Egitto

'Lost Golden City' emerge dalle sabbie egiziane dopo 3000 anni

>

Quando una città che si credeva perduta nel tempo è stata improvvisamente dissotterrata, ha dimostrato che non tutto ciò che è oro brilla alla luce del sole egiziano.

Gli egittologi guidati dal dottor Zahi Hawass erano alla ricerca del tempio funerario di Re Tutankhamon , poiché i faraoni e le regine deificati avrebbero fatto costruire templi funerari in loro onore in modo che i fedeli potessero lasciare offerte. Altri templi funerari erano stati precedentemente trovati nel sito. Quello che trovarono fu qualcosa di impressionante quasi quanto la tomba del giovane re. Era una città labirintica di mura di mattoni di fango che si rivelò essere l'antica metropoli scomparsa fondata da Il nonno di Tutankhamon , Re Amenofi III . Questa era la città d'oro perduta.

'Poiché l'area è vicina ad alcuni importanti monumenti in piedi, e poiché è deserta e relativamente piatta, il vento accumula sabbia superficiale molto rapidamente e i muri di mattoni di fango scompaiono facilmente', l'egittologa Betsy Bryan, che non è stata direttamente coinvolta nell'operazione ricerca, ha detto a SYFY WIRE. 'Dal momento che il palazzo di Malkata era stato localizzato alla fine del XIX secolo e il tempio di Amenhotep figlio di Hapu è stato trovato negli anni '30 a nord del nuovo sito, si pensava che non mancasse nulla'.



Rovine della Città d'Oro di Amenofi III

Rovine della città d'oro di Amenofi III. Credito: Khaled Desouki/AFP/Getty Images

Hawass e la sua squadra hanno iniziato a scavare nell'area, che si estende nel leggendario tesoro di Deir-el-Medina, e si trova tra il Tempio di Ramses III a Medinet Habu e il Tempio di Amenhotep a Memnon. Poiché anche il successore di Tutankhamon, Ay, aveva costruito lì un tempio funerario, credevano che ciò potesse significare che anche il tempio di Tutankamon stesso si trovava nelle vicinanze. Quello che hanno trovato ha superato tutte le aspettative. La città è conservata in maniera impeccabile, con mura che non si sono sgretolate nel corso dei secoli e oggetti lasciati come se chi le aveva utilizzate stesse per tornare.

Geroglifici su tappi di vino in ceramica raccontano di chi l'ha fondata La Città d'Oro. Era il cuore dell'amministrazione e dell'industria dell'impero egiziano, e al suo interno un tempo sorgevano i tre splendidi palazzi reali di Amenofi III. Tutto questo si trovava dall'altra parte di un insolito tipo di muro ondulato costruito solo verso la fine della XVIII dinastia. Dall'altro lato, il team di Hawass ha trovato di tutto, dai laboratori (i mattoni con il sigillo di Amenhotep III erano ancora lì), contenitori per alimenti, strumenti industriali, gioielli, stampi per la fusione di amuleti magici e iscrizioni che sussurrano dal lontano passato. C'era anche un pesce ricoperto d'oro (sotto).

'Ora c'è una reale indicazione che la città di Amenhotep III fosse il vero precursore di Amarna ed era simile per dimensioni e layout', ha detto Bryan. 'La quantità di navi di stoccaggio di alta qualità fabbricate a palazzo lasciate sul posto al momento dell'abbandono è impressionante. Certamente suggerisce che questi siano stati lasciati indietro nel momento in cui Akhenaton partì per Amarna nel suo quinto anno, e indica che tutti si sono semplicemente alzati e se ne sono andati in quel momento, almeno da questo ambiente industriale.'

città d'oro2

Un pesce dorato viene portato via dalle rovine della Città d'Oro. Credito: Khaled Desouki/AFP/Getty Images

Sono emerse anche alcune sepolture insolite. Due mucche erano stranamente posizionate e sepolte in camere separate, e anche una persona la cui identità rimane sconosciuta era stata sepolta nella loro stessa camera con le braccia distese lungo i fianchi e una corda intorno ai piedi. Il significato di queste sepolture rimane per ora indeterminato. Tuttavia, ciò che è più noto è la gloria del re che governava la città.

