Netflix

Lo showrunner di Luke Cage anticipa la terza stagione che non è mai esistita, affermando che avrebbe portato la storia al 'cerchio completo'

>

Quando il servizio di streaming Disney (ora noto come Disney+) ha iniziato a prendere slancio nell'autunno del 2018, gli spettacoli Marvel live-action di Netflix hanno iniziato a ricevere l'ascia uno per uno. Solo temerario e Jessica Jones ha raggiunto il traguardo delle tre stagioni, mentre Luca Gabbia , Pugno di ferro , e Il Punitore ricevere solo due a testa.

È stato un vero peccato per tutti loro, ma Power Man di Mike Colter potrebbe aver ottenuto la parte più cruda del bastone. Di recente parlando con guida tv , Luca Gabbia lo showrunner Cheo Hodari Coker ha anticipato la terza stagione che non vedremo mai.

'Era pazzesco perché stavamo colpendo tutte queste cose che stanno accadendo sulla stampa in questo momento. Non posso parlare ufficialmente di ciò che avevamo pianificato perché, contrattualmente, sai, non voglio ancora che nessun assassino Marvel esca dalla falegnameria per cercare di farmi fuori ', secondo quanto riferito Coker con una risata. “Ma quello che posso dire è che avevamo pianificato un'ottima stagione, ed è stata quella che penso avrebbe portato Luke Cage come personaggio al punto di partenza. Vedi persone online che dicevano: 'Oh mio Dio, ho trasformato Luke in un gangster'. Non lo direbbero se avessero l'opportunità di vedere tutte e tre le stagioni e vedere le direzioni in cui Luke sarebbe andato.'



Mike Colter come Luke Cage

Credito: David Lee/Netflix

Rebuffing riporta che lo spettacolo è stato cancellato a causa di differenze creative , Coker ha rivelato che in realtà è finita a causa di un disaccordo tra Marvel e Netflix. La divisione Marvel Television (precedentemente guidata da Jeph Loeb) che ha supervisionato Luca Gabbia è stato recentemente sciolto quando Kevin Feige è stato nominato Chief Creative Officer. Tutti i progetti per il piccolo schermo dell'azienda sono ora sotto la competenza dei Marvel Studios e debutteranno su Disney+.

“Avevamo pianificato tutti e 13 gli episodi. Eravamo in sette sceneggiature. Onestamente penso che fosse più la disputa tra Marvel e Netflix che altro', ha spiegato lo showrunner. 'Quindi la cancellazione stessa è stata un po' una sorpresa. Ma allo stesso tempo, è stato frustrante perché è come se, se non aveste avuto intenzione di risolverlo, sarebbe stato bello prendersi un po' di tempo libero e non farmi tornare nella stanza. Ma abbiamo avuto una grande stagione [pianificata]. Sono ancora orgoglioso degli episodi che abbiamo scritto e degli archi narrativi.'




^