31 Giorni Di Halloween

Uno sguardo indietro alla casa stregata affamata degli olocausti

>

Nel pantheon delle grandi case infestate, la casa della famiglia Allardyce non ha sempre ottenuto il dovuto.

i super mario fratelli film

Questa è l'impostazione di Olocausti , il film del 1976 diretto da Dan Curtis e basato sull'omonimo romanzo del 1973 di Robert Marasco. Il romanzo stesso è diventato un classico di culto nel corso degli anni e il film, che celebra il suo 40° anniversario il 18 ottobre, ha sempre goduto di un seguito come un thriller inquietante costruito più sull'atmosfera e sull'umore che sul sangue e sul viscerale shock.

Quando non dirigeva miniserie televisive epiche come I venti di guerra , i gusti di Curtis si sono decisamente orientati verso il genere horror sia sul piccolo che sul grande schermo. Ha creato la classica soap opera soprannaturale Ombre scure , ha diretto i due lungometraggi basati sullo spettacolo ( Casa delle ombre oscure e Notte di ombre oscure ) e ha anche diretto film TV horror leggendari come Lo stalker notturno (1972), il suo seguito Lo strangolatore notturno (1973), I nastri di Norliss (1973), Dracula (1974) e l'amata Trilogia del terrore (1975).



Le sue incursioni nel cinema teatrale sono state poche, ma forse la più ricordata è Olocausti . Il libro di Robert Marasco è incentrato sulla famiglia Rolf, il marito Ben, la moglie Marian e il giovane figlio Davey, che insieme alla zia Elizabeth decidono di trascorrere l'estate in una grande villa piuttosto squallida nello stato di New York invece di sedersi in un appartamento soffocante a Brooklyn. L'affitto è giusto, ma c'è un problema: i proprietari e i fratelli Arnold e la madre di Roz Allardyce vive in una stanza appartata all'ultimo piano della casa e rimarrà lì, non interagendo affatto con i Rolf, con l'unica condizione che Marian se ne vada la sua colazione, pranzo e cena ogni giorno.

Ingrandire

Non molto tempo dopo che i Rolf si sono stabiliti, iniziano a succedere cose strane e mentre Marian diventa più ossessionata dalla casa e dalla vecchia donna invisibile al piano di sopra, la villa Allardyce inizia a mettere a dura prova gli altri membri della famiglia. Incidenti mortali, malattie improvvise e manifestazioni inspiegabili coincidono con la vista bizzarra della casa che sembra rivitalizzarsi, e non passa molto tempo prima che la vera natura della casa Allardyce e della donna al piano di sopra diventi malevolamente chiara.

Curtis e il co-sceneggiatore William F. Nolan (un noto scrittore di fantascienza e horror a pieno titolo, che ha co-autore del romanzo La corsa di Logan e ha anche scritto Trilogia per il terrore per Curtis) ha cambiato il luogo della storia da New York alla California, ma per il resto è rimasto in gran parte fedele al testo di Marasco. Sono state apportate altre due modifiche significative: le scene culminanti sono state rinforzate per chiarire il finale un po' più ambiguo del libro, e il personaggio dell'autista (Anthony James), una figura del passato di Ben menzionata solo di sfuggita nel libro, è stato ampliato e in infatti è diventato uno degli elementi più spaventosi del film, apparendo a Ben in diversi momenti della storia.

La casa di Allardyce e gli effetti che ha sui suoi occupanti assomiglia in qualche modo al famigerato Overlook Hotel di Stephen King's Il brillante , e si dice che la lettura del libro di Marasco abbia almeno in parte ispirato King a scrivere il suo racconto. Ha fatto la lista Olocausti come uno dei suoi 100 romanzi horror preferiti nella sua panoramica del genere del 1982, Danza della morte , e l'idea di una casa che si nutre della forza vitale delle persone al suo interno è diventata una sorta di fiocco di genere nei decenni successivi Olocausti (il libro e il film) è uscito, sia nell'opera di King che in quella di altri scrittori horror.

Ingrandire

La villa nel film è stata effettivamente interpretata da Dunsmuir House, situata a Oakland, in California. Inserita nel registro nazionale dei luoghi storici degli Stati Uniti, la Dunsmuir House è stata costruita nel 1899 da Alexander Dunsmuir, erede di una fortuna nel settore del carbone. Stranamente, Dunsmuir, che ha costruito la casa come regalo di nozze per la sua nuova sposa, è morto in luna di miele e non è mai riuscito a viverci. La sua vedova andò a vivere lì, ma morì due anni dopo, nel 1901.

Decenni dopo, fu acquistato dalla città di Oakland e alla fine trasformato in un punto di riferimento culturale e storico. Olocausti è stato il primo film girato lì (Curtis ha affermato che l'intero film è stato girato lì, senza set costruiti) e tra i film che sono stati successivamente girati a Dunsmuir ci sono fantasma (1979), l'avventura di James Bond Una visione per uccidere (1985), la parodia dell'orrore Così ho sposato un assassino con l'ascia (1993) e il thriller di Clint Eastwood Vero crimine (1999).

