Fumetti Di Meraviglia

Marvel e DC si alleano: una storia orale di JLA/Avengers, l'evento crossover più ambizioso di sempre

>

Nel 2003, DC e Marvel Comics hanno fatto l'impensabile, almeno da una prospettiva moderna: hanno collaborato. Le due principali case di fumetti hanno unito i poteri per un'enorme miniserie di quattro numeri che presentava i rispettivi eroi principali ed era intitolata alternativamente JLA/Avengers o Vendicatori/JLA . E con il dovuto rispetto per Avengers: Infinity War , questo è stato il crossover più ambizioso della storia.

incontri ravvicinati del terzo tipo di alieno alto

Non è che questa fosse la prima volta che i due monoliti del mercato del fumetto americano si univano. Nei quasi 30 anni precedenti, c'era stata un'infarinatura di incontri speciali 'una volta nella vita' tra i personaggi di ciascuna delle loro scatole di giocattoli. Superman e Spider-Man si sono incontrati in un one-shot delle dimensioni di un tabloid nel 1976. Cinque anni dopo, si sono incontrati di nuovo, mentre Batman e Hulk si sono incrociati nello stesso anno. I Teen Titans e gli X-Men hanno coronato un'era impegnativa con una squadra nel 1982 scritta da Chris Claremont e Walt Simonson. La metà degli anni '90 ha visto anche una serie di significativi crossover.

Questo JLA/Avengers la collaborazione è stata concepita come prendere il più grande e il meglio di entrambe le società. Doveva essere disegnato da George Pérez, l'unico artista abbastanza dotato - e in una certa misura abbastanza pazzo - da assumersi il compito di disegnare ogni personaggio a cui fosse mai stata offerta una carta d'identità dei Vendicatori o un abbonamento alla Justice League o uno delle sue propaggini. I due uomini che all'epoca erano incaricati di guidare entrambe le squadre, Mark Waid della DC e Kurt Busiek della Marvel, avevano il compito di scrivere il libro. Tom Brevoort, il Vendicatori montatore, era a bordo, così come Stephen Wacker, assistente al montaggio alla DC.



La cosa più importante era che questo fumetto fosse effettivamente realizzato. Nel 1983, le aziende avevano voluto sfruttare il successo delle loro collaborazioni con un libro intitolato JLA/Avengers , che doveva essere co-scritto da Gerry Conway (co-creatore di Punisher per Marvel e Firestorm per DC) e dal leggendario scrittore Roy Thomas, con le faccende artistiche che sarebbero state di nuovo gestite da George Pérez. La DC avrebbe gestito la maggior parte del lavoro pesante nella produzione del libro e la Marvel avrebbe gestito la distribuzione. Questo avrebbe dovuto essere una schiacciata, ma attraverso una serie di incomprensioni e fraintendimenti tra il caporedattore della Marvel Jim Shooter e il DC EIC Dick Giordano, il progetto si è concluso prima di essere davvero iniziato.

SYFY WIRE ha parlato con quei contributori chiave per uno sguardo senza precedenti su come è stato realizzato il crossover. Ho contattato entrambe le persone della Marvel e della DC, con molta più fortuna con la prima che con la seconda.

Informativa completa: Facevo parte dello staff della DC Comics all'epoca in cui questo progetto stava nascendo, lavorando a fianco del dipartimento editoriale. Quindi posso parlare in prima persona del lato DC dell'equazione e del lavoro che è stato fatto per rendere possibile questa miniserie.

ragno super

Credito: DC/Marvel

Kurt Busiek: Non so se questa sia vera ironia, ma è almeno una coincidenza, quindi è la versione dell'ironia di Alanis Morissette. Uno dei miei ultimi lavori come fan giornalista, quando stavo lavorando a una rivista di fumetti, è stato quello di scrivere un articolo che annunciasse quello che sarebbe stato il libro del 1984. Era il 1981 o il 1982. Non sapevo molto di cosa ci fosse dentro a quel tempo, ma nel corso degli anni, quando è crollato, sono state fatte interviste a riguardo in cui tutti si urlavano l'un l'altro.

Il problema con il primo era davvero una questione di scontro di personalità. Lo stile di montaggio di Dick era 'muoviamoci e lo sistemeremo lungo la strada'. Dick Giordano, in quanto inchiostratore pluripremiato da molto, molto tempo, non credeva che esistesse un fumetto che non si potesse aggiustare negli inchiostri. E Jim Shooter era uno scrittore molto intellettualmente guidato, che voleva tutto nei contorni. Se non era nel contorno, era sbagliato. Quindi Dick era tipo 'Sì, ok, abbiamo una trama, e forse parti di essa non hanno senso, ma la sistemeremo mentre andiamo avanti' E Jim era tipo, 'no, non puoi iniziare finché non hai uno schema che funziona.'

