Wonder Woman

Lyle Waggoner, Steve Trevor della serie TV Wonder Woman, muore a 84 anni

>

Lyle Waggoner, l'attore noto per aver interpretato il maggiore Steve Trevor e Steve Trevor Jr. nel live-action Wonder Woman Si è spenta all'età di 84 anni una serie televisiva dalla metà alla fine degli anni '70. Per Il giornalista di Hollywood , che ha ricevuto conferma da suo figlio, Wagoner è morto oggi a Westlake, in California.

Nato a Kansas City, Missouri, Wagoner ha inizialmente provato per il ruolo di Batman a metà degli anni '60, ma ha perso il lavoro a causa di Adam West. Fortunatamente, Lyle non era troppo amareggiato per l'intera faccenda e ha persino rivisitato l'audizione competitiva nel 2003 Ritorno alla Batcaverna: Le disavventure di Adam e Burt .

Programma televisivo Wonder Woman

Credito: Walt Disney Television tramite Getty Images Photo Archives/Walt Disney Television tramite Getty Images



Alla fine, però, Wagoner è riuscito comunque a entrare nel mondo della cultura pop ispirata ai fumetti quando ha recitato al fianco di Diana Prince di Lynda Carter in Wonder Woman , che è andato in onda per tre stagioni e 59 episodi tra il 1975 e il 1979.

Carter ha reso omaggio a Wagoner tramite Instagram:

Wonder Woman era originariamente ambientato negli anni '40, ma si è rivelato troppo costoso, quindi l'ambientazione è stata spostata negli anni '70. Di conseguenza, il personaggio di Waggoner è diventato Steve Trevor Jr., il figlio dell'uomo visto nell'iterazione degli anni '40 della serie. Trevor guidò l'Inter-Agency Defense Command, che lavorò con Diana per combattere il crimine e salvare il mondo.

'Era un vero tipo entusiasta', ha detto Wagoner del suo personaggio durante un'intervista del 2011 con SciFiAndTVTalk . 'Steve ha fatto del suo meglio, ma sembrava sempre che si mettesse nei guai. Certo, doveva praticamente farlo perché era compito di Wonder Woman salvarlo. Se c'è stata una scena in cui ha avuto la meglio sui cattivi, sicuramente qualcuno finirebbe per schiaffeggiargli la pistola di mano e rovesciargli le carte in tavola.'

L'attore ha continuato ad ammettere che pensava che il cambio di orario fosse un grosso errore.

Ho pensato che la sede dello spettacolo della Seconda Guerra Mondiale fosse interessante e molto divertente, oltre che più in linea con il fumetto, ha detto. I Powers That Be volevano trasformare lo spettacolo in qualcosa di più serio come donna della polizia , ma era un fumetto, quindi cerco di girare Wonder Woman in un vero pezzo drammatico era praticamente irrealistico.'



^