Cobra Kai

Calciandolo con Ralph Macchio, William Zabka e Martin Kove nel 35esimo anniversario di Karate Kid

>

Per le persone di una certa età, le stelle di Il bambino del karate e, per estensione, Cobra Kai , sentiti come le persone con cui sei cresciuto. Ralph Macchio (Daniel LaRusso) è come il tuo migliore amico delle scuole medie. William Zabka (Johnny Lawrence) è il bullo che ha rubato le tue scatole di succhi. E, in qualsiasi momento mentre parli con Martin Kove (John Kreese), quasi ti aspetti che ti faccia fare dei giri intorno al campo da calcio, come il tuo malvagio insegnante di ginnastica di un tempo.

archivio di worm tutto nostro

Certo, se sei un Karate Kid fan, questa è solo una reazione naturale a personaggi così perfettamente ritratti da essere impressi in modo indelebile nella tua psiche. Tuttavia, come SYFY WIRE ha scoperto tramite tre telefonate separate, gli uomini che interpretano quelle parti sono individui perfettamente adorabili e sinceri, che apprezzano la grandezza di quei ruoli e il loro posto nel pantheon della cultura pop. Questo è il loro destino ora - l'eroe, il bullo, il cattivo - e non potrebbero esserne più felici.

'I personaggi erano divertenti da interpretare e non l'ho mai guardato come, 'Oh, sarò il cattivo. Oh no, io sono il cattivo', dice Zabka durante la promozione Il bambino del karate la riedizione di due serate la prossima settimana, in occasione del 35esimo anniversario del film. 'Penso che sia stato solo che dopo il passare del tempo, quel genere di cattivo e stile degli anni '80, con il senno di poi, si è cristallizzato, ed io ero in quella bolla. Ho appena abbracciato tutto questo.'



di YouTube Cobra Kai ha bucato quella bolla mostrando un lato diverso di Johnny Lawrence, e la prossima seconda stagione aggiungerà profondità a John Kreese, uno dei cattivi più vituperati del film. Eppure, è a causa di Rocky il film originale del 1984 del regista John G. Avildsen per il perdente in cui i fan moderni sono così coinvolti Il bambino del karate saga. Quello, e un caso di tempismo perfetto.

William Zabka e Ralph Macchio in The Karate Kid

William Zabka e Ralph Macchio in Il bambino del karate . (Foto per gentile concessione di Sony Pictrues)

'Sono state le persone giuste al momento giusto a raccontare una storia che ha funzionato a livello umano e che si è connessa con così tanti adolescenti in noi, perché LaRusso è quel ragazzo della porta accanto che non aveva alcun vero interesse a vincere nulla, e ci vedevamo tutti in lui, tutti abbiamo vissuto quel momento in cui ci siamo sentiti degli outsider', spiega Macchio, facendo un sornione accenno al suo stesso ruolo nel 1983 Gli outsider .

'Ci siamo sentiti tutti presi di mira, vittime di bullismo e/o siamo figli di una casa con un solo genitore, o siamo stati qualcuno che si è trasferito in una nuova città e non si è adattato all'inizio', Macchio continua. 'Ci sono così tanti elementi che fanno parte del raggiungimento della maggiore età e della connessione umana. E poi l'adempimento del desiderio di 'Dio, non sarebbe meraviglioso se tutti noi avessimo un piccolo Yoda umano con noi che potrebbe essere lì e aiutarci a navigare in questa parte della nostra vita?'

Macchio si riferisce, ovviamente, a Pat Morita, che ha ottenuto una nomination all'Oscar per il ruolo di Mr. Miyagi, l'istruttore di karate adottato da Daniel, il sensei più dolce e gentile del film, e l'ostacolo alla non pietà di Kove che concede Kreese.

Mark Hamill Joker Trump tweet

'Lavorare con Pat è stato sensazionale, aveva un grande senso dell'umorismo. E lavorando con John, è stato un grande visionario. E Robert [Kamen] ha scritto cose che stiamo ancora dicendo 35 anni dopo', dice Kove a proposito dell'esperienza. 'Questo era un film che non è stato improvvisato, questo era un film in cui tutti avevano un lavoro da fare. [Il produttore] Jerry Weintraub era sul set ogni giorno, ed è stato gestito non a disagio, ma è stato gestito come se fosse un campo militare, un campo militare creativo.'

