Perseveranza

L'elicottero di Marte Ingenuity continua a volare alto, individua i pericoli per il rover Perseverance

>

La scorsa settimana, gli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA/Caltech hanno fatto volare l'elicottero Mars Ingenuity per la nona volta , un risultato straordinario che significa che il drone semi-autonomo ha ora effettuato quattro voli oltre i cinque nominali della sua missione. Le immagini scattate durante quest'ultima gita hanno mostrato il terreno davanti al percorso del rover Perseverance , inclusa la marcatura di alcune aree che si sarebbero rivelate pericolose da percorrere per il rover.

L'elicottero è atterrato su Marte insieme a Perseverance, nascosto sotto il laboratorio di chimica mobile da due tonnellate. È stato lasciato cadere sul terreno polveroso nel marzo 2021 e ha preso il suo primo volo il 19 aprile. È progettato come un banco di prova tecnologico, per vedere come si potrebbe ottenere il volo su Marte, come il drone potrebbe comunicare con il rover determinando anche la sua posizione mentre volava lungo la superficie. Dopo il suo quinto volo a maggio, la missione è stata estesa per includere l'assistenza al rover nelle operazioni effettive.

Il 5 luglio il drone è decollato per il volo #9, in ricognizione il percorso che attende il rover mentre esplora il cratere Jezero, una caratteristica di impatto di 49 chilometri su Marte. Il cratere è noto per essere stato un lago in piedi miliardi di anni fa, quando Marte era più caldo, aveva un'atmosfera più densa ed era più umido. La coppia rover/drone si è spostata a sud per osservare un'enorme formazione delta nel nord-ovest del cratere, dove l'acqua scorreva da un fiume.



star wars la spada laser di guerra dei cloni
Dune dell'ingegnoIngrandire

Da dieci metri sopra la superficie di Marte, l'elicottero Ingenuity ha visto dune di sabbia alte fino alle ginocchia che potrebbero rappresentare una minaccia per il rover Perseverance se le attraversasse.

Credito: NASA/JPL-Caltech

Da dieci metri sopra la superficie, Ingenuity ha individuato un campo di dune (soprannominato Séítah), probabilmente sabbia increspata alta circa un metro (in tutte le immagini mostrate qui puoi vedere uno dei 'carrello di atterraggio dell'elicottero in alto a sinistra). Sebbene la topografia non sia un problema per il rover, Perseverance potrebbe impantanarsi nella sabbia scendendo lungo la parete di una duna, rimanendo intrappolato. Visto che ciò potrebbe porre fine alla missione, gli operatori sulla Terra sono molto diffidenti nei confronti di tali aree.

forma di terra senza acqua

Anche se si sapeva che le dune erano lì dalle immagini orbitali, è anche bello avere l'elicottero che le individua prima che il rover si avvicini a loro. Per lo meno, fa risparmiare tempo. Anche scientificamente, fornisce una vista da un'altezza ridotta di un'interessante caratteristica scolpita dal vento che il rover può vedere solo di lato.

Ha anche individuato una regione in cui le dune incontrano un pezzo di roccia, che sarebbe stato il fondo del lago eoni fa.

Dune dell'ingegno BedrockIngrandire

Un mix di dune di sabbia e roccia può essere visto in questa immagine a colori scattata dall'elicottero Ingenuity mentre volava davanti al rover Perseverance, mappando il terreno.

Credito: NASA/JPL-Caltech

Il motivo principale per cui il duo si trova nel cratere Jezero è che se la vita è mai fiorita su Marte, un lago permanente con acqua che scorre dentro e fuori è un posto eccellente per cercarlo. Non sappiamo se Marte sia mai stato abitato, ma se lo fosse probabilmente sarebbe stato da minuscoli animali microscopici. Sulla Terra, la vita antica ha lasciato stuoie microbiche fossili (strati piatti di colonie batteriche) e stromatoliti (pezzi di roccia formati da sabbia cementata insieme da batteri). Perseverance sta cercando proprio quel tipo di caratteristica macroscopica, ma sta anche raccogliendo campioni promettenti della superficie che verranno inviati sulla Terra nelle missioni successive.

Ecco perché questa formazione è interessante:

Creste rialzate di ingegnoIngrandire

Le rocce di Marte viste qui (prese dall'alto dall'elicottero Ingenuity) fanno parte di un sistema di rocce fratturate, che sulla Terra possono verificarsi quando l'acqua si muove sottoterra. Il cratere Jezero, dove si trovano queste rocce, un tempo era un enorme lago miliardi di anni fa.

nuova data di inizio di x-files

Credito: NASA/JPL-Caltech

È un sistema di fratture, rocce rotte dove l'acqua scorreva attraverso di esse. La vita ha bisogno di energia e cibo per sopravvivere e i minerali delle rocce raccolti dall'acqua potrebbero fornire quel nutrimento. La perseveranza può prelevare campioni di trapano lì per cercare qualcosa che potrebbe essere stato gustoso per i potenziali microbi marziani.

Non sappiamo ancora con certezza cosa sia successo a Marte. Un tempo era molto più clemente, ma qualche catastrofe nella sua storia ha cambiato tutto. Un'idea guida è che il suo campo magnetico si è spento e ha perso la protezione dal vento solare. Questa violenta tempesta di particelle subatomiche del Sole avrebbe potuto spazzare via l'atmosfera marziana, abbassando la pressione così tanto che l'acqua è evaporata e la superficie si è congelata.

Guardando intorno al rovente nord-ovest del Pacifico, la stagione degli incendi boschivi già ruggentemente in corso, gli uragani che si formano presto, le temperature estreme che si rompono in tutto il mondo e le piogge e le inondazioni che accadono una volta al secolo ogni pochi anni, devo pensare che comprendere i cambiamenti globali nei climi planetari può essere di più di un semplice interesse accademico. Li stiamo vivendo. Più ne sappiamo, meglio è. Se studiare Marte ci dà un'idea di cosa sta succedendo qui, allora sono d'accordo.



^