Screamgrrls

Laura Palmer di Twin Peaks è la grande martire americana dell'horror

>

'È morta, avvolta nella plastica.'

Queste non erano tecnicamente le prime righe mai pronunciate Cime gemelle , l'acclamata serie horror creata da Mark Frost e David Lynch, ma questa introduzione a Laura Palmer rimarrà per sempre iconica per un motivo. La semplice immagine di lei - la sua pelle bianca come il ghiaccio, le labbra di un blu mortale e il suo bel viso ancora non in pace nemmeno nella morte mentre è imbalsamata in un bozzolo di telo - è arrivata a definire uno spettacolo che non è mai stato a corto di un'iconografia sorprendente. È nato un nuovo idolo dell'horror, una Dead Girl per un tempo molto contorto.

David Lynch non è mai stato un uomo particolarmente interessato al completamento o alla chiusura. Le narrazioni lineari non fanno per lui e il suo lavoro migliore spesso sembra uno schiaffo in faccia ad ogni spettatore che desidera nient'altro che risposte alle molte domande che devono porre. Cime gemelle non avrebbe mai dovuto risolvere il mistero di chi ha ucciso Laura Palmer. Per Lynch e Frost, la sua morte era semplicemente un punto di ingresso in Twin Peaks e nella miriade di personaggi bizzarri e sinistri che lo popolavano. Questa era una serie sul viaggio, non sulla destinazione, che non andava d'accordo con l'entusiasmo della rete ABC per un pay-off al mistero con cui avevano agganciato gli spettatori. Quindi lo spettacolo ha dato risposte e ha fatto sapere al mondo chi ha ucciso Laura (avviso spoiler: era suo padre, Leland, mentre era posseduto da Killer BOB).



Tuttavia, anche i fan più accaniti di Lynch e Cime gemelle hanno passato molto tempo a meditare sul sacrificio estremo di Laura Palmer. È stata creata per morire, per essere un dispositivo di trama che ha motivato e riunito un insieme più ampio. La cultura pop è piena di donne morte condannate a questo destino, ma pochi di questi esempi sono stati così infinitamente curiosi sulla propria organizzazione come Cime gemelle ha.

Laura Palmer

Credito: ABC

La città di Twin Peaks è il luogo perfetto che è anche marcio fino al midollo. Lynch ha sempre amato sezionare i tropi dell'Americana che adora non così segretamente, specialmente in Velluto blu , un film sul veleno della periferia americana WASP che ama ancora molto l'ideale della staccionata bianca. Twin Peaks è scenografico, popolato da persone affascinanti che incarnano tutte una qualche forma del sogno americano, e il caffè è di prim'ordine. Non è difficile capire perché Dale Cooper, l'epitome della torta di mele e del baseball, si sarebbe immediatamente appassionato. La morte di Laura è il primo segno irrinunciabile che qualcosa di profondamente insidioso è radicato in questa terra dei sogni. La regina del ritorno a casa fu assassinata e lasciata semi-conservata nel fiume ghiacciato, avvolta in una plastica traslucida in un modo quasi santo, ed era facile vedere la morte delle narrazioni sull'innocenza che la città era così ansiosa di formare da sole, così come le aspettative del pubblico contemporaneo.

Ha aiutato il fatto che Laura sembrasse fare gli straordinari nella sua visibile vita quotidiana per essere la santa che tutti volevano che fosse, attraverso le sue buone azioni nell'insegnare l'inglese a Josie Packard, nel prendersi cura del gravemente disabile mentale Johnny Horne e nel coordinare il programma Pasti su ruote. Naturalmente, Laura non è mai stata la fantasia che la sua famiglia, i suoi amici e i suoi concittadini avevano di lei. Nel Cime gemelle , il titano degli affari locali è un criminale corrotto che gestisce segretamente un bordello, i residenti locali includono abusatori domestici e stupratori e la regina del ritorno a casa era una prostituta dipendente dalla cocaina che era anche vittima di incesto.

perché l'agente Carter è stato cancellato?

