Cane Cattivo

The Last of Us Part II è una bellissima e vera storia di persone spezzate in un mondo spezzato

>

quando L'ultimo di noi uscito per PlayStation 3 sette anni fa, raccontava una storia ambiziosa ambientata sullo sfondo di un'America post-apocalittica. Era strutturato, sfumato e brutalmente inflessibile. Ma era solo un precursore del tipo di storia complicata che sarebbe venuta nel sequel recentemente pubblicato, The Last of Us Parte II .

**Spoiler avanti per The Last of Us Parte II **

Considerando che il primo gioco ha venduto più di 20 milioni di copie, non sarebbe stata una sorpresa per lo sviluppatore Naughty Dog e il regista Neil Druckmann tornare in questo mondo con un sequel più grande e rumoroso incentrato sugli stessi personaggi preferiti dai fan che fatto parte prima un tale successo. Invece, abbiamo visto il protagonista principale del primo gioco, Joel, essere brutalmente assassinato nel prologo di apertura del gioco – e questa è stata solo la prima sorpresa di molti.



I videogiochi sono stati sempre più un luogo per una narrazione complessa e ammirevole - e pochi titoli hanno fatto così tanto per elevarlo nel suo insieme come L'ultimo di noi franchising. Nel sequel, fresco della morte di Joel, il gioco si sposta su una storia di vendetta, con la figlia surrogata di Joel, Ellie, che parte per il paese per vendicarsi. Il fratello di Joel, Tommy, fa lo stesso, con Ellie e la sua ragazza Dina subito dietro. Questo imposta la prossima metà dell'azione, che trova Ellie che si fa strada attraverso una sorta di elenco di risultati, una volta rintracciato il gruppo che ha viaggiato da Seattle a Washington per uccidere Joel.

La ricerca di Ellie arriva finalmente al culmine quando il suo obiettivo Abby la colpisce, pistola estratta.

chi fa la scimmia nel canto

Quindi...

Dissolvenza al nero.

l'ultimo-di-noi-parte-ii-screenshot-09-ps4-en-us-11jun20

Cane cattivo

A questo punto, il gioco si resetta, in un certo senso, e tu giochi ancora una volta agli eventi degli ultimi giorni, ma dal punto di vista di Abby, essenzialmente trasformando la giovane donna a cui hai dato la caccia nelle ultime 13 ore circa nella seconda del gioco. protagonista. La narrazione qui colma le lacune sul motivo per cui Abby ha viaggiato così lontano per uccidere Joel, poiché apprendiamo che Joel ha effettivamente ucciso suo padre nel climax del primo Ultimo di noi sette anni fa. Il padre di Abby era il medico che cercava di sviluppare un vaccino dall'immunità di Ellie, ma il processo avrebbe ucciso Ellie. Quindi Joel li uccise tutti e salvò Ellie, salvandole la vita ma distruggendo efficacemente ogni possibilità di un vaccino contro il virus che ha devastato l'umanità.

Giocando nella metà successiva del gioco nei panni di Abby, conosci suo padre tramite flashback e vedi in prima persona come la sua morte l'ha influenzata e la perseguita ancora. Conosci i suoi amici, gli stessi che hai scovato e ucciso nella prima metà del gioco. Conosci Abby come persona, mentre si rivolta contro la sua stessa gente per cercare di salvare due giovani fratelli da un gruppo rivale. È una svolta rischiosa e si è rivelata un po' controversa tra un contingente di fan che è entrato in The Last of Us Parte II aspettandomi di interpretare l'avventura a tutti gli effetti di Ellie.

Ma L'ultimo di noi non è un franchising costruito su scelte sicure. Il primo gioco ha avuto una fine disordinata, con Joel - incapace di sacrificare Ellie dopo aver perso sua figlia all'inizio dell'epidemia - sceglie la sua vita su un potenziale futuro per l'umanità stessa. Quindi mente alla giovane Ellie, dicendole che il vaccino non avrebbe funzionato comunque, quindi se ne sono andati mentre lei era incosciente. Vediamo il valore di un gioco di quella ricaduta qui, con Ellie svogliata e senza direzione in questa vita che Joel ha combattuto così duramente per preservare, mettendo lentamente insieme la verità lungo la strada. È comprensibilmente arrabbiata con Joel per aver tolto la sua agenzia per fare quel sacrificio, privandola di un modo per dare un senso alla sua vita, anche se sarebbe arrivata nella morte.

Quel retroscena viene lentamente riempito di flashback, poiché alla fine vediamo che la notte prima della morte di Joel, Ellie era andata a trovarlo e stava lentamente aprendo la porta al perdono. Era finalmente uscito chiaro su quello che era successo nel primo gioco, e stavano lentamente lavorando per ritrovare la fiducia. La morte di Joel è stata la prima volta che lo ha visto.