Il conteggio finale del lavoro prodotto su JLA/Avengers '84: un numero completamente pianificato che potrebbe essere stato approvato o meno, 21 pagine di opere d'arte a matita e una litania di memo avanti e indietro tra Giordano e Shooter che dettagliavano quale dei loro rispettivi team editoriali non fosse colpevole. Dopo i cambi di gestione in entrambe le società, nuovi crossover tra i personaggi Marvel e DC hanno iniziato a colpire gli spalti.

Tra il 1994 e il 1999, le società avrebbero collaborato a 11 storie autonome con personaggi del calibro di Spider-Man, Batman, New Gods, Galactus, Superman, Silver Surfer, Captain America e dozzine più personaggi dalla rispettiva libreria di ciascuna compagnia. Hanno anche pubblicato Marvel vs. DC, una miniserie di quattro numeri che era più simile a un battle royale che metteva i personaggi iconici l'uno contro l'altro, con i risultati votati dai fan allegri.

Ci è voluto un altro cambio di gestione per ottenere l'originale JLA/Avengers l'idea rotola di nuovo.

Tom Brevoort: Ero intimamente coinvolto nella realizzazione di questo crossover. All'epoca, Joe Quesada era stato installato come nuovo EIC della Marvel e stava lavorando a un programma che chiamava 'affari incompiuti': rapporti con i creatori che erano caduti in disgrazia, progetti che non erano mai stati completati a causa di qualche difficoltà o altro, quel genere di cose. E così, a un certo punto, mi ha chiesto perché il JLA/Avengers progetto non era accaduto in passato. Gli ho fatto un resoconto e lui ha detto: 'Okay, fallo accadere'.

Ho verificato con i nostri addetti ai contratti i dettagli dell'accordo generale per i crossover Marvel/DC, e ho scoperto una cosa: l'accordo prevedeva che ogni società producesse un numero uguale di libri, ma in quel momento la DC ne aveva fatti quattro in più di Marvel aveva. Quindi questo mi ha dato un po' di leva contrattuale.

Chloe Bennet Agents of shield stagione 4

Non so come fosse il processo decisionale alla fine della DC – per la Marvel, questo era tutto. Ci siamo incontrati tutti una o due volte per chiarire alcuni degli aspetti commerciali, concordare la durata e il team creativo, nonché i diritti di pubblicazione della raccolta. Questo è andato alla DC, poiché la Marvel non aveva una macchina in atto in quel momento per fare collezioni, qualcos'altro che Joe Q è stato determinante nella costruzione.

Così come le ruote sono state messe in moto per ottenere JLA/Avengers iniziato, il talento che attualmente lavora su entrambi i libri si è reso conto che questo progetto potrebbe improvvisamente avere una nuova vita.

Impegnato: Quando le cose andavano bene tra Marvel e DC, ne abbiamo sentito parlare e che potrebbe esserci una possibilità. Stavo scrivendo Avengers mentre Mark Waid scriveva Lega della Giustizia e abbiamo elaborato piani elaborati per fare un JLA/Avengers #1, e poi fai apparire la storia nei prossimi sei numeri di Vendicatori e JLA . Poi ci sarebbe un finale in JLA/Avengers #2 dove scrivevamo le nostre metà e scrivevamo insieme i fermalibri. Alla fine Marvel e DC non volevano farlo perché non volevano avere problemi con il Vendicatori che non potevano ristampare perché erano soggetti a un accordo di co-editoria.

Poi è intervenuto un giocatore improbabile: an azienda di fumetti emergente chiamata CrossGen , fondata nel 1998 da Mark Alessi. Determinati a fare un grande successo, hanno offerto contratti esclusivi a molti dei talenti creativi più talentuosi del settore. Due dei creatori che hanno scelto di accettare Alessi sulla sua offerta sono stati Waid e Pérez.

Impegnato: ero ancora acceso Vendicatori , mentre Mark ha lasciato DC per andare a CrossGen. Non c'era nessun nuovo scrittore su JLA . Mark aveva finito, o almeno stava per uscire. Ero l'unico ragazzo rimasto in piedi e me l'hanno offerto e ho pensato, beh, accidenti, suona bene.

