Il Re Leone

Lo straordinario fotorealismo del Re Leone non era il problema: erano le voci

>

La scena più importante in Il Re Leone , che si tratti della versione animata del 1994 o della versione 'fotorealistica' del 2019, si avvicina al punto medio.

Il gentile re di Pride Rock, Mufasa, sta tentando un audace salvataggio del figlio cucciolo di leone Simba, che rischia di essere calpestato dagli gnu. Il pubblico sa, anche se Mufasa e Simba non lo sanno, che la fuga precipitosa degli gnu è stata manipolata in esistenza dal fratello amareggiato e guidato dal potere di Mufasa, Scar, che vuole uccidere il fratello più feroce e il nipote compiaciuto per prendere il sopravvento.

Alla fine Simba viene salvato, ma non prima di aver assistito alla morte di suo padre, di cui ancora non sa che Scar sia responsabile. Simba grida un angosciato, con il cuore spezzato 'No!' prima di scendere nella gola che funge da luogo di riposo di Mufasa e provare a coccolarsi un'ultima volta con suo padre.



Il re leone remake di Simba Paw tramite Disney YouTube 2019

Credito: Walt Disney Studios

È un momento emotivamente devastante nel film d'animazione del 1994, scandito dalla telecamera che si allontana mentre Simba grida alla vista del padre morto e accoppiato con la vista di un adorabile leoncino che cerca di coccole con suo padre senza alcuna speranza di avere mai un altro momento padre-figlio. Il remake del 2019, diretto da Jon Favreau, ripete questo momento praticamente a un livello beat per beat, fino alla telecamera che si allontana mentre Simba grida terrorizzato. J.D. McCrary, dando voce al giovane Simba prima che Donald Glover subentri come versione adulta, fa un ottimo lavoro nel sembrare piagnucoloso, disperato e agitato come dovrebbe essere il personaggio.

La sua performance, tuttavia, è in netto contrasto con quasi tutti gli altri nel nuovo Il Re Leone . Fino a quel momento, è difficile rilevare qualcosa di simile a una personalità nelle voci degli altri artisti, da James Earl Jones (che riprende il suo ruolo di Mufasa e sembra che sia meno interessato a leggere di nuovo le stesse righe) ad Alfre Woodard (la regina dei leoni Sarabi).

Subito dopo questa scena, un comprensibilmente abbattuto Simba incontra il socievole Timon e Pumbaa . Doppiati ora rispettivamente da Billy Eichner e Seth Rogen, Timon e Pumbaa hanno giustamente ottenuto la maggior parte degli elogi anche dalle recensioni più feroci di questo colosso del botteghino. Come nell'originale, Timon e Pumbaa servono come necessario sollievo comico dopo la morte di Mufasa. Ma questa volta, le battute di Eichner e Rogen – che hanno registrato i loro dialoghi insieme, che è ancora una rarità quando gli attori registrano le loro battute per un film d'animazione di qualsiasi tipo – sembrano un'inaspettata boccata d'aria fresca.

Simba con Timon e Pumbaa ne Il re leone

Credito: Disney

Per una volta, per fortuna, il nuovo Re Leone si sta permettendo di essere divertente. È concedersi un senso di fascino e di vita che non è definito esclusivamente dalla tecnologia informatica fotorealistica. La tecnologia in Il Re Leone (2019) è l'unico elemento su cui quasi tutti i critici hanno concordato nelle loro recensioni. In quasi ogni scena, il VFX sembra convincente come lo sarebbe nella realtà (almeno per quelli di noi che non hanno mai viaggiato in Africa e possono vederlo solo nelle immagini o sugli schermi). La scelta di rendere la storia guidata dalla tecnologia fotoreale ha sicuramente dato i suoi frutti al botteghino: Il Re Leone ha incassato oltre 250 milioni di dollari solo al botteghino nazionale e sarà probabilmente il remake Disney con il maggior incasso fino ad oggi, superando La bella e la bestia (2017) quando tutto è detto e fatto.

Ma il fotorealismo ha un costo, e all'interno dell'esperienza di guardare il film, quel costo è la personalità. Quando il Timon nel nuovo film saluta Simba dicendo: 'Come stai, con il minor numero di parole possibile?' è un momento inaspettatamente esilarante perché è la prima volta che il film cerca di essere divertente. Prima di ciò, il cast vocale suona in gran parte come se stessero seguendo i movimenti, incluso, soprattutto, Chiwetel Ejiofor nei panni del malvagio Scar.

Cicatrice Il Re Leone 2019

Credito: Disney

Le basi di chi è Scar non sono cambiate. In entrambi i film è il fratello del re di Pride Rock, e in entrambi i film sarà sempre arrabbiato per il fatto che non sarà più il prossimo a diventare il re a causa dell'arrivo di Simba. Una notevole differenza tra i due film è la sessualità codificata del personaggio. Scar, in linea con Jafar degli anni '92 Aladino , ha avuto una presentazione più codificata come queer nel film d'animazione. Lo sfarzo del personaggio è accentuato dalla colorata esibizione vocale di Jeremy Irons e dai dialoghi in cui Simba dice che Scar è 'così strano' e lui risponde 'Non ne hai idea'. (Quella frase specifica è un riferimento al ruolo da premio Oscar di Irons in Rovescio della fortuna , concesso.)

