Jeri Ryan

Jeri Ryan individua il momento in cui Seven of Nine è stato cambiato per sempre in Star Trek: Picard

Quando Seven of Nine (Jeri Ryan) si è unito per la prima volta alla troupe di Star Trek: Voyager , ha detto al Capitano Janeway (Kate Mulgrew) che non voleva essere disconnessa dalla mente alveare Borg. In sostanza, stava resistendo alla sua fondamentale umanità. E come dicono i Borg, la resistenza è inutile, cosa che ora sembra profetica; nell'ultimo episodio di Star Trek: Picard , 'Stardust City Rag ,' Sette è tornata ed è visibilmente, la più fratturata, emotiva e umano versione del personaggio che abbiamo mai visto.

Per Jeri Ryan, trovare la nuova voce per Seven non è stato facile come spegnere un impianto Borg. Invece, ha dovuto scavare a fondo per capire chi fosse il suo famoso personaggio nel nuovo mondo coraggioso della contemporaneità Star Trek .

**Spoiler avanti per Star Trek: Picard , Stagione 1, Episodio 5, 'Stardust City Rag.'**



'Trovare la voce di Seven è stato terrificante per me', dice Ryan a SYFY WIRE. 'Sapevo che sarebbe cambiata, ma la voce era ciò che mi fissava. Non riuscivo a sentire la sua voce in esso. Sono davvero impazzito. Ero in completa modalità di panico.'

quante stagioni dell'ultimo uomo sulla terra

Quindi, come ha fatto Jeri Ryan a riavviare Seven of Nine? Si scopre che gli ex droni Borg fanno ancora affidamento sulla mente alveare del Collettivo. Nel caso di Ryan, una collaborazione con un altro attore Borg, Jonathan Del Arco, ha fatto la differenza.

'Fortunatamente, Jonathan Del Arco — che gioca Hugh Borg - aveva attraversato una crisi simile quando aveva dovuto capire chi fosse adesso. È venuto ad aiutarmi con le scene', spiega Ryan. 'Stavo letteralmente camminando in giro e impazzendo dicendo: 'Sono così fottuto. Sono così fottuto.' E alla fine, ha detto, 'E se fa una scelta consapevole di essere il più umana possibile per sopravvivere?' Ed è stato come spegnere un piccolo interruttore.

'Era quello di cui avevo bisogno come attore per dare un senso', aggiunge Ryan. 'Era così che potevo farle parlare in modo molto più sciolto e disinvolto e in un modo molto più contemporaneo. Perché la sua voce era così specifica per quei quattro anni dopo Viaggiare. '

l'incubo prima delle zucche di natale

Sette di nove non era esattamente il Spock di Star Trek: Voyager – in un certo senso, si potrebbe obiettare che era ancora più stoica e irriducibile di qualsiasi Vulcaniano. Le sue risposte emotive estreme a qualsiasi cosa su Viaggiare erano spesso il risultato diretto di alcuni segnali incrociati ('Infinite Regress') o della rottura della sua tecnologia interna ('Imperfezione'), malfunzionamenti cablati invece di reazioni veramente intangibili. Nel Picard , tuttavia, Sette è definito dalle sue risposte emotive, e Ryan dice che il più grande cambiamento nella vita del suo personaggio è stato proprio il momento in cui perde il suo ex protetto e figlio surrogato, Icheb nei flashback di apertura dell'episodio.

Sette di nove in Star Trek: Picard

Credito: CBS All Access

'Quella perdita più di ogni altra cosa, ha plasmato ciò che è diventata negli ultimi 13 anni', dice Ryan. 'Quando stavo parlando con Jonathan Frakes, che ha diretto l'episodio, abbiamo concordato che questa scena è probabilmente la primo tempo in cui Sette lascia davvero andare le sue emozioni. Quello era il suo punto di rottura. Sono una mamma. Non è stato difficile accedere a quelle emozioni, come genitore. Ma è stata una scena difficile».

Dover accedere alla vulnerabilità non è stato difficile per Ryan, ma significava anche che il campo di forza emotivo che ha indossato intorno a Seven per così tanti anni non l'avrebbe più protetta durante le riprese di queste scene.

'Quando stavamo girando le scene successive, in cui si confronta con Bjayzl e spiega tutto quello che è successo a Picard - mentre descrivevo questa scena, stavo singhiozzando', dice Ryan. 'Abbiamo fatto diverse riprese di quello, perché come direi quello che era successo, Jeri, io l'attore Jeri, continuava a scoppiare in lacrime. Per diverse riprese, ero solo io che piangevo distrattamente. Lo senti così profondamente come genitore. Questa è probabilmente la più grande tragedia della vita di Seven. Ancor più che essere assimilata e far assimilare i suoi genitori in così giovane età».