Breve: Abbiamo anche dovuto aggirare la situazione di George. A quel tempo, aveva terminato la sua corsa su Avengers per me e si era unito a CrossGen come artista dello staff. Ma aveva una clausola inserita nel suo contratto che stabiliva che, se un Vendicatori/JLA progetto mai accaduto, che sarebbe stato libero di farlo. Quindi abbiamo dovuto negoziare un po' con Mark Alessi per stabilire i tempi e far sì che ciò accadesse, perché il libro avrebbe impiegato un anno e mezzo per disegnare George, dal momento che voleva anche inchiostrarlo, il che è molto tempo per avere un artista chiave fuori dalle tavole. Ed è per questo che abbiamo annunciato il progetto all'Orlando Megacon, uno spettacolo che a quel tempo era affiliato con CrossGen: era lo spettacolo della loro città natale.

Stefano n Wacker: Credo di aver scoperto solo che è stato finalizzato solo un paio di giorni prima del Megacon del 2001 in cui è stato annunciato.

JLA_Avengers_2_cover (2)

Credito: DC/Marvel

Il team creativo era finalmente pronto.

bb-8 contro r2d2

Breve: George era un gioco da ragazzi in base alla sua connessione con il progetto JLA/Avengers originale e fallito del 1984. E penso che la DC volesse essere nel business di Kurt Busiek, e ha visto questo come un modo per iniziare a stabilire una relazione.

Il passo successivo è stato definire la logistica di questo evento.

Breve: In tutta onestà, non è stato troppo difficile. Avevamo preso accordi per rimanere in Florida un giorno in più dopo l'annuncio del Megacon, e così io, Dan Raspler della DC, Kurt e George ci siamo seduti a parlare del progetto e della storia. Kurt aveva già un sacco di pezzi per quello che voleva fare, e siamo stati subito d'accordo sul fatto che non ci saremmo avvicinati a questo da un punto di vista azienda vs azienda in cui avremmo contato le apparizioni dei personaggi o ci saremmo preoccupati di chi 'guardava'. meglio' o no.

Stavamo solo per costruire una storia che funzionasse per noi, come qualsiasi altra storia: è capitato solo a personaggi di protagonisti di due società separate. Da allora in poi, c'è stata una tempesta di neve che ha ricoperto New York, e così Kurt e io abbiamo noleggiato un'auto e abbiamo guidato per 26 ore lungo la costa per tornare a New York, e durante quel periodo abbiamo avuto molte altre stanche discussioni sul progetto.

Wacker: Abbiamo fatto alcuni pranzi amichevoli, ma il grosso del lavoro è stato svolto tramite e-mail. E ce n'erano migliaia. Probabilmente potresti riempire tre omnibus con loro!

Impegnato: Volevo fare un progetto più grande. L'idea originale di farlo nell'84 era un libro di 40 pagine e avevo impressionato Tom un certo numero di volte, andiamo oltre. Marvel contro DC e altri progetti che erano stati realizzati come progetti multi-problema. A un certo punto, sono tornati da me con la voglia di fare tre fumetti di prestigio. Ho detto, facciamo quattro, perché ci sono due editori e non puoi dividere tre libri in due editori.

Wacker: Ricordo che c'era qualche preoccupazione che questo fosse davvero solo il team creativo di Marvel's Avengers che gestiva qualcosa che avrebbe dovuto essere metà DC. D'altra parte, Kurt aveva co-scritto un mini di Wonder Woman e un mini di Red Tornado che solo io ho comprato nel 1985, quindi ero nella sua squadra!

Impegnato: Mi è venuta l'idea di chiamare i problemi Marvel JLA/Avengers e i problemi della DC Vendicatori/ JLA , perché così nessuno sembra più importante. E più al punto che ho pensato JLA/Avengers aveva un ritmo migliore di Vendicatori/JLA .

Volevano anche una storia più ambiziosa di era stato fatto prima.

Breve: L'idea chiave era non solo fare un tipico combattimento tra personaggi come era stato fatto prima, ma approfondire davvero ciò che rendeva l'Universo Marvel e l'Universo DC diversi, per sottolineare le cose che ogni azienda faceva in modo diverso.

Impegnato: Non lo volevo per una storia che diceva semplicemente, ehi, ecco la JLA, ecco i Vendicatori. Si alleano, combattono contro qualcuno. Vincono, non succede nulla che non sia al livello di un puro supereroe. Ho detto che volevo qualcosa di più profondo e che si è rivelato esplorare le differenze tra i due universi.

io sono la notte colorami di nero

C'è un motivo per cui i personaggi DC e Marvel non si limitano ad attraversare gli abissi dimensionali – oltre alla proprietà – e si uniscono continuamente. È perché sono posti diversi con stili diversi e persino leggi fisiche diverse. E ho fatto notare lungo la strada che la Terra DC è leggermente più grande della Terra Marvel perché ha più paesi falsi e città false in cui adattarsi.

Wacker: So che c'era molta rabbia da parte dei fan su chi potesse battere chi, ma sono sempre stato convinto che qualsiasi personaggio potesse vincere contro qualsiasi altro personaggio, date le giuste circostanze.

