Asa Butterfield

Vita su Marte? Clip esclusiva da The Space Between Us e intervista al regista Peter Chelsom

>

Lo spazio è diventato il territorio dei franchise cinematografici negli ultimi tempi, quindi è raro trovare una storia originale ambientata lassù che non riguardi uno xenomorfo, una sorta di Trekking , o la Forza.

All'inizio di quest'anno, la direttrice di Peter Chelsom Lo spazio tra di noi approdato al cinema. Ambientato in un futuro non troppo lontano, racconta la storia emotiva di un giovane (Asa Butterfield) nato su Marte che decide di recarsi sulla Terra per trovare suo padre e incontrare la giovane donna (Britt Robertson) con la quale ha coltivato una relazione cibernetica sfortunata letterale.

Abbiamo una clip esclusiva dall'uscita DVD/Blu-ray in uscita il 16 maggio:



Abbiamo anche parlato con il regista Peter Chelsom ( Ettore e la ricerca della felicità , Colpo di fortuna ) sulla creazione di un film che immagina la vita su una colonia di Marte, lavorando con il suo amico di lunga data Gary Oldman, e il finale alternativo aggiunto alla versione home video.

film di arrivo basato sul libro

Non hai diretto un film di fantascienza come Lo spazio tra di noi Prima. Era il momento o era solo la storia?

Bene, abbiamo lavorato molto sulla sceneggiatura nell'anno e mezzo che ha preceduto la produzione, ma è sempre stata una storia davvero bella. Questo film è come un piccolo film dentro un grande film. Non copio o emulo altri registi, ma sono il primo a fare la fila quando penso che siano grandi. E penso che Robert Zemeckis l'abbia fatto molto bene dove c'è un'intimità e un forte impulso al centro delle sue storie, ma lo scopo a volte è enorme. Contatto è un buon esempio, o Naufragato , o anche Forrest Gump , potresti obiettare. A parte il fatto che amo il mezzo della fantascienza, e la gente probabilmente non se lo aspetta da me, è fantastico avere una storia forte e umana al centro, ed è quello che è stato per me. Apparentemente è diverso ma è lo stesso.

Ingrandire

Il film mostra come sarebbe un output su Marte e come funzionerebbe. Hai cercato input da scienziati reali o dalla NASA per creare autenticità?

Devo essere autentico, o mi sento un impostore se non ho davvero, davvero studiato il mondo della storia. Quindi avevamo un ottimo consulente della NASA, Scott Hubbard. Ho lavorato molto a stretto contatto con lui. E quando abbiamo fatto uno screening per la NASA e SpaceX, erano semplicemente felici. Neil deGrasse Tyson e Bill Nye erano entrambi lì dicendo che avevamo capito bene.

Hai usato riferimenti specifici per le tue sequenze su Marte?

film di michael myers contro jason voorhees

Riferimenti ... è divertente perché è cambiato tutto il cliché di Marte, il pianeta rosso. Penso che ora stiano dicendo che non sembrerà una lavata di rosso. Abbiamo sviluppato e coltivato il nostro look di Marte. Kirk M. Petruccelli, lo scenografo, è piuttosto brillante. Il nostro budget non era molto, ma dicono che il film sembra tre o quattro volte quello che è costato. La ricerca di Kirk su come sarebbe stata la comune su Marte, basata su come è stata spedita in forma di capsula e assemblata, l'ha presa davvero molto sul serio.

C'è stato un aspetto della creazione della colonia di Marte che è stato più difficile da portare in vita?

Penso che la cosa più difficile sia stata non avere molto tempo per addestrare gli attori per il lavoro sui cavi. Alcuni film non riconoscono in un film su Marte la differenza di gravità. Anche Ridley [Scott] Il marziano sembrava non riconoscerlo. Abbiamo dovuto perché è un punto della trama con l'intera storia riguardante Gardner, in quanto lui e i suoi organi non possono sopravvivere in una gravità più pesante [sulla Terra]. Dovevamo davvero lavorarci su. Per noi è una combinazione di molte cose. Come quando Carla Gugino è in allenamento nello spazio di allenamento su Marte, è una combinazione di velocità del fotogramma, ma sono anche sui fili. È come l'imbracatura inerziale usata per l'arrampicata su roccia per alleggerire il peso. Ha creato questo aspetto un po' irreale e bizzarro che volevamo in movimento. E quando atterrano per la prima volta, c'è un astronauta che corre verso di loro, ed è su un'enorme gru che è stata dipinta per ottenere quell'effetto. Quindi quei dettagli volevo davvero che fossero corretti, quindi grazie a Dio per l'aiuto del consulente della NASA. ( Ride )

Ingrandire

Asa Butterfield è relativamente nuova sulla scena. Ha avuto un impatto con Il gioco di Ender , un altro film spaziale. Cosa ha apportato al ruolo che gli ha dato ragione di interpretare Gardner Elliot?

