I Nuovi Mutanti

La Marvel continua a cancellare l'identità afro-brasiliana di Sunspot e gli X-Men (e i fan) stanno peggio per questo

>

Per anni, i progressisti - politici, creatori e la persona media allo stesso modo - hanno spinto l'ideologia che il daltonismo porta all'uguaglianza , quando in realtà ha eliminato ogni senso di cultura o razza e ha ulteriormente elevato la visione bianca predefinita. Invece delle vite dei neri o delle vite asiatiche contano, la tacita comprensione è stata che tutte le vite contano, ma solo le prospettive dei bianchi sono valutate.

L'industria dei fumetti è stata particolarmente colpevole di questa emarginazione. Questo è vero anche negli X-Men, l'originale Marvel analogico per affrontare il razzismo . I cambiamenti sono avvenuti lentamente, sebbene la rappresentazione sia migliorata dagli anni '60. Quello che è iniziato come cinque adolescenti bianchi sotto l'autorità patriarcale del Professor X si è spostato verso l'abbraccio del multiculturalismo - con l'introduzione di Storm, Thunderbird e Nightcrawler - ma presto è tornato a uno sguardo prevalentemente bianco. Il triste risultato fu l'esotismo, anche con i suoi caratteri etnici bianchi; Banshee e folletti ? Veramente?

Tutto questo è cambiato nel 1982 con l'introduzione dei New Mutants, una squadra di adolescenti che ha iniettato al franchise sangue fresco da tutto il mondo. La tribù Cheyenne nata Dani Moonstar dal Colorado è stata raggiunta da Sam Guthrie dal Kentucky, Xi'an Coy Manh dal Vietnam, Rahne Sinclair dalla Scozia e Roberto da Costa, alias Sunspot, dal Brasile. Di questi personaggi, Sunspot in particolare era speciale per come si identificava. Figlio di un brasiliano nero - nato in schiavitù - e di una madre americana bianca, da Costa non solo è stato raffigurato come un bambino nero dalla sua prima apparizione, ma era anche orgogliosamente afro-brasiliano in ogni momento.

macchie solari

Credito: Marvel

Questo impegno con la sua cultura includeva il suo affrontare l'ostracismo per essere diverso. Il Brasile è un paese diversificato ma, come gli Stati Uniti, e contrariamente alla credenza popolare, è ancora incentrato sui bianchi e soffre di razzismo. Fedele alla forma, nel debutto a fumetti di da Costa in The New Mutants: Marvel Graphic Novel #4, partecipa a una partita di calcio contro concorrenti tutti bianchi che lo disprezzano non solo per il suo talento, ma perché è nero. Chiamandolo un mezzosangue, lo insultano in modo flagrante. Dopo aver affrontato uno dei giocatori incriminati, da Costa viene travolto e preso a pugni finché, in un momento di panico, i suoi poteri si attivano. Sconcertato, fa volare via il suo avversario e inizia ufficialmente il doloroso processo di diventare un supereroe adolescente in allenamento.

Una delle cose più fantastiche di da Costa era che anche se era già nero, quando usava i suoi poteri diventava ancora più nero. Piuttosto che spalmare gli stereotipi latini di essere infuocati con poteri basati sul calore, da Costa si è trasformato in una centrale elettrica. A differenza dell'incredibile Hulk, non ha perso l'intelligenza nel farlo, piuttosto è rimasto lo stesso precoce erudito, più preoccupato di usare i suoi poteri limitati con eleganza che di andare su tutte le furie. Questo era vero anche quando fu catturato, drogato e reso schiavo come parte di un anello di gladiatori. Piuttosto che cadere nella follia omicida, ha manipolato con successo le regole di ingaggio e ha combattuto per mantenere la ragione. A dire il vero, da Costa si è lasciato andare a dirottamenti giovanili e ha preso molte decisioni sbagliate, ma quegli errori non sono mai stati razzializzati. Sono stati presentati come i dolori della crescita guidati dal carattere di qualsiasi adolescente.

Questa sovversione degli stereotipi razziali è stata un punto culminante del suo personaggio in tutte le incarnazioni, anche se la sua rappresentazione è diventata più imbiancata nel corso degli anni. La saga dell'imbiancatura di da Costa è stata ampiamente documentato con buona ragione. La cancellazione sistematica della sua cultura nega il potere dell'ideologia antirazzista fondatrice degli X-Men.

x-men evoluzione

Credito: Marvel Entertainment/Warner Bros.

Nelle sue apparizioni simboliche in tutta la serie di cartoni animati X-Men: Evoluzione , le trame di da Costa e la sua interpretazione del doppiatore bianco Michael Coleman, hanno completamente eliminato la sua eredità afro-latina. Il suo 2014 X-Men: Giorni di un futuro passato Il debutto cinematografico ha continuato questa tendenza attraverso il casting dell'attore messicano americano Adan Canto, che, sebbene latino, è anche bianco. Di recente, la 20th Century Fox e la Marvel si sono nuovamente impegnate a cancellare le origini africane di da Costa ingaggiando l'attore brasiliano bianco Henry Zaga nel ruolo del prossimo lungometraggio, I nuovi mutanti . L'uscita originale del film, tanto ritardata, è stata rimandato nel 2018 per le riprese – ma non da rifondere per l'autenticità razziale.