Ma anche con una tale raccolta di talenti e leadership, non c'era mai la garanzia che tutto avrebbe funzionato. Quindi, a che punto gli attori sapevano di aver catturato 'il fulmine in una bottiglia', come lo descrive Zabka?

Per Macchio c'era un 'punto distinto' che sapeva che sarebbe stato grande. Il pubblico in anteprima a New York City è rimasto affascinato dal film, 'tutti per strada, sulla Third Avenue, stavano facendo il calcio della gru' quando sono usciti dalle sale, ricorda Macchio.

'E Jerry Weintraub, il defunto grande produttore, si è chinato verso di me e mi ha messo una mano sulla spalla e ha detto: 'Uh, faremo un paio di dese, sì', continua Macchio.

Cosa che, ovviamente, hanno fatto, iniziando con una scena che in realtà doveva essere la scena finale della prima Karate Kid , ma Weintraub e Avildsen hanno deciso di finire con il calcio della gru vincitore del campionato di karate della All Valley, piuttosto che con l'unica nota che Kove sentiva non suonava vera: quando Miyagi pizzica il naso di Kreese invece di staccargli la testa.

'In realtà, non mi piaceva quella scena. Ho pensato che fosse troppo animato... era l'unico momento in tutti i momenti di tutti e tre i film che penso fosse un po' sopra le righe', dice Kove.

O forse a Kove semplicemente non piaceva prendere schegge di vetro tra i pugni dopo aver preso a pugni i finestrini dell'auto, quando il ragazzo degli effetti speciali non riusciva a far esplodere il vetro. 'Quel pugno, ci siamo esercitati così tanto a passare attraverso il vetro sopra la spalla di Miyagi, l'uomo degli effetti speciali non ha mai rotto il vetro', dice Kove. 'Pugno affondo, pugno affondo, pugno affondo, ho continuato a colpire il vetro. E alla fine ha detto che avrebbe funzionato, e quando l'ho fatto, ho fatto esplodere il vetro, e gli effetti speciali non hanno mai frantumato il vetro, e la mia mano è stata crivellata di schegge di vetro. È stato terribile. E abbiamo dovuto ricucirmi e poi abbiamo girato di nuovo la scena - e ancora non l'ha rovinata.'

William Zabka ed Elizabeth Shue in The Karate Kid

William Zabka ed Elizabeth Shue in Il bambino del karate. (Per gentile concessione di Sony Pictures)

Non è stata l'unica volta che sono stati lanciati veri colpi; il povero Zabka non poteva nascondersi dall'ira di Elizabeth Shue (Ali Mills) all'Encino Oaks Country Club, quando Ali colpisce Johnny per essere di nuovo un grande idiota. 'Non ha mai avuto un legame con la scena dei country club', dice Zabka. 'Ogni volta che mi prendeva a pugni, in qualche modo non tirava il pugno e continuava a colpire la mia mascella. In effetti, il mio sorriso quando Daniel stava entrando con gli spaghetti su di lui era una mezza risata per il fatto che lei mi avesse appena preso a pugni di nuovo in faccia nella vita reale.'

A quanto pare Morita e Macchio hanno avuto una coreografia migliore nei loro scambi, in particolare nella grande scena del payoff, dove Daniel-san perde la pazienza con le faccende domestiche di Miyagi.

'Se mai mi sedessi tra una scena e l'altra, [Avildsen] mi direbbe: 'Perché non ti eserciti con la scena con la cera o la cera?' Questo è quello che direbbe. Bene, 'Perché ho bisogno di sedermi.' Diceva: 'Non può essere abbastanza veloce, non può essere abbastanza buono, non può essere abbastanza veloce, non può essere abbastanza acuto'. E non poteva avere ragione. Abbiamo lavorato duramente su quel momento, e Pat ed io lo praticavamo sempre', dice Macchio. 'Più di ogni altra cosa, perché è fantastico? Perché è ben scritto, è ben impostato ed è enormemente ripagato. E si trova al posto del film, proprio nel punto - proprio come il personaggio - in cui sei frustrato per tutto questo, e torna indietro e tutti sono stati ingannati e non avevano idea che fosse così, e era magico.'

