sei un fan di vecchia data e un grande collezionista d'arte originale. E su una delle bacheche in cui i collezionisti come noi si appassionano all'arte del fumetto, qualcuno ha iniziato a criticare la copertina e la logica dietro la collocazione dei tre eroi. Perché dovrebbero semplicemente stare in piedi su un tetto? Hai dato quella che pensavo fosse una risposta perfetta.

Non sottovalutare mai il potere di sembrare cool. Voglio dire, è tipico dei fumetti in cui sezionare e cercare di capire perché sembrano così quando non è pratico? Ma alla fine della giornata, quando ci pensi davvero, gran parte di ciò che fa Jim sembra semplicemente fantastico. Comunque ti definisci alla grande. I ragazzi sono belli, robusti, cesellati. Le donne sono tutte belle, ma alla fine le mette in una posizione che gli piace in questo modo; usa il linguaggio del corpo a vantaggio, al punto che sembra semplicemente figo. E a volte non hai bisogno di sapere perché quei ragazzi sono sul tetto, in posa. Sembra semplicemente fantastico.

Sono registrato online dicendo che la copertina sarà venduta per almeno $ 250.000 all'asta, e potrei essere a bassa quota.

Penso che sia una scommessa molto sicura. E porta a casa il fatto che quando l'ho venduto per $ 650 nel 1990 o nel 1991, potrebbe essere stato un errore.

Mettendo da parte il dolore di quel prezzo di aggiudicazione definitivo per l'arte, cosa ti dice che una copertina su cui hai lavorato circa 30 anni fa sia una pietra di paragone culturale per una vasta sezione di fan? Il fatto che l'arte sia il fulcro di una grande asta parla dell'impatto del tuo lavoro.

È gratificante che qualcosa che abbiamo fatto tanto tempo fa sia ancora considerato abbastanza bene. Un sacco di fumetti e collezionismo d'arte, c'è molta nostalgia coinvolta. Quando vado agli spettacoli in questi giorni - quando avevamo spettacoli a cui andare - di gran lunga la maggior parte delle richieste che ricevo per gli autografi di solito provengono da cose di 25-30 anni fa. Non era così come cinque o dieci anni fa. Ma penso, um, dato che la base di fan è cresciuta un po', si guarda indietro a quelle epoche di X-Men e il lavoro che facevamo allora attraverso una specie di occhiali nostalgici color rosa. Voglio dire, siamo tutti cresciuti leggendo fumetti, amico, e qualunque cosa tu leggessi quando avevi 12 anni, era il migliore.

Jim Lees X-Men Artists Edition - Copertina - Uncanny X-Men #268 Cover

Credito: Marvel Comics. Disegni: Jim Lee/Scott Williams

Volevo chiederti dell'imminente uscita di IDW's Jim Lee X-Men Artist's Edition ( puoi scoprire maggiori info qui ). Questi sono libri di grandi dimensioni che ristampano l'arte del fumetto originale in modo che tu possa vederla nella sua forma più pura. I collezionisti adorano questi libri perché danno loro la possibilità di visualizzare pagine d'arte oscenamente costose. Per un artista, immagino che fornisca una certa validità all'eredità e un certo periodo della tua carriera.

Decisamente. Quei libri sono un'arma a doppio taglio in quanto, come artista, vedi sempre i tuoi difetti prima di tutto. E anche se lo faccio notare alle persone, loro lo ignorano. Non lo vedono. Ma vedo tutti i difetti. E c'è questo: penso che se sei un artista, se arrivi mai al punto in cui sei veramente soddisfatto di tutto quello che stai facendo, probabilmente sei arrivato a un vicolo cieco. Perché ci sono sempre modi, ci sono sempre cose che puoi fare per migliorare. Ma sì, l'Artist's Edition è ovviamente un po' un'affermazione. I fan sono i clienti e lo acquistano solo sulla base delle sole immagini.

C'è qualcosa nell'arte stessa che deve essere abbastanza avvincente. Che si tratti di meriti propri o del potere della nostalgia, deve esserci qualcosa in questo che costringe qualcuno a spendere dai 100 ai 200 dollari per uno di questi libri. Quindi sì, siamo eccitati. Sono emozionato, francamente, perché riproduce l'intero numero di X-Men #1. E il motivo per cui ne sono entusiasta è innanzitutto che è un lavoro di cui sono molto orgoglioso. Quello che Jim ha portato al tavolo e quello che ho portato al tavolo era probabilmente buono come eravamo in grado di fare in quel momento. L'altra cosa interessante a riguardo, e sarò interessato a vedere chi se ne accorge, chi ha comprato quei libri dagli scaffali e ha quello come unico punto di riferimento, è che proprio in quel momento, la Marvel aveva dei problemi con tecniche di riproduzione. Il che è strano perché i libri che sono stati fatti nell'Età dell'Argento e fino a quel momento, generalmente la riproduzione era abbastanza buona, soprattutto considerando il fatto che veniva stampato su carta da giornale con una tavolozza di colori molto limitata e quant'altro.

