Apple Tv+

M. Night Shyamalan trova il suo groove televisivo con la commedia nera che fa ridere la seconda stagione di Servant

>

Se potessi scegliere una parola che distilli la carriera lunga tre decenni del regista M. Night Shyamalan, 'montagne russe' è probabilmente la più adatta. Dai primi momenti migliori come il candidato all'Oscar Il sesto senso (1999) e Infrangibile (2000) ai successivi punti bassi con L'avvenimento (2008) e l'adattamento live-action di L'ultimo dominatore dell'aria (2010), li ha superati tutti e rimane un giocatore a distanza per scelta nel gioco di Hollywood. Questo lo ha portato a servo , la sua seconda serie televisiva, che inizia la sua seconda stagione il 15 gennaio su Apple TV+.

In un'intervista di Zoom con SYFY WIRE dal suo complesso di studi alla periferia di Philadelphia, Shyamalan è il primo ad ammettere di aver imparato molto da progetti che sono falliti o non sono andati come voleva. Di fatto, Dopo la fine del mondo (2013) e la sua prima serie TV, Pini ribelli (2015-2016), si sono trasformati in punti cardine personali su come procedere con tutti i suoi progetti creativi in ​​futuro.

Gli sforzi più piccoli girati a Philly con un focus su storie che sono realizzabili entro i limiti della sua responsabilità creativa sono diventati i punti di riferimento per il suo coinvolgimento in qualsiasi progetto ora. 'Quando dico 'Possiedo i miei film' o 'Possiedo i miei spettacoli', li faccio in modo molto piccolo in modo da poter iterare il più velocemente possibile senza ramificazioni', spiega Shyamalan a proposito del suo approccio locale. 'Insieme a [ servo ], possiamo rigirare tutto ciò che vogliamo. E lo facciamo. È la stessa casa e gli stessi attori e giriamo ancora e ancora e ancora. Lo facciamo.'



chi è vin diesel in guardiani della galassia?

servo è un perfetto esempio di Shyamalan che aderisce al suo nuovo mandato creativo. È anche una risposta in molti modi a ciò che ha fatto prima, film e spettacoli nati da compromessi. Avendo visto come è andata a finire, servo parla di lui e dei suoi collaboratori, seguendo le loro viscere creative.

Serie TV Servo

M. Night Shyamalan dirige Lauren Ambrose in servo. Credito: Apple TV+

L'ultima volta che abbiamo parlato, avevi appena finito la prima stagione di Pini ribelli e sei stato onesto nel cercare di trovare la tua strada nel nuovo mezzo. Cosa hai preso da quell'esperienza che ha influenzato il tuo modo di fare? servo ?

Direi che avevo bisogno di fare quello che ho fatto nei film, cioè ho deciso di fare film più piccoli. L'ho iniziato circa sei anni fa. Quindi ho detto che la mia esperienza in TV non era come avrei voluto che fosse la prima volta. Ho chiesto a [Fox] di girarlo a Philadelphia e mi hanno detto che sarebbe stato più economico girare ad Agassiz [nella Columbia Britannica, Canada], quindi l'abbiamo girato lì. E c'erano un milione di fattori. Era la TV di rete e questo era tutto. Avevamo un'ultima stagione che avevo ideato, che adoro, tipo farti impazzire, amore, ma non potevo farlo. E sai, tutte queste cose erano solo molto sconvolgenti. Non ho potuto eseguirlo nel modo in cui avrei voluto alla fine.

E così ho detto, se mai lo farò di nuovo, lo faremo nel modo in cui sto facendo i miei film. Lo controllerò. Lo faremo più piccolo e consegnerò la quantità di materiale che penso di poter consegnare. Il formato di mezz'ora, girare qui e possederlo, e tutte queste cose fanno parte della capacità per me di divertirmi e controllarlo. E se avrò il mio nome sopra, dovrebbe rappresentarmi. I miei limiti. Questo è quello che dico a tutti. Dovrebbe rappresentare i miei limiti, non altre circostanze. E quindi è molto eccitante quando siamo passati alla seconda stagione.

Qual era qualcosa della prima stagione di servo che ha modificato o cambiato il modo in cui ti sei avvicinato alla stagione 2?

Ho detto: 'Smettila! Non scriveremo un altro episodio finché non avremo risolto l'intero show. Questo è un mistero e non posso continuare a raccontare un mistero finché non so dove stiamo andando». Questo solo per me, non per nessun altro. È solo per me. E così abbiamo iniziato a lavorare su tutto; tutto. Ho degli scrittori e abbiamo iniziato a lavorare su tutto. Eravamo nel bel mezzo delle riprese e stavamo iniziando a farlo contemporaneamente e poi è arrivata la pandemia.

A seconda del progetto, la pandemia è stata una benedizione o una maledizione. È stato utile un arresto per uno spettacolo enigmatico come servo ?

Sì, era una di quelle cose che erano per me e il mio processo, era esattamente quello di cui avevo bisogno. Avevo bisogno di quei mesi da solo per lavorarci fino a quando non conoscevo i personaggi e sapevo che era lì che volevo andare. All'inizio pensavo che la pandemia sarebbe durata quattro settimane e poi avrei girato tra sei settimane, quindi stavo correndo. Ho avuto settimane per capirlo molto velocemente, sai, quindi stavo scrivendo e scrivendo e scrivendo e lavorando su tutto. Si è strutturato in un modo che ho detto, 'Oh! So su cosa devono concentrarsi gli episodi rimanenti e so dove andremo nella terza stagione'. È passato da un'idea con una sorta di sentore di dove volevo che andasse a stendere tutto.

pitture rupestri dell'isola del teschio di kong

Parliamo della seconda stagione che si tuffa davvero nella commedia nera di questa situazione aggravata: della famiglia di Dorothy che cerca di proteggerla dalla verità su Jericho e invece stanno solo facendo svelare tutto nei modi più ridicoli. C'era una preoccupazione che non sarebbe andato d'accordo con il pubblico?