Amenhotep III portò pace e prosperità in Egitto. Lui solo e sempre combattuto una guerra , e sebbene fosse già sposato con la regina Tiy, i matrimoni multipli non erano tabù. Il faraone avrebbe continuato a sposare più donne reali provenienti da paesi stranieri per rafforzare le alleanze. Ha anche costruito ampiamente in tutto l'Egitto e la Nubia. La maggior parte dei suoi sforzi di costruzione furono concentrati a Tebe e Memphis, inclusi i Colossi di Memnone, il suo tempio funerario e il suo complesso di palazzi. L'Egitto, ovviamente, non era in perdita per l'oro allora. Cavalli, rame e lapislazzuli dall'Asia venivano acquistati con oro egiziano.

'Amenhotep III era il più grande e prolifico costruttore che l'Egitto avesse mai visto all'epoca', ha detto Bryan. 'Rameses II lo emulò e prese possesso di molti dei suoi monumenti, facendo sembrare che fosse in realtà il più grande costruttore, ma non è probabile che sia vero. La sua eredità era del re che era il più potente, ricco e capace dei suoi pari del Vicino Oriente. Gli egittologi considerano piuttosto uniformemente l'arte prodotta per il suo regno come la più bella mai realizzata in Egitto.'

Faraoni e regine hanno sempre avuto un'influenza sulla religione nell'antico Egitto. Non solo erano adorati come dei e dee stessi dopo la morte, ma avevano divinità preferite nella vita. Il la dea preferita del faraone era la dea della guerra dalla testa di leone Sekhmet. I rituali dedicati a Sekhmet includevano il versamento della birra, tinta di rosso, versata sul terreno per alimentare la sua insaziabile sete di sangue. C'erano festival annuali dedicati a Sekhmet durante i quali i festaioli che speravano di avere una visione della dea bevevano oltre l'ebbrezza mentre ciondoli di metallo a forma di loto che contenevano una sorta di allucinogeno (possibilmente oppio) erano penzolanti sopra le loro teste.

la città d'oro d'Egitto

Nella città d'oro sono state portate alla luce alcune sepolture insolite, come questa. Credito: Khaled Desouki/AFP/Getty Images

Amenhotep III era anche dedicato agli dei del sole Aton e Ra, dando loro tanto significato quanto il resto degli dei del tempio egizio e nominando la sua città come si traduceva in Ascensione di Aton. Non è chiaro se questo abbia influenzato suo figlio ad andare agli estremi con il culto di Aton in seguito. Amenhotep IV, che ha cambiato il suo nome in Akhenaton o Benefico per Aton perché è diventato monoteista e adorava solo Aton e ha cercato di abolire il pantheon egiziano ... non è andato molto bene.

Il controverso cambiamento nella religione potrebbe essere la ragione per cui Akhenaton decise di abbandonare la Città d'Oro quando salì al trono per costruire il suo palazzo altrove. Dopo la sua morte, Tutankhamon restaurò il pantheon e riportò in vita la città. Bryan crede che l'eresia di Akhenaen abbia offuscato la reputazione del suo illustre padre.

manufatti dall'Egitto

Gioielli e altri manufatti dalla Città d'Oro. Credito: Khaled Desouki/AFP/Getty Images

'Ciò che Amenhotep III ha fatto è stato di focalizzare l'attenzione lontano da Amon-Ra di Karnak, consentendo al culto di Re-Horakhty e poi di Aten di svilupparsi facilmente', ha detto. 'Se Akhenaton non fosse diventato il sovrano eretico che ha fatto, Amenofi III sarebbe stato sicuramente ricordato molto di più per le sue imprese'.

Ulteriori informazioni su questi misteri potrebbero essere rivelate man mano che i segreti della Città d'Oro continuano ad emergere. Anche se potrebbe non essere più il vivace epicentro di un impero, risplendente dei lussi del suo tempo, il sole non tramonterà mai davvero sulle persone che gli hanno dato luce.



^