Per quanto semplice possa sembrare, l'omicidio di Joel dà una direzione a Ellie. Incanala quella rabbia in uno scopo, apparentemente nella speranza che vendicare la morte di Joel la aiuti a trovare un senso di chiusura. Invece, sembra solo renderla più arrabbiata e distrutta. Nessuna vendetta riporterà indietro Joel, e questo è un punto che Ellie si rende conto solo quando è troppo tardi.

LA FINE.

the-last-of-us-part-ii-screenshot-16-ps4-en-us-11jun20

Cane cattivo

Quando il gioco finalmente riprende il confronto dal punto di vista di Abby, Abby spara e uccide l'amica di Ellie Jesse, che l'ha seguita a Seattle, ma mostra pietà per Ellie e il resto dei suoi amici dopo aver realizzato che Dina è incinta. Abby, Dina e Tommy tornano a casa, feriti ma vivi. Flash forward ed Ellie sta cercando di costruirsi una nuova vita con Dina, aiutando a crescere suo figlio. Nonostante l'ambiente idilliaco, Ellie soffre ancora di PTSD, e quando Tommy si presenta con una pista su dove si trova Abby, Ellie si propone ancora una volta di finire le cose. Anche con una nuova vita davanti a lei, non può lasciare andare quella vecchia rabbia.

Ellie rintraccia Abby a Santa Barbara, solo per scoprire che è stata catturata da trafficanti di esseri umani. Mette in scena una sorta di salvataggio e trova Abby vicina alla morte, appesa a un palo. La aiuta a scendere e Abby la conduce a un paio di barche che possono usare per fuggire. Ellie minaccia la vita del bambino che Abby sta proteggendo per costringerla a combattere, ed Ellie vince, tenendo Abby sotto le onde che si infrangono finché non è quasi annegata e smette di lottare.

miglia morales e ragno gwen

Poi la lascia alzare e la lascia andare. Dopo due viaggi in cerca di vendetta e aver buttato via la sua nuova vita per fare l'ultimo viaggio, la lascia andare. Guardando la vita defluire dal viso di Abby, Ellie si rende conto che questo non le porterà pace. Ma è una realizzazione che arriva così tardi, ha già buttato via la vita che stava cercando di costruire per inseguirla.

È un interessante contrappunto all'arco narrativo di Abby, poiché si vendica di Joel, ma si sente ancora senza timone e perseguitata sulla scia di tutto questo. Trova solo una parvenza di scopo nel tentativo di salvare una coppia di giovani fuggiaschi che le hanno salvato la vita, nonostante appartenessero a un gruppo rivale. Alla fine si rende conto che la vita è vita, indipendentemente dalla fazione, e si stacca dal suo gruppo per cercare una vita migliore. Ma anche in quel caso, quella ricerca viene deragliata quando viene catturata dai trafficanti di esseri umani mentre si trova sul percorso. Anche con le migliori intenzioni, la bruttezza di questo mondo può ancora romperlo senza preavviso.

the-last-of-us-part-ii-screenshots-04-ps4-en-us-11jun20

Cane cattivo

Ellie sembra essere ancora alla ricerca di quello scopo, e dopo essere tornata alla sua fattoria vuota per trovare Dina e il bambino che se n'erano andati da tempo, ora sta ricominciando da zero. La vediamo finalmente iniziare a lasciare andare i totem della sua vecchia vita: l'orologio rotto di Joel (a sua volta un regalo della sua defunta figlia, che ha tenuto per tutti questi anni nella sua memoria). Rivisita anche la sua chitarra, un regalo di Joel, che le ha insegnato a suonarla. Strimpella Future Days, dei Pearl Jam, una canzone ricorrente che risale a quando Joel la suonò per la prima volta per una giovane Ellie. È giusto, considerando l'affetto ricorrente del franchise per Seattle.

Se mai dovessi perderti
mi perderei sicuramente
Tutto quello che ho trovato qui
Non ho trovato da solo
Prova e a volte ci riuscirai
Per fare di me quest'uomo
Tutte le mie parti mancanti rubate
non ne ho più bisogno
Credo
E credo perché posso vedere
I nostri giorni futuri
Giorni di te e me

Dopo averla suonata lei stessa un'ultima volta, Ellie lascia la chitarra alla fattoria. Non sappiamo se torna a casa a Jackson per cercare di trovare Dina, o se si dà da fare da sola - la vediamo solo lasciarsi alle spalle i totem della sua vecchia vita e allontanarsi verso il tramonto. Qual è la cosa più vicina a un lieto fine, qualcosa come L'ultimo di noi potrebbe davvero offrire.

È una storia di persone spezzate, fratturate da un mondo spezzato, che cercano di trovare qualunque cosa passi per una sorta di pace. Ma anche trovandolo, a volte non basta. Perché la vita non si divide in capitoli ordinati e combattimenti con i boss. È disordinato e a volte le storie finiscono. A volte l'arco narrativo non si svolge come l'abbiamo abbozzato nelle nostre menti.

quanti distruttori di stelle ha l'impero?

E questa è l'eredità di The Last of Us Parte II , e il franchising nel suo insieme. È inaspettato. È sorprendente. È vero.

È umano.

PlayStation su YouTube



^