Mi sono reso conto che [la commedia nera] è stato il mio istinto sin da quando ero bambino e non ero abbastanza abile per farlo, avevo troppa paura per farlo, o non avevo un ambiente che lo apprezzasse. E così quando l'ho fatto La visita , e io ero tipo, 'Fanculo a tutti! Lo sto facendo apertamente. Da ora in poi. Andrò in fiamme, ma faremo una commedia/horror completa e esplosa e questo è tutto.' Ricordo la proiezione, tutte le carte [focus audience] erano come, 'Dovrei ridere? Stavo ridendo. Questo non funziona? O questo? Perché ho riso tutto il tempo». E quel tono ha iniziato a crescere e crescere e crescere fino ad ora. Lo faccio sempre e nei sondaggi non dicono 'Oh, non funziona. Sto ridendo di loro.' Loro sanno. È umorismo nero, umorismo nero; questo è il tono. Lo adoro. E quindi lo voglio ovunque. Mi diverto e mi fa ridere. Il mio nuovo film è pazzo di quella roba. E spero che le persone sappiano che possono ridere.

Servant Stagione 2

Lauren Ambrose, Rupert Grint e Toby Kebbell in servo . Credito: Apple TV+

Uno degli elementi unici di servo è che è essenzialmente una serie sulla casa stregata. L'azione si svolge all'interno della casa di Turner, o nella stagione 2, è almeno fortemente legata a qualcuno in casa tramite un iPhone. In che modo questo è diventato un mandato della narrazione?

Al centro di tutto questo c'è la mia convinzione artistica che devi limitare i colori che stai usando. È importante. Quando parlo con un compositore, dico: 'Ehi, hai troppe idee e troppi strumenti. Hai bisogno di limitare.' E lo dirò agli scrittori, limita sempre, limita, limita e poi dipingi con quei colori limitati. Apple, credo, per molto tempo non si è resa conto di quanto fossi serio sul fatto che faremo tutto questo da [la casa]. E poi penso anche ad alcuni scrittori. Ero tipo, 'Nah, non ce ne andremo mai. Non lo lasceremo mai».

21 giugno 2020 fine del mondo

Aneddoticamente, uno dei registi aveva creato lo storyboard di una scena che era nella sceneggiatura, ma era fuori casa. E loro hanno detto: 'Lo farò dal punto di vista del personaggio riguardo ai suoi sentimenti dello spazio.' E io sono tipo, 'Non possono farlo. Scusami.' E poi erano molto arrabbiati. Ho detto: 'Mi dispiace. Devi usare il telefono». Anche il DP era tutto triste, ma io sono tipo, ''Dems le regole!' [ Ride .]

Tua figlia, Ishana Shyamalan, dirige e scrive più episodi in questa stagione. Com'è stato essere un padre come produttore esecutivo con sua figlia/dipendente?

L'ho trattata come tutti i registi. Mi sento molto avuncolare con tutti quelli che vengono nello show. Anche se sono più grandi di me, mi sento così per tutti. Li ho selezionati a mano. E io sono lì per parlare di cinema con loro. Sono lì per incoraggiarli a correre dei rischi. Li sto incoraggiando a sbarazzarsi delle loro cattive abitudini. E quindi dirò: 'Ehi, se farai una scena con due inquadrature centrali, avremo un problema'. Mi spiegheranno perché si sentono medi e poi si sentono allo stesso modo. Non avrai una risposta, e quindi in quel momento, sappi che hai abdicato alla tua posizione di artista, di narratore, prima di venire da me, perché ti chiamerò.

Devi correre dei rischi, dovrai impegnarti, commetterai degli errori e noi li rigireremo di nuovo. Questo è il fatto. Ecco dove siamo. Farò la stessa cosa. E questo ti permetterà di iterare quanto vuoi, alla velocità che vuoi. Le ho detto la stessa cosa. E non l'ho infastidita molto sul set. Non volevo fluttuare. Ma sapevo che sarebbe stato un momento. Sapevo quanto fosse talentuosa. Stavo portando una suoneria. E so che Apple, non hanno detto nulla, ma sono sicuro che erano tipo, 'Accidenti. Uh Oh. È qui che il treno inizia a uscire dai binari. È qui che inizia la follia, giusto?' Ero tipo, 'Fidati di me su questo.' E poi, giuro su Dio, quando hanno visto il suo episodio hanno detto: 'Questo potrebbe essere il nostro episodio preferito.' E io ero tipo, 'Te l'ho detto e non ero io.' Ho fatto quello che ho fatto in tutti gli altri episodi: ho supervisionato tutto e l'ho montato ma non ho fatto niente di diverso da quello che ho fatto per gli altri registi.

E poi è arrivata e ha riscritto e poi ha scritto l'episodio 7 e poi ha scritto molto dell'episodio 8 e poi ha scritto il finale, l'episodio 10. È fantastico. È diventata una parte importante della squadra e della narrazione. L'unico motivo per cui non la capisco più è che sta ancora finendo il college. [ Ride .]

Hai detto che la prima stagione riguardava quello che è successo a Jericho e la seconda riguarda il culto. Dato che hai delineato la terza stagione, qual è il tema di ciò che verrà?

Oh, wow! Voglio dire, posso dirtelo? Lo so e l'ho detto agli scrittori. Sto solo pensando, non credo di potertelo dire. Ma saprete esattamente dove andremo nel finale di questa stagione.

servo La seconda stagione debutterà il 15 gennaio esclusivamente su Apple TV+, con nuovi episodi in anteprima settimanale ogni venerdì.



^