Considerando che questa è la prima apparizione di Seven of Nine nel pantheon di Trek dal Star Trek: Voyager finale nel 2001, il suo personaggio ha attraversato un bel po'. Non solo è alle prese con la morte di Icheb, e alla fine si vendica del malvagio Bjayzl (Necar Zagegan), ma Sette si prende anche un secondo per parlare con Jean-Luc Picard della loro esperienza condivisa di entrambi essere stati forzatamente assimilati nei Borg Collettivo.

In quella che è probabilmente la scena migliore dell'intero episodio, Seven chiede a bruciapelo a Picard se ha davvero recuperato tutta la sua umanità dopo essere stato un Borg. È una scena potente che non solo mette in evidenza le doti recitative di Jeri Ryan, ma ci dà anche un'idea di cosa sta succedendo nella testa di Seven.

'Ho pensato che fosse un momento davvero fantastico tra quei personaggi', riflette Ryan. 'Non ha incontrato molte persone che hanno avuto questa esperienza esatta. Non credo che avrebbe avuto questa conversazione con Icheb, quindi questa è la sua unica possibilità di fare questa domanda. Questa è la sua unica opportunità di parlare con qualcuno di come ha avuto la stessa esperienza che ha avuto lei, o almeno una versione di quell'esperienza. E non è sicura che lo rivedrà.'

la data di ritorno dei morti viventi 2019

Naturalmente, Jean-Luc è stato assimilato dai Borg per un tempo molto più breve di Sette di Nove. Nel ' Il meglio di entrambi i mondi ,' l'equipaggio del Impresa è riuscito a far debordare Picard abbastanza rapidamente. Sette, d'altra parte, è stato un drone Borg per anni e anni. Pensa che Picard sia una specie di poser Borg?

strega in game of thrones

'Ah! Sì, Picard è un poser! Sei stato un Borg per cinque minuti!». Ryan dice con una risata. Quindi torna al lavoro, dimostrando quanto seriamente prenda il retroscena del suo personaggio. 'Penso che una volta che hai avuto quelle esperienze in cui ti è stata tolta la tua identità e tutte quelle voci nella tua testa - che si tratti di un giorno o della maggior parte della tua vita - penso che sia uno shock sufficiente per il tuo sistema, che influenzerebbe te per il resto della tua vita. Quindi, penso che Sette riconosca che è un grosso problema, non importa da quanto tempo sei stato un Borg.'

Nonostante tutti i pesanti temi della perdita e le discussioni su come non trasformarsi in un mostro totale dopo essere stato un cyborg, Jeri Ryan è riuscita comunque a divertirsi con Seven of Nine. Spiega che oltre a ritrovare la voce del personaggio, voleva anche assicurarsi vari manierismi fisici dal Viaggiare giorni tradotti nel suo carattere ora. Una di queste cose era un cenno del capo molto sottile, un marchio di fabbrica, un malizioso riferimento visivo ai Sette del passato. Quando viene teletrasportato a bordo del La sirena alla fine di ' Candore assoluto ,' Sette fa a Picard questo piccolo cenno del capo vecchio stile, e... Twitter è impazzito .

Sette arrivo

'Mi devi una nave, Picard.' (Credito: CBS)

'Sì! È stato così sorprendente che così tanti fan hanno immediatamente acceso Twitter e hanno detto: 'questa è la piccola inclinazione della testa di Seven, il cenno del capo!' Non ero sicuro che qualcuno se ne sarebbe accorto, e tutti lo hanno colto subito in quella scena minuscola.'

Per molto tempo Trekking devoti, spesso sono le cose più piccole che contano di più, e tornando a Seven of Nine, Jeri Ryan capisce questo fatto più di ogni altra cosa. Sebbene ammetta di aver esitato prima di accettare di nuovo il ruolo, di essere stata 'incuriosita' da chi fosse diventata Seven. Tuttavia, fino alla fine, Ryan ha pensato ai fan e alla sua fedeltà alla verità di conoscere il suo personaggio meglio di chiunque altro.

'Gli scrittori sono fantastici. Sanno anche che conosciamo questi personaggi perché li abbiamo interpretati per diversi anni. Quindi, erano aperti ad alcuni suggerimenti e cambiamenti di cui avevo bisogno,' dice Ryan. 'Lei è un personaggio straordinariamente cool. Su carta. Ma non volevo che fosse solo un personaggio straordinariamente figo a cui è capitato di avere la stessa estetica intorno agli occhi. Penso di averla finalmente ritrovata. Sono rimasto sorpreso da quanto fossi interessato a interpretarla di nuovo. Amo chi è diventata.'

Star Trek: Picard La prima stagione ha cinque episodi rimasti. Jeri Ryan non ha potuto rivelare quando e se tornerà come Seven, ma scommettiamo che lo farà. I nuovi episodi escono il giovedì su CBS All-Access.



^