Superuomo

È un uccello, è un aereo, è un nuovo Man of Steel! Tom Taylor parla di Jon Kent in 'Superman: Son of Kal-El'

>

All'inizio di quest'anno, DC Comics ha rivelato che la Terra sarebbe stata ottenere un nuovo Superman sotto forma di Jon Kent, figlio di Clark Kent e Lois Lane, che assume il ruolo e i doveri dell'Uomo del domani mentre suo padre è lontano dal pianeta che chiamano casa. Questa settimana inizia il cambio della guardia in Superman: figlio di Kal-El #1 dello scrittore Tom Taylor e dell'artista John Timms.

Con una copertina che si rifà alle prime avventure di Superman e una storia che si concentra molto su cosa significa essere Superman per Jon Kent in particolare, sembra che lanciare questo nuovo capitolo con un primo numero tutto suo sia stata una scelta naturale. Secondo Taylor, però, non è iniziato in quel modo, e quel cambiamento nel mezzo della concezione della storia ha giocato un ruolo importante nel modo in cui abbiamo incontrato Jon per la prima volta nel suo nuovo ruolo. Significava anche che Taylor poteva tornare all'inizio e darci un'occhiata al giorno memorabile in cui è nato il figlio di Superman.

ti amo so scena

'Stavamo scrivendo Superuomo come se [la serie principale] stesse continuando, e poi improvvisamente ci siamo resi conto che stavamo per fare il numero uno. Quindi avevo praticamente scritto il numero due come numero uno, e mi sono reso conto che non canta come numero uno, e sembrava proprio una continuazione', ha detto Taylor alla stampa, incluso SYFY WIRE, durante una tavola rotonda la scorsa settimana. 'Così ho avuto l'opportunità di tornare indietro e scrivere un vero numero uno. E per me questo significava raccontare la storia di Jon, presentare a Jon potenziali nuovi fan, e il posto migliore per farlo era con la sua nascita, vederlo attraverso gli occhi dei più grandi eroi dell'universo DC e vedere cosa significava loro.'



Sebbene la sua nascita abbia un ruolo da svolgere nella storia, la maggior parte di Superman: figlio di Kal-El #1, naturalmente, si occuperà del nuovo ruolo di Jon Kent come Superman della Terra, mentre sfreccia in giro per il pianeta affrontando vari problemi. Ma Jon non sta solo risolvendo problemi esterni. Ha anche alcune domande interne a cui deve rispondere, in particolare a causa della sua eredità e dell'eredità che deve vivere, che potrebbe non portarlo sempre nella direzione di imitare il suo leggendario padre.

'Suo padre è la persona più famosa del pianeta e il più grande eroe del pianeta. E, sai, molte persone la pensano così per il loro padre, ma con Jon è la verità. Quindi, sì, ci sarà un elemento della sindrome dell'impostore, ma c'è anche un elemento in cui Jon sfida suo padre', ha spiegato Taylor. 'Guarda cosa ha fatto Clark e cerca di vedere come può migliorare, o si chiede perché non ha fatto di più. E lo sfida su questo e dice: 'Sai cosa, quando hai così tanto potere, quando puoi vedere quello che posso vedere io, quando puoi vedere cosa succede al mondo, quando puoi guardare alla crisi climatica, quando puoi guardare tanta disuguaglianza, come puoi trovare i sintomi?' E quindi questa è una parte importante della missione di Jon. Ma sì, naturalmente ci sarà un elemento della sindrome dell'impostore. E poiché è giovane, non è ancora sicuro di quale strada prendere.'

Quel senso della giovinezza di Jon, della sua leggera incertezza nonostante l'enorme abilità, si estende anche alla sua rappresentazione nell'arte di Timms, che dà al libro un certo senso di energia giovane e impulsiva, ricordando anche al lettore che questo è un Superman che non ha ma ha trovato pienamente il suo punto d'appoggio.