È interessante notare che il Brasile ha la più grande popolazione di discendenti africani al di fuori dell'Africa - più di 55 milioni di persone - nel mondo. Queste metriche sono schiaccianti. Quel che è peggio è che questo intenzionale imbiancamento si è trasferito anche nell'arte dei fumetti. Guardando Sunspot negli ultimi anni, si potrebbe essere perdonati per aver supposto che fosse Nate Gray con una leggera abbronzatura, o solo un altro miliardario europeo bianco nello stampo di Tony Stark.

È un peccato perché parte di ciò che ha reso da Costa un personaggio così meraviglioso è la sua storia di appartenenza alla sua cultura afro-latina, in particolare in un momento in cui la rappresentazione diversificata continua ad essere ignorata o viene servita metaforicamente attraverso un alieno letterale in una terra straniera tropi.

Invece di presentare da Costa come un esempio di povertà, la Marvel ha seguito la strada della Pantera Nera e lo ha reso un principe apparente. Nato in una famiglia benestante, il privilegio di da Costa non ha fatto nulla per proteggerlo dal razzismo. Questo, così come la sua passione per i detti spagnoli - anche se avrebbero dovuto essere portoghesi brasiliani - ha mantenuto da Costa ancorato alla realtà di essere afro-latino.

Anche se eseguita in modo imperfetto, la rappresentazione dei mutanti della Marvel è stata un commento sul razzismo, pur mantenendo spazio anche per altre persone emarginate, in particolare per la comunità LGBTQ. Proprio come le persone gay subiscono discriminazioni per il loro orientamento, le persone gay nere sono costrette ad affrontare la doppia discriminazione di razza e preferenza sessuale. Allo stesso modo, anche se i suoi compagni di squadra erano odiati per essere mutanti, da Costa è stato doppiamente disprezzato per essere nero e con superpoteri. Questo è stato illustrato al meglio durante il suo primo potenziamento, che ha innescato un fuggi fuggi di massa di paura da parte dei partecipanti allo stadio di calcio. Certo, giocava a calcio, una passione latina che gli è rimasta, nonostante sapesse che le sue aspirazioni professionali sul campo erano effettivamente finite.

macchia solare 3

Credito: Marvel

Nelle prime apparizioni, mentre si allenava con i suoi compagni di squadra, da Costa ha mostrato un talento per la massima sicurezza che avrebbe potuto essere registrato come sessismo se non per il suo fanciullesco bisogno di approvazione. La paura che potesse trasformarsi in un bruto dalla mente semplice era costantemente attenuata dal fatto che era uno spirito amante del linguaggio, interessato tanto al jet-set quanto a fare un ingresso sfondando i muri. Crescendo da solo, da Costa si è evoluto da un viziato Carioca - vantandosi costantemente delle molte cose che la ricchezza di suo padre gli offriva - in un abile uomo d'affari anche se è rimasto determinato a mantenere l'aria di un vanitoso uomo di svago. Quello che mi viene in mente è il detto nazionale brasiliano, Non preoccuparti , che si traduce approssimativamente in: non preoccuparti.

Cioè, a meno che non si fosse accorto che qualcuno gli stava rivolgendo la parola, come accadde all'inizio del Nuovi mutanti serie mentre aveva a che fare con il Professor X. All'epoca il professore era posseduto da un Uovo della Covata, il che gli fece mostrare tendenze più autoritarie del solito. Da Costa ha risposto con disprezzo, al punto che ha pensato di abbandonare la squadra. Questa era l'immagine rinfrescante di un giovane nero giustamente arrabbiato, che rifiutava di inchinarsi per essere trattato come qualcosa di diverso dal degno. Ha reagito in modo simile a Magneto e Cable quando hanno assunto il comando della squadra, tenendo sempre i due a distanza piuttosto che saltare sul carro senza dubbio.

Questa è l'essenza del personaggio di da Costa, qualunque sia la sua incarnazione fisica. Un donnaiolo spensierato (anche se orgoglioso), fieramente consapevole di dove viene e cosa ha perso per mantenere il suo status. Alcuni personaggi sono dei pushover che si siedono in attesa di istruzioni. Roberto da Costa è pronto a fare la prima mossa, anche se da un luogo di intelligenza che si addice al suo status e carisma. Guardando all'attuale clima politico e al bisogno di diversità, è l'esempio perfetto di un uomo afro-latino che tutti potremmo fare per vedere di più: amante di sé, sebbene devoto ai suoi amici, super intelligente e capace, interessato alla moralità , ma meno interessato alla politica della rispettabilità che a ricevere il dovuto rispetto.

Figlio di un ex schiavo cresciuto per guidare una delle compagnie più ricche del mondo, da Costa è figo e arrogante come qualsiasi personaggio bianco della Marvel. Considerando questa stagione di proteste, immagina la dichiarazione che farebbe se tornasse al suo design originale afro-latino. La Marvel in questo modo farà di più che a parole a Black Lives Matter; mostrerà un investimento onesto nella rappresentazione che il mondo sta richiedendo, piuttosto che continuare a coprire le bellissime origini di Sunspot in bianco.



^