Laura potrebbe essere morta quando inizia lo spettacolo, ma è sempre presente, sia attraverso quella famosa immagine di lei nel suo abito da cerimonia, le sue apparizioni nella loggia in bianco e nero dove fornisce indizi criptici a Dale del suo destino, o la sua presenza in Twin Peaks stessa tramite la cugina doppelganger Maddy, interpretata anche da Sheryl Lee. Come con la maggior parte dei martiri, è ovunque ed è impossibile fuggire, specialmente per coloro che si sentono condannati dalla sua scomparsa. Anche il pubblico non può mai dimenticare la grandezza della sua presenza e assenza. A tutti viene costantemente ricordato il sacrificio fatto e il suo costo finale. In una scena, il ragazzo di Laura, Bobby Briggs, afferma che Laura voleva morire. Quando la terapista di Laura le chiede se ha detto che non c'è bontà al mondo, Bobby risponde:

«Ha detto che le persone cercano di essere brave, ma sono davvero malate e marce, lei più di tutte. E ogni volta che cercava di rendere il mondo un posto migliore, qualcosa di terribile veniva fuori dentro di lei e la riportava giù all'inferno e la portava sempre più a fondo nell'incubo più nero. Ogni volta diventava più difficile risalire alla luce.'

Nella morte, Laura è vista come l'inconsapevole salvatrice dell'anima della città, il che contraddice direttamente il modo in cui ha vissuto la sua vita prima, incluso costringere Bobby a vendere droghe in modo da avere un facile accesso a lei stessa. Il dottor Jacoby, che ha avuto lui stesso relazioni illecite con Laura mentre era sua paziente, teorizza che Laura fosse spinta a 'cercare consapevolmente di trovare le debolezze delle persone, di depredarle, manometterle, farle fare cose terribili e degradanti [perché] Laura voleva corrompere le persone perché è così che si sentiva nei confronti di se stessa.'

A Laura viene inoltre restituita la voce per mostrare la strada verso il brutale martirio in Twin Peaks: Fuoco cammina con me . Il prequel della serie è stato molto controverso quando è stato rilasciato poiché i fan si sono sentiti ingannati dalla sua mancanza di chiusura per il finale cliffhanger dello show e personaggi come Dale Cooper. Sapevano già cosa era successo a Laura e non sembravano interessati a saperne di più. Tuttavia, riportare indietro Laura ha solo aggiunto maggiori livelli di emozione e comprensione non solo all'eroina stessa, ma al peso soffocante posto sulle sue spalle. Il suo tumulto mentale è travolgente, così come le pressioni esercitate su di lei da Twin Peaks e il trauma di essere vittima di incesto. Il suo omicidio per mano di Leland/BOB è una delle scene più orribili e terrificanti nella storia di Lynch, un gelido ricordo del suo martirio che la serie stessa non ha mai affrontato completamente. Per Leland, un aggressore che potrebbe avere più potere sulle proprie azioni di quanto non sia disposto ad ammettere (questo è qualcosa reso molto più chiaro in Il fuoco cammina con me ), il potere di Laura deve essere annullato per non perdere completamente il controllo su di lei. Replica questo orrore quando uccide Maddy, il doppio estetico di Laura ma l'esatto opposto in termini di personalità. Laddove Laura stava combattendo contro il suo ruolo sociale, Maddy abitava comodamente nel suo, ma si rifiutava di essere inserita nella vita dei Palmer come sostituto di Laura. I martiri sono caratterizzati dal loro rifiuto di conformarsi a un mondo storto, e Laura ha sofferto di conseguenza.