'Ha questa lunghezza per tutti i suoi personaggi. Sembrano tutti che [stanno] saltando in avanti tutto il tempo. Sembrano sempre pronti per la primavera', ha detto Taylor del suo co-creatore. 'E per un fumetto come questo, penso che questo Superman sia qualcuno pronto a scattare. È pronto a saltare tutto il tempo. Non è suo padre. Non è così maturo, sta affrontando situazioni in cui deve reagire. E non sempre sappiamo come reagirà. Sappiamo come reagisce Clark Kent alle situazioni e non sappiamo come reagisce Jon. Quindi penso che non solo stiamo ottenendo un senso di quella fisicità da John Timms, ma stiamo anche ricevendo un po' di quell'innocenza e di quell'ingenuità. Lo porta anche alle espressioni facciali.'

è il nuovo film di croods su disney plus
Copertina di Superman: Il figlio di Kal-ElCredito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comicsnascondi miniature mostra miniature

quando Figlio di Kal-El è stato annunciato ad aprile, DC Comics ha sottolineato che il libro avrebbe sostituito il mensile in corso Superuomo titolo, sottolineando ulteriormente il ruolo di Jon Kent come Superman della Terra. L'editore si è anche assicurato di sottolineare che la nuova serie è in corso, non limitata, e lo stesso Taylor ha sottolineato questo punto Almeno per il momento, Jon Kent come Superman è lo status quo sulla Terra, mentre Clark Kent si dirige nel cosmo per affrontare con altri problemi nelle pagine di Fumetti d'azione . Ma questo è più di un semplice cambio della guardia in termini di titoli dei personaggi e programma di pubblicazione. Nel discutere il libro, Taylor ha sottolineato più e più volte che questo nuovo Superman abbraccerà le preoccupazioni e le lotte della sua generazione, nello stesso modo in cui fece Clark Kent quando apparve per la prima volta nel 1938.

«Torni al 1938 e lui era un eroe radicale. Era un eroe nel suo primo numero che combatteva contro la violenza domestica. Più tardi stava sfondando le porte dei politici corrotti,' Taylor. 'E' stato un eroe per un po', e poi è stato un eroe per un'altra volta. E gran parte di questa serie si chiede: 'Cos'è Superman oggi? Cosa potrebbe essere Superman oggi?' E sì, solo perché è arrabbiato per la crisi climatica, o è arrabbiato per le armi, o è arrabbiato per le dittature, o è arrabbiato o arrabbiato per l'empatia con i rifugiati, non significa che possa agire su tutto questo senza destabilizzare il mondo. Sai, deve andarci piano, ma è più giovane. Lui è più crudo. Sta provando queste cose in un modo che un ragazzo che è in giro da molto tempo potrebbe non provare.'

Resta da vedere cosa significhi la visione di Jon Kent sulla vita e sullo stato del mondo per il più ampio Universo DC. Con questo primo numero, Taylor e Timms consegnano un Superman che sta ancora imparando il tipo di eroe che vuole essere per la Terra, ancora alle prese con l'enorme eredità che porta con sé, e ancora imparando come essere Superman pur rimanendo Jon Kent. Una cosa che Taylor ha promesso, però, è che Superman: figlio di Kal-El al centro sarà una storia di ottimismo e aspirazione, come le sue storie di Superman preferite da bambino.

'Voglio un intrattenimento che non solo mi diverta, ma mi faccia desiderare di essere migliore, e quindi sarà una grande cosa per questo libro per Jon', ha detto Taylor. 'E per me come scrittore, mi piace raccontare storie positive. È la stessa cosa che stiamo facendo da allora ala notturna . Stiamo raccontando questa storia incredibilmente, davvero motivata e positiva di una persona positiva. E Jon Kent, [che è stato] cresciuto da Clark Kent e Lois Lane, non può fare a meno di essere una persona positiva. E ovviamente avrà quel fuoco di Lois e quel desiderio di cambiare le cose e affrontare i problemi del mondo reale. Ma poi ha tutta quella compassione di Superman e tutta quell'empatia.'

Superman: figlio di Kal-El Il numero 1 è nei negozi martedì.



^