Da un lato, è comprensibile il motivo per cui, nel 2019, la Disney non voglia puntare tutto su un cattivo in uno dei suoi nuovi film codificati come gay. (In particolare, sia Scar che Jafar avevano lo stesso animatore supervisore: Andreas Deja, che è lui stesso - ed era all'epoca - un gay pubblicamente. Questo non vuole scusare qualsiasi codifica incentrata sui gay nei personaggi, ma vale la pena riconoscendo l'uomo dietro i cattivi.) Scar ora non è solo molto chiaramente etero - in una delle poche nuove sottotrame, Scar è geloso non solo di Simba ma di Mufasa perché voleva che la madre di Simba Sarabi fosse la sua compagna - ma non ha personalità oltre ad essere generalmente feroce. Sebbene Ejiofor sia un attore di enorme talento, la sua interpretazione di Scar è così tenue che potresti non renderti nemmeno conto che questo personaggio sta parlando e cantando una versione di 'Be Prepared' fino a metà.

Mentre Scar una volta era terrificante a causa delle prestazioni tridimensionali e bizzarre di Irons e del modo in cui scivolava sulle rocce e intorno alla sua preda, ora le paure esistono perché ... beh, Scar è un leone abbastanza grande con artigli abbastanza affilati e denti e i leoni sono generalmente spaventosi.

Il Re Leone

Credito: Disney

Il fotorealismo, ovviamente, guida tali scelte recitative. Se gli animali sembrano veri animali, le loro voci sarebbero piene di stravaganza o stile, come era quella di Irons nel 1994? Lo stesso vale per quasi tutti i personaggi e gli attori del 2019 Re Leone . L'emozione che esplode dalle cuciture del film d'animazione - che si tratti di umorismo o crepacuore, sarcasmo o sentimentalismo - è in gran parte scomparsa dal nuovo. Sebbene Eichner e Rogen siano l'ovvia commedia nel film, anche le battute maliziose tra Scar e Zazu (ora doppiato da John Oliver) sono scomparse, così come i momenti più brevi come Mufasa che ride di pancia mentre il giovane Simba si esercita a balzare sul leone autoproclamatosi 'majordomo' del re.

Questi inciampi possono essere tutti attribuiti al fotorealismo. Tranne quando non possono.

Anche i numeri musicali del film, la migliore vetrina possibile per le voci, sono per lo più in sordina. 'I Just Can't Wait to Be King' era un pomposo spettacolo in stile Broadway, ma poiché il vero gli animali della giungla non riconoscerebbero un passo di scatola da un valzer, non ballano. E nemmeno le voci di quegli animali ballano. (Si potrebbe obiettare che gli animali non dovrebbero nemmeno cantare, o parlare, perché... gli animali veri non fanno nessuna di queste cose.) Eppure, quando Timon e Pumbaa sono chiamati a fungere da distrazione per Scar e la sua ciurma di iene assetate di sangue nel finale, Timon riesce a farlo cantando la strofa di apertura di 'Be Our Guest' da La bella e la bestia . Si può solo immaginare quanto siano i prezzi dei biglietti per i film Disney nella savana. Alcuni animali ricevono uno sconto per studenti se non sono completamente cresciuti?

Beyonce Nala Il Re Leone

Credito: Disney

In superficie, la maggior parte degli attori del nuovo Re Leone sembrano, se non un aggiornamento rispetto ai loro predecessori, una scelta appropriata per calarsi nei panni di alcuni grandi nomi. Ma così tanti di loro hanno deciso - o sono stati indirizzati a - trattare il lavoro vocale come il lavoro più semplice del mondo. (Chris Rock ha scherzato notoriamente agli Academy Awards 2012 su quanto sia facile registrare dialoghi per il Madagascar film e allo stesso tempo fare un sacco di soldi.) Ma una buona recitazione vocale è quasi più impegnativa della recitazione dal vivo; Tom Hanks ha parlato della sfida di lavorare sui film Pixar, anche con le linee di dialogo più innocue.

Solo perché i personaggi in Il Re Leone erano fotorealistici da guardare non significavano che non potessero avere vite dietro i loro occhi più animaleschi e meno da cartone animato. Un certo numero di critici, compreso il sottoscritto, hanno sostenuto che il nuovo Re Leone , nonostante tutti gli sforzi profusi per far sembrare l'ambientazione il vero McCoy, alla fine è risultato sorprendentemente privo di vita. Senza dubbio, quando metti a confronto le versioni del 1994 e del 2019, c'è una netta differenza, visivamente. Ma l'assenza di vita si estendeva dietro la telecamera.

Ci sono molti attori talentuosi e impressionanti in questo nuovo film. Ma solo a un paio di loro è stata data la possibilità di dare vita a personaggi che altrimenti avrebbero solo l'aspetto di leoni, facoceri, suricati e iene che potresti vedere nel tuo zoo locale. Quando si tratta di doppiaggio, se un personaggio è senza vita, finisce con chi lo ha portato alla vita sonora, non con gli animatori.




^