Cime gemelle

Credito: New Line Cinema

Tagliato al 2017 e improvvisamente ci è stata offerta l'incredibile opportunità di tornare a Twin Peaks. Il revival che nessuno avrebbe mai pensato che sarebbe successo era ora una realtà grazie a Showtime, e David Lynch era completamente libero dal guinzaglio nel miglior modo possibile. Per quelli aggravati dalla mancanza di chiusura della serie originale, Il ritorno è stato probabilmente un incubo, ma per il resto di noi è stato devastantemente buono. Laura Palmer è tornata, ma non quanto speravamo o ci aspettavamo (come sempre, è uno stupido tentativo di aspettarsi qualcosa da David Lynch). Sheryl Lee è accreditata come apparizione in ogni singolo episodio, anche se è solo in un paio di essi perché quella foto della regina del ritorno a casa immediatamente riconoscibile appare nei titoli di testa, un promemoria dell'ombra che incombe per sempre su questa pittoresca città.

Prima che Dale Cooper scappi finalmente dalla loggia in bianco e nero dove è stato imprigionato per decenni, incontra Laura ancora una volta, ora come una donna di mezza età dentro e fuori dal tempo. Serve come promemoria per Dale della donna che non è mai riuscita a essere e di ciò che è in gioco. Vuole riuscire non solo a salvare la propria vita, ma a ripristinare l'intero ordine naturale e sociale. Tuttavia, il tempo non funziona così e le stelle sono state a lungo allineate per il destino di Laura prima ancora che Dale nascesse.

Parte 8 di Twin Peaks: Il ritorno potrebbe essere la cosa più grande che David Lynch abbia mai fatto: non è niente di meno che la creazione del bene e del male stesso. La nascita della bomba atomica segna una nuova era dell'umanità, capace di annientamento in modi prima solo sognati. BOB viene creato in queste conseguenze infuocate, ma il male non può sopravvivere senza il bene, e così attraverso l'ingerenza cosmica, il volto di Laura Palmer appare in una sfera d'oro che viene baciata adorante e inviata sulla Terra. Ora, vediamo che Laura non è stata semplicemente istituita da se stessa e da quelli intorno a lei per essere martirizzata: era letteralmente il suo scopo nella vita.

i morti viventi della stagione in corso

La serie termina con Dale che ottiene il più breve dei lieto fine prima di partire ancora una volta per continuare il suo buon lavoro. Eppure all'improvviso potrebbe non essere più Dale, e la donna che trova e che sembra identica a Laura Palmer afferma di essere qualcun altro. La riporta a Twin Peaks ma qualcun altro vive nella sua casa e lo fanno da molti anni. Lo spettacolo si conclude con Laura che urla e le luci si spengono come se avesse testimoniato qualcosa di inimmaginabile. Poco prima, si sente debolmente la voce della madre di Laura, Sarah, che chiama il suo nome. Questa nuova donna potrebbe affermare di non essere Laura, ma sembra destinata a sopportare il suo dolore.

Ecco l'innegabile verità: Laura Palmer non potrà mai essere salvata. Non importa quanto ci abbiano provato Frost e Lynch - e hanno passato 18 episodi di un reboot allucinogeno e di genere nel tentativo di farlo accadere - Palmer era un martire il cui destino non poteva essere invertito. Ciò è in parte dovuto al fatto che la storia era così inestricabilmente connessa all'immagine di Laura come santa spezzata, ma anche perché l'orrore nel suo insieme ha molte delle sue basi più solide nel sacrificio delle donne. Il mistero della sua morte era troppo allettante per essere ignorato dagli spettatori della ABC e degli americani, molto più della sua vita.

C'è un momento in Il ritorno dove l'agente Gordon Cole, interpretato da Lynch, apre la porta del suo hotel e viene travolto dall'immagine di Laura Palmer. È lo spettro che ha definito la sua vita e la sua carriera, sia dentro che fuori dallo schermo, e la futile ricerca di giustizia di Cole nel suo nome parla della sua incapacità di darle i suoi debiti. Sembra che nessuno si sia sentito più dispiaciuto per la morte di Laura dello stesso David Lynch.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^