Il cast di Curtis era piccolo ma efficace. Karen Black (morta nel 2013 di cancro) è stata una delle attrici più in vista della fine degli anni '60 e degli anni '70, collezionando apparizioni in film seminali dell'epoca come Easy Rider (1969), Cinque pezzi facili (1970), Il giorno della locusta (1974) e Nashville (1975). Allo stesso tempo, è apparsa nel film catastrofico Aeroporto '75 e ha memorabilmente interpretato più ruoli in Trilogia del terrore . Ha continuato a lavorare regolarmente in TV e al cinema fino a quando non si è ammalata nel 2010, con ruoli horror che hanno sostenuto la sua carriera e le hanno persino dato un culto dell'ultima era che seguì se stessa.

Ingrandire

Anche il grande Oliver Reed è diventato una figura di culto simile e, in un mondo giusto, sarebbe ancora con noi a interpretare i supercriminali da qualche parte. Ma morì nel 1999 all'età di 61 anni durante le riprese del suo ultimo ruolo in Ridley Scott's Gladiatore , presumibilmente crollando mentre si rovescia un drink al pub locale dopo una lunga giornata di riprese. Uno dei cattivi ragazzi per antonomasia del cinema britannico, Reed era un infernale e alcolizzato che purtroppo è diventato quasi più noto per le sue abbuffate che per il suo lavoro sullo schermo. Ha avuto una lunga relazione con i generi horror e fantascientifico attraverso film come La maledizione del lupo mannaro (1961), Il dannato (1963), La stanza con le persiane (1967) e la covata (1979), e la decisione dei produttori del franchise di James Bond di rinunciare al casting di Reed come 007 è stata definita una delle più grandi opportunità mancate nella storia del cinema britannico.

La zia Elizabeth è stata interpretata dalla leggendaria Bette Davis, una delle più grandi attrici di tutti i tempi, che secondo quanto riferito aveva giurato di non apparire mai in un altro film horror fino a quando Curtis non l'ha convinta a farlo. Olocausti . Notoriamente irritabile, Davis si sarebbe scontrato sia con Black che con Reed durante la produzione; sentiva che il primo non le mostrava il dovuto rispetto mentre il secondo l'avrebbe svegliata con il suo canto ubriaco nel corridoio dell'hotel in cui hanno soggiornato durante il mese di riprese (anche se era nota per averne buttato indietro qualcuno) . Sempre un'attrice che ha fatto ciò che era meglio per il personaggio e ha respinto l'idea di dover apparire affascinante nel film, Davis si è lasciata sembrare incredibilmente smunta e fragile in Olocausti come la prima vittima della casata Allardyce.

Ingrandire

Visto oggi (è stato recentemente ristampato in Blu-ray da Kino Lorber in una bella edizione con interviste a Nolan, James e Lee Montgomery, che interpretavano Davey, insieme a commenti audio trasferiti dal DVD originale), Olocausti è ancora efficace e sorprendentemente contenuto per l'epoca. In un decennio che ci ha regalato gli shock più viscerali dei classici horror come Il massacro della motosega del Texas , Alba dei morti e Le colline hanno gli occhi , Olocausti era un ritorno quasi bizzarro all'idea che meno è di più e che ciò che è invisibile è ciò che è più terrificante. La squallida ma soleggiata casa di Allardyce e i suoi giardini sono intimidatori, ma sono piacevolmente lontani dagli edifici gotici che spesso popolavano i film della casa stregata.

Semmai, le radici di Curtis come regista televisivo gli impediscono di creare un'atmosfera ancora più sinistra nel film di quanto non abbia già: il film è illuminato e spesso composto come una produzione per il piccolo schermo, e puoi quasi immaginarlo come un 'film of the Week' insieme alle altre uscite televisive di genere di Curtis. Un aspetto più ricco, più lunatico e più cinematografico avrebbe potuto essere elevato Olocausti al livello superiore dei classici film della casa stregata. Scorci di quello stile si possono vedere nelle sequenze che coinvolgono l'Autista, un personaggio davvero spettrale abitato vividamente dallo scarno James.

Così com'è, Olocausti potrebbe non sedersi accanto a gente del calibro di La caccia , Il brillante e Gli innocenti nella cerchia più alta del sottogenere della casa stregata, ma il suo cast e la colonna sonora terrificanti, il ritmo metodico ma sempre più teso e la sua concezione unica della casa come 'cosa vivente' che ha bisogno di ricostituirsi dalle forze vitali di coloro che vi entrano , rendono il film maturo per una continua riscoperta, come il luogo stesso di Allardyce.



^