Interviste

Ripensando a It Ain't Me Babe con l'icona del fumetto Trina Robbins

>

Nel 1967, un certo numero di gruppi di liberazione delle donne si stavano lentamente formando nelle principali città degli Stati Uniti mentre le femministe della seconda ondata si mobilitavano nella loro continua lotta per la parità di diritti. Erano passati 10 anni da quando la FDA aveva approvato la pillola anticoncezionale e sette anni dall'approvazione dell'Equal Pay Act, ma alle donne mancavano ancora gli stessi diritti di cui godevano i loro omologhi maschi bianchi. Erano stufi del sessismo sul posto di lavoro, a casa e nelle loro relazioni romantiche. Hanno parlato contro le molestie sessuali e gli abusi che spesso sono stati accolti con poco più di una proverbiale alzata di spalle da parte delle forze dell'ordine e del governo. E, cosa più importante, hanno iniziato quella che sarebbe diventata una lotta decennale affinché il governo smettesse di regolamentare i loro corpi. Nel gennaio del 1970, uno dei gruppi, Berkeley Women's Liberation, diede vita a quello che molti considerano il primo giornale femminista chiamato Non sono io, piccola.

Poco dopo, una giovane e fiorente fumettista underground di nome Trina Robbins ricevette il numero inaugurale del giornale e capì immediatamente che voleva farne parte. Di recente era tornata a San Francisco dal Lower East Side di New York con il suo allora fidanzato e collega fumettista underground, Kim Deitch. La scena dei fumetti underground di cui i due erano diventati parte sembrava decollare sulla costa occidentale, e le opportunità di lavoro superavano di gran lunga quelle dell'est. Beh, almeno lo hanno fatto per Kim. Trina, tuttavia, è stata sempre più trascurata e esclusa dal club per ragazzi affiatato al centro dell'industria dei fumetti. Ma i giornali clandestini erano una storia diversa, e Robbins disegnava vignette e copertine per... Non sono io, piccola subito dopo aver letto quel primo numero. A luglio dello stesso anno, ha prodotto un fumetto spin-off creato tutto al femminile con lo stesso nome, rendendolo il primo fumetto femminista e con una rappresentazione femminile di sempre.

Luglio 2020 ha segnato 50 anni dall'uscita di quel libro. Trina Robbins ha 82 anni e vive ancora sulla costa occidentale. Da allora, l'Eisner Hall of Famer ha continuato a lasciare un segno indelebile sia nei fumetti mainstream che in quelli indipendenti. Quando parliamo tramite Zoom, sta sorseggiando un caffè da una tazza di Rosie the Riveter in una stanza piena di libri e soprammobili, ogni oggetto senza dubbio serve come ricordo di una storia straordinaria della sua vita, di cui non ha carenza. Parla più dolcemente di quanto mi aspettassi, specialmente per qualcuno che ha fatto carriera come una voce forte per le donne. Mi mostra con entusiasmo la copertina del suo nuovo libro The Flapper Queens: donne fumettiste dell'era del jazz, una raccolta curata di opere di fumettiste negli anni '20. Quando non lavora ai fumetti, lavora a libri su di loro, o almeno sulle donne che li hanno realizzati da quando hanno avuto un'illuminazione: 'Se non scrivi, non esisti'.

Cito come parti di Non sono io, piccola Comix risuonano ancora oggi. 'Non è cambiato niente', risponde in maniera concreta. 'Sento giovani donne nell'industria dei fumetti parlare dell'industria dominata dagli uomini e delle cose orribili che fanno i ragazzi. Ahimè, neanche questo è cambiato». Mi parla di Lily Renee, una fumettista della Golden Age di cui Robbins ha scritto e che oggi ha 99 anni. 'Erano gli anni '40, gli anni della guerra, e lei dice che all'inizio era l'unica donna che lavorava al disegno del bullpen, e dice che era terribile, perché queste allusioni sessuali giravano per tutta la stanza, tutte queste osservazioni sessuali, e lei dice che a volte piangeva per addormentarsi la notte. È stato così brutto».

forma della scena della vasca da bagno d'acqua
non-me-comune

Credito: Fantagraphics Books

Ma come molte donne sanno, quel tipo di atteggiamento da club per ragazzi non è rimasto nel secolo scorso. 'Più di recente, come due anni fa, stavo parlando con una donna che ha fatto animazione per questa compagnia. Era l'unica donna nella stanza e mi ha detto che era orribile a causa di tutti questi accenni e allusioni sessuali che giravano per la stanza dai ragazzi. Quindi è come se nulla fosse cambiato.'

Quasi al momento giusto, sorseggia dalla sua tazza e continua: 'Le donne nei fumetti sono così forti, e sono così consapevoli di questo, del fatto che non è ancora un campo di gioco uniforme. Voglio dire, sono su un paio di gruppi di Facebook con donne nei fumetti e le molestie sessuali sono incredibili. Per non parlare dei troll che non sopportano di vedere le donne nel loro club. Sai 'è il mio club. Non puoi entrare». Voglio dire, questo non è cambiato da Little Lulu, per l'amor di Dio».

Dovrebbe saperlo. Nella sua autobiografia del 2017 L'ultima ragazza in piedi , Robbins ricorda momenti simili durante la sua carriera mentre si trovava all'East Village Other's Gothic Blimp Works. Ma la misoginia che lei e altre donne del settore hanno sperimentato non hanno fatto altro che alimentare ulteriormente la loro ideologia e il loro lavoro creativo.

'Qui questi ragazzi mi trattavano come se fossi invisibile', dice. «Volevano solo che me ne andassi. Una delle vere forze trainanti può essere 'gli mostrerò'. Così è stato con me. Glielo mostrerò.' E mostra loro che l'ha fatto, alla fine. 'Beh, non ha davvero aperto nessuna porta nell'industria dei fumetti maschili. Voglio dire, non ha cambiato nulla. Ma sicuramente ho incontrato più donne, e ciò che è stato incredibile è che le donne di tutto il paese l'hanno letto: due anni dopo, quando sono dovuto uscire nel 1970 e trovare donne per disegnare fumetti, ce n'erano abbastanza di noi.' Dopo tre ristampe, Non sono io piccola l'editore di Ron Turner stava cercando di fare un altro fumetto tutto al femminile. Quel libro alla fine divenne l'iconica antologia di Wimmen's Comix, che durò per 20 anni e comprendeva i primi lavori di persone come Divertimento a casa creatore Alison Bechdel e Il diario di un'adolescente è Phoebe Gloeckner.

croods 2 su disney plus

Chiedo a Trina come la pensa un fumetto underground Non sono io, piccola sarebbe ricevuto oggi. 'La gente sbadigliava e diceva: 'Cos'altro hai?' L'underground era incredibile ai suoi tempi, perché era rivoluzionario. Se qualcosa del genere uscisse ora e non ci fosse mai stato un fumetto alternativo, la gente sarebbe entusiasta. Ma ci sono stati così tanti fumetti alternativi, buoni e cattivi, che ho hum 'Cosa c'è dopo?''

Cosa c'è dopo resta da vedere. Ma, per Robbins guardando indietro, una delle storie in Non sono io, piccola è senza tempo.

'Breaking Out', dice. 'Quello in cui tutti i diversi personaggi dei fumetti femminili alla fine dicono 'F**k this sh*t.''

scoppiare

Credito: Fantagraphics Books



^