Jon Favreau

Il sequel de Il libro della giungla trarrà ispirazione da idee Disney non sfruttate e da altre opere di Rudyard Kipling

>

L'adattamento live-action della Disney (ma realizzato principalmente con l'innovativa CGI) di Il libro della giungla ha guadagnato appena un miliardo di dollari nel 2016, quindi ha senso che lo studio ordini un sequel. La scelta di far rimanere Mowgli (Neel Sethi) nella giungla invece di mandarlo al villaggio umano (come è stato fatto nel film d'animazione del 1967) ha lasciato spazio a più capitoli nel franchise in erba. Mentre Jon Favreau è attualmente impegnato a lavorare sul Re Leone remake, ci si aspetta che lo faccia tornare come regista con Sethi che riprenderà anche il suo ruolo di Mowgli.

Nel frattempo, Justin Marks (autore della prima puntata e creatore di Starz's Controparte con J.K. Simmons) è incaricato di scrivere la sceneggiatura per il seguito. Intervista a Slash Film , Marks ha parlato della sceneggiatura e delle ispirazioni per la trama. Purtroppo, non sarà basato su TaleSpin , il cartone animato spin-off degli anni '90 del film originale in cui Baloo pilota un aereo come pilota del bush negli anni '30. No, Il libro della giungla 2 trarrà da due fonti uniche separate.

Nel secondo film, l'idea è di andare oltre il Kipling, ma anche di approfondire alcune delle risorse Disney del film del '67 che forse non hanno visto la luce nel primo film, ha detto Marks. Se guardi indietro al lavoro di Bill Peet sul film originale, alcuni dei quali sono stati buttati fuori da Walt Disney, Jon [Favreau] e io ci siamo davvero tuffati negli archivi Disney per vedere alcune delle idee. Eravamo tipo, 'Aspetta, è un'ottima idea. Ne abbiamo davvero bisogno nel film.' Quindi l'abbiamo costruito in questo modo.



Bill Peet ha scritto la sceneggiatura iniziale per il film d'animazione negli anni '60, ma ha lasciato la Disney dopo essersi scontrato con Walt che non approvava il tono oscuro che Peet voleva perseguire. Nonostante sia stato licenziato dalla produzione, ha creato due dei personaggi più famosi, King Louie (Louis Prima) e la giovane ragazza (Darleen Carr) di cui Mowgli si innamora alla fine. Peet ha anche avuto l'idea di far tornare Mowgli al villaggio umano alla fine del film invece di andare tra la giungla e il villaggio come fa nel libro di Rudyard Kipling del 1894.

C'è molto altro Kipling da adattare, ha aggiunto Marks. Ne ho appena finito una bozza abbastanza di recente. Anche nel primo film, abbiamo davvero preso ispirazione dalle altre storie di Kipling, L'elefante e la storia, la mitologia e la creazione della giungla. Infatti, Kipling ha pubblicato Il secondo libro della giungla nel 1895, un anno dopo il primo, che include una storia prequel che si svolge prima del manzo di Mowgli con la tigre Shere Khan.

Per quanto riguarda il ritorno o meno di Mowgli nel mondo umano, Marks dice che è possibile, ma vuole concentrarsi sul forte legame del ragazzo con la giungla e le creature che lo hanno cresciuto come loro. 'Era importante per Jon e per me era importante raccontare una storia sulla famiglia che è ciò che ne fai, e l'identità è le persone intorno a te e questo è quello che sei', ha detto. 'Quindi non mi sembrava giusto mandarlo in un altro posto, almeno nel primo film. Un film successivo, forse lo rivalutare.

Il sequel Disney è lontano, ma un'altra versione (non correlata) delle storie classiche di Kipling, Mowgli , arriverà il prossimo ottobre dalla Warner Brothers e dal regista Andy Serkis. E proprio come la versione di Favreau, ha un cast stellare composto da Serkis (Baloo), Christian Bale (Bagheera), Benedict Cumberbatch (Shere Khan), Cate Blanchett (Kaa) e Naomie Harris (Raksha).



^