Ma tecnicamente stava succedendo qualcosa che non abbiamo mai capito. Ma quando sono usciti quei libri, avevamo il cuore spezzato perché il lavoro di linea si interrompe, è graffiante e approssimativo. Le pagine interne e le doppie pagine in particolare. Hanno stampato come una merda. Lo hanno fatto davvero. E non è solo come una certa parte della tiratura. È l'intera stampa. Sono tutte le riproduzioni, sono tutti i tascabili commerciali, i tascabili. Quando guardi le pagine originali, come sarai in grado di fare con il libro IDW Artist's Edition, vedrai un livello di artigianato molto diverso che non era evidente in quei libri.

Concludiamo parlando dei tuoi eroi artistici. Quali inchiostri tieni in massima considerazione?

Ero un grande fan di Frank Miller e Klaus Janson temerario e tutta la loro corsa. Mentre stavo iniziando a ottenere un lavoro professionale e stavo ancora cercando di capire le cose, ho letteralmente disposto i fumetti di Klaus Jansen accanto al mio tavolo da disegno in modo da poter provare a vedere cosa potevo rubare. Ed è proprio quello che fa la maggior parte degli artisti. Rubano roba ed è un'antica tradizione. Non c'è assolutamente niente di sbagliato in questo. Se sei un disegnatore o un'ancora là fuori e stai cercando di capire cosa vuoi fare, non devi reinventare la ruota ogni volta. Puoi provare a capire cosa stanno facendo i tuoi artisti preferiti e provare a farne tue parti. Quello che accadrà è che alla fine prenderai qualunque cosa tu stia sezionando e la farai tua e il tuo stile si trasformerà ed evolverà in qualcosa, si spera, di nuovo. Ed è fondamentalmente quello che ho fatto. Il mio stile è nato da un fallimento nell'adattarmi allo stile di Klaus Janson.

Klaus ha una mano molto pesante come inchiostratore. Se torni indietro e guardi alcune delle mie prime cose, le vedresti nel mio lavoro. Ero più pesante nel modo in cui rendevo le cose, ma alla fine la mia sensibilità è sorta da lì. La mia linea è diventata specifica e raccoglievo cose da tutti gli artisti che ammiravo, sia che si trattasse di Neil Adams quando si tatuava, sia di Tom Palmer, un altro grande inchiostratore con uno stile molto evidente.

Chi diresti che è un inchiostratore sottovalutato? L'età del bronzo dei fumetti aveva molti candidati per questa risposta.

quando si perde nello spazio tornando

Sottovalutato. Oh. È difficile. Non so se qualcuno significativamente più giovane di me sappia o ricordi cosa Bob Wiacek ha portato agli X-Men. Ma quando stava inchiostrando Paul Smith (per un breve periodo a metà degli anni '80), era semplicemente stupendo. Era come un perfetto matrimonio di stile. Eppure penso che alcuni di quegli stessi lettori che potrebbero conoscere il mio lavoro potrebbero non sapere chi è Bob. Ha anche fatto un ottimo lavoro sulle matite di Walt Simonson sul X Factor libro.

Molti di quei ragazzi più grandi erano contrari alla pistola per quanto riguarda le scadenze. Ho scoperto presto come professionista che la cosa peggiore che puoi fare è prendere libri molto tardi e dover essere una sorta di salvatore. Perché mentre succede, tu sei il migliore amico dell'editore. Una volta fatto, non lo apprezzano. E francamente, di solito il lavoro che fai è piuttosto sciatto. Non guadagni molti complimenti dai fan. Poi inizi a farti una reputazione solo per aver lanciato un prodotto invece di qualcosa che ha un po' di anima.


Hit me up su Twitter / Facebook / Instagram e condividi la tua arte preferita di Jim Lee/Scott Williams. E se vuoi vedere il processo di inchiostrazione di Scott, dagli un seguito su Instagram, @ScottWilliamsInks . Condivide regolarmente aggiornamenti sul suo lavoro lì.

Non dimenticare che Behind the Panel è una serie multipiattaforma che può aiutarti a divertirti durante questi tempi strani e stressanti in cui ci troviamo. La nostra serie di video è ricca di interviste approfondite con fantastici creatori di fumetti. Il podcast Behind the Panel è una serie di documentari audio che offre una visione unica dei tuoi creatori e storie preferiti. Dai un'occhiata, pensiamo che ti piaceranno.


Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBCUniversal.



^