Contribuire alla magia è stata la chiara impostazione del bene contro il male, ma Zapka non ha mai visto Johnny in quella luce. 'Non lo vedevo davvero come un cattivo diretto, l'ho visto con alcune qualità redentrici', spiega, riferendosi in particolare a due punti di ancoraggio: il momento in cui Johnny è sulla sua moto da cross che scende alla festa in spiaggia al l'inizio del film, dove dice ai suoi amici Cobra Kai che ha un anno per far funzionare le cose; e quando consegna a Daniel il trofeo alla fine. 'In fondo, ho sempre pensato che fosse un essere umano, e penso che faccia parte di ciò che rende speciale il film'.

diablo 3 cooperativa

Ed è anche questo che rende speciale Cobra Kai . 'Il nucleo di Johnny all'inizio di Karate Kid è ancora chi è Johnny oggi, e cioè, 'Ho un anno per farlo funzionare...' sai, e sono passati 35 anni e non l'ha ancora fatto funzionare,' dice Zabka.

Martin Kove, Ralph Macchio e Pat Morita in The Karate Kid

Martin Kove, Ralph Macchio e Pat Morita in Il bambino del karate . (Per gentile concessione di Sony Pictures)

Quell'ambiguità morale sarà giocata ancora di più con Kreese che tornerà all'ovile. 'Onestamente, il modo in cui hanno scritto questo ragazzo, è esattamente ciò che la politica è là fuori', dice Zabka. 'Quello che sta succedendo ora è reale per John Kreese, e quello che sta succedendo per te là fuori ora, e Martin Kove, è reale per John Kreese, e reale per noi individualmente. È così ben strutturato che tutto è identificabile. E questo è ciò che è così buono.'

è lo zoom del flash nero

'Questo è un uomo che è molto simile a una figura paterna che gli ha dato i suoi migliori giorni di gloria e la sua più grande sconfitta, e ora sta tornando nella sua vita in questo momento in cui sta ancora cercando di capirlo. Quindi sicuramente Kreese complicherà le cose per il processo di Johnny', dice Zabka.

'Il Darth Vader degli anni '80 è quello che è diventato. E lui è ancora l'essenza di questo, ti divertirai in Cobra Kai , inizia da dove si era interrotto', dice Macchio. 'Lui getta una chiave inglese in tutti i piani. E non sai bene cosa e dove sia la sua fedeltà, e come andrà a finire. Per tutta la stagione, te lo posso promettere perché l'ho appena vista, va in una direzione e finisce in un modo che non ti saresti mai aspettato, ed è davvero fantastico. E Martin fa un lavoro fantastico. È molto divertente. Abbiamo un sacco di nuovi personaggi lì dentro, e rivali, e alcune incredibili arti marziali e sorprese.'

Sorprese come il ritorno di Elisabeth Shue?

'Non posso dire niente di niente del genere!' dice Macchio. 'Ma posso dire questo: tutto è possibile che funzioni organicamente nella storia, e i ragazzi sono aperti a tutti i diversi tipi di cose. Mi impiccherebbero se regalassi qualcuna di quelle uova di Pasqua, ma ce ne sono molte, preparati!' (A proposito di uova di Pasqua, controlla più tardi questa settimana quando analizzeremo le riprese della scena 'spazza la gamba' e il calcio della gru!)

Cobra Kai torna su YouTube Premium il 24 aprile, ma puoi dare un'occhiata in anteprima il 31 marzo o il 2 aprile, quando Fathom Events presenta Il bambino del karate torna nei cinema di tutta la nazione, giusto in tempo per l'uscita del film in 4K Ultra HD il 16 aprile.




^