Impegnato: Volevamo entrare nell'idea che l'Universo Marvel sia un luogo in cui gli eroi lottano e che l'Universo DC sia un luogo in cui gli eroi sono idolatrati. Superman è il fratello maggiore di tutti e The Flash è l'orgoglio di Central City. Anche a Gotham City, Batman può essere un tipo spaventoso, ma è il LORO ragazzo spaventoso. A New York City, Spiderman è un tipo spaventoso, ma è solo un tipo spaventoso. La Marvel ha un senso molto di più del sovrumano come pericoloso. Considerando che con DC, è tradizionalmente diviso in modo ordinato in eroe e cattivo.

Breve: Quell'idea ha permeato tutta la trama e la serie, inclusa l'unica sequenza che non siamo riusciti a far funzionare con nostra soddisfazione nel numero 3 in cui abbiamo postulato come sarebbero stati i personaggi Marvel se fossero stati creati nell'Universo DC e viceversa . Quel fallimento ha portato alla situazione che ha rotto la storia, a quanto pare.

i migliori film di fantascienza horror

Anche se in qualche modo far lavorare insieme gli eroi era cruciale, non hanno nemmeno ignorato i cattivi.

Impegnato: Tom ed io stavamo parlando di cosa si poteva fare e io avevo escogitato l'idea che dobbiamo coinvolgere Krona e il Gran Maestro, proprio da quelle prime discussioni. Tom ed io abbiamo detto che questo non ha bisogno di essere esattamente bilanciato. Se abbiamo Krona contro Grandmaster e abbiamo Metron coinvolto, non abbiamo bisogno di avere un altro supercriminale Marvel coinvolto allo stesso livello solo in modo che tutti abbiano lo stesso numero di secondi di montaggio di danza.

jla-avengers-issue-3-page-9

Quindi avevano uno schema. Ora avevano solo bisogno di una storia. Quella storia raccontata su quattro numeri finì per iniziare con una caccia al tesoro cosmica con Krona da un lato e il Gran Maestro dall'altro. La JLA e i Vendicatori finirono per essere usati come pezzi degli scacchi in questa ricerca ad alto rischio per raccogliere 12 oggetti di potere dall'universo Marvel e DC, tra cui una batteria di alimentazione di Lanterna Verde e la Lancia del Destino dal DCU, e il Cubo Cosmico e Gemme dell'infinito Marvel.

La storia inizia con le versioni attuali di entrambe le squadre all'epoca: Cap, Iron Man, Thor, Quicksilver, Vision, Scarlet Witch e Hawkeye si affrontano contro Superman, Batman, Wonder Woman, Green Lantern, Aquaman, Flash e Plastic Man — ma nel corso dei quattro numeri sarebbe cresciuto fino a toccare e contrastare i roster completi di entrambe le squadre.

L'ultimo numero si conclude con una lotta contro Krona per il destino di entrambi gli universi che viene ricordata dai più (con affetto o con disprezzo) per l'immagine di Superman che brandisce lo scudo di Capitan America E il martello di Thor durante la battaglia. E alla fine Occhio di Falco (sì Quello Occhio di Falco) finisce per vincere la giornata per gli eroi. L'affinità di Kurt per il personaggio potrebbe aver avuto 'qualcosa' a che fare con questo.

È stata un'incredibile serie di quattro numeri, ma non è avvenuta senza la sua quota di singhiozzi, poiché ciò che va sulla pagina a volte può impallidire in confronto a ciò che serve dietro le quinte per mettere insieme questi progetti. spesso a causa di due team editoriali completamente diversi (e nel caso di DC mutevoli).

Impegnato: Ho sempre avuto l'impressione che la DC stesse guardando le spalle dei loro editori JLA/Avengers . Che quando ho inviato qualcosa a Tom e Dan Raspler per l'approvazione, l'approvazione è arrivata da Tom 20 minuti dopo. Ha detto che andava bene, andiamo. Dan lo ha letto. E ho ottenuto l'approvazione tre giorni dopo perché... non l'hanno mai detto, ma ho avuto l'impressione che dovesse salire sulla catena e che dovesse essere visto da, Mike Carlin, da chiunque fosse sopra di lui.

Abbiamo avuto almeno molta flessibilità dal lato Marvel poiché questo era il team creativo di Avengers che metteva insieme il fumetto. Joe Quesada non stava guardando oltre la spalla di Tom. Direbbe 'Sta solo per dire JLA/Avengers su di essa? Avrà l'arte di George Pérez? Si venderà alle stelle? Onestamente non mi interessa cosa fa il dottor Light.'



^