Si parlava di lui come protagonista anche prima che entrassi a far parte del progetto. Stranamente, è stato in concomitanza con noi che riscrivevamo e invecchiavamo i bambini. In origine erano più giovani, ma in quel periodo anche Asa stava invecchiando. Penso che sia stata la migliore idea per il film per quattro anni, e in quei quattro anni abbiamo invecchiato i personaggi di quattro anni. È stato notevole. Aveva una tale purezza e innocenza in lui, e quella qualità è così preziosa. È disarmante. È come se fosse una macchina della verità. Inoltre, contrariamente a Tulsa (Robertson), hanno due energie totalmente diverse. Verso la fine, si incontrano magnificamente nel mezzo. Si sistema e le sue difese scompaiono. E poi il suo arco è che va da ragazzo a uomo. Quando ha detto addio al razzo alla fine, il mio messaggio per lui è stato: 'Voglio che tu senta che hai 15 anni in più'. Ha fatto questa ripresa ed era quasi Top Gun -ish. È stato fantastico! Quindi era una bella combinazione e stavano così bene insieme. Erano così non competitivi e lì l'uno per l'altro.

guerre stellari: guerre dei cloni (2003)

Gary Oldman è tuo amico da tre decenni. Questa è la tua prima volta che lo dirigi, quindi com'è andata con l'amicizia?

Penso che sia fantastico soprattutto perché stavo davvero chiedendo a Gary di suonare vicino a se stesso. Quando ci siamo seduti ho detto: 'Gary, non credo che ci dovrebbero essere caratteristiche molto visibili qui'. Conosco Gary da così tanto tempo che ho detto: 'Voglio Gary Oldman di buon umore all'inizio del film'. Gli è piaciuto e a volte lo ha trovato un po' spaventoso. C'è stato un punto nel mezzo della scena della presentazione all'inizio, si stava divertendo molto con la folla ed era molto divertente. Tra una ripresa e l'altra, ricordo che a un certo punto disse: 'Penso di voler ospitare gli Oscar la prossima volta'. Ha tirato fuori quel caloroso intrattenitore in lui, ed è molto caloroso e molto divertente. Non molte persone l'hanno visto. E il fatto che siamo amici, abbiamo una vera stenografia. Nessuno fa battute inglesi come gli inglesi perché siamo strani. ( Ride )

La versione Blu-ray presenta un finale alternativo con i personaggi di Oldman e Butterfield. Ce n'è uno che preferisci alla fine?

Sarò onesto con te, sono combattuto per questo. Il film finisce più volte e penso che sia questo il problema. Avere la lezione del personaggio di Gary alla fine, seguita dal personaggio di Asa, potrebbe aver lavorato sul finale. Ma davvero non lo so perché mi piacciono entrambi. C'è un potere nell'immagine di mostrarlo effettivamente sulla superficie di Marte, cosa che suppongo avremmo potuto fare anche noi, ma poi avresti altro fine. Metti un cappello, su un cappello, su un cappello. È dura. Il film è stato testato così bene e il nostro Cinemascore è stato un A-. È quell'equilibrio nel cinema commerciale tra ascoltare ciò che il tuo pubblico sembra dire e sentire. Quando sei seduto con loro, puoi sentire l'irrequietezza quando arriva, quindi ti adegui. Ma onestamente, non lo so. Sono entrambi ottimi finali.

Cosa c'è nella tua lista di cose da fare dopo?

Ho passato gli ultimi otto mesi a lavorare su quella che sarà una serie televisiva di otto ore chiamata Il ladro di specchi . È un libro straordinario ed è stato il prediletto della critica l'anno scorso. È una storia straordinaria con ambientazioni a Venezia, in Italia nel 1592, a Venice Beach, in California, nel 1958 e al casinò The Venetian a Las Vegas nel 2003. L'assoluta improbabilità che queste storie siano collegate è ciò che lo rende divertente. Parla di realtà alternative, ma il motore di tutto questo è un thriller contemporaneo davvero avvincente. È l'opera più bizzarra, sorprendente e ricca che abbia mai letto in vita mia. E non è niente come tutto quello che ho fatto prima, ma per me è lo stesso.

quando tornano Rick e Morty?


^