Tempo Atmosferico

Ci è voluta più CGI di quanto pensi per portare Carrie Fisher in The Rise of Skywalker

>

La nona e ultima puntata di Guerre stellari Skywalker Saga doveva essere il film di Carrie Fisher, con un focus sulla vita della fedele sostenitrice della resistenza Leia Organa. Quando Fisher morì alla fine del 2016, un anno prima dell'uscita dell'ottavo episodio, Star Wars: Gli ultimi Jedi , quei piani sono stati inestricabilmente infranti, ma con l'aiuto di un'archiviazione intelligente e di una magia digitale che rasenta la magia della Forza, Fisher è stato in grado di svolgere un piccolo ma fondamentale ruolo in L'ascesa di Skywalker .

Creare una versione completamente digitale dell'attrice era fuori discussione fin dall'inizio, ma la Leia che è finita sullo schermo è stata resa più digitalmente di quanto i fan inizialmente pensassero. Nel luglio 2018, Lucasfilm ha annunciato che il regista J.J. Abrams e il suo team hanno trovato alcuni outtakes e altri filmati di Fisher inutilizzati che potrebbero essere utilizzati per il finale. Hanno mantenuto i dettagli sotto silenzio, sia perché Abrams è notoriamente riservato sui suoi progetti … sia perché effettivamente capire come integrare il filmato in un film nuovo di zecca è stata una sfida notevole con un esito incerto.

nuovo film matt damon 2017

'Abbiamo esaminato e isolato ogni pezzo di filmato che pensavamo di poter usare; a volte era solo una reazione a una scena o un momento, e poi altri momenti, lei stava effettivamente dicendo delle battute,' Roger Guyett, il supervisore degli effetti visivi del film, spiega a SYFY WIRE. 'Il primo passo è stato scrivere la sceneggiatura, e hanno scritto quelle scene intorno alle sue battute. Poi abbiamo dovuto analizzare e cercare di capire quale di queste consegne di battute ha senso in relazione a ciascuna di quelle scene.'



ascesa di skywalker leia

Credito: LucasFilm/Disney

Alcuni L'ascesa di Skywalker le scene di flashback presentano Leia più giovane, con una faccia presa da Il ritorno dello Jedi e posto su un nuovo corpo; immergersi nella trilogia originale per nuove scene non è stato un compito nuovo, poiché hanno fatto lo stesso in Rogue One: una storia di Star Wars mentre Fisher era ancora vivo. Ma per il nuovo materiale, ILM era alla mercé dell'archivio. I team di Lucasfilm e ILM hanno lavorato a ritroso, costruendo un film attorno a dialoghi esistenti e poi eseguendo la produzione su filmati che erano stati a lungo nella lattina. Sfortunatamente, c'era solo così tanto che potevano fare con le riprese finite, quindi mentre gli spettatori potrebbero aver pensato che fosse tutto Fisher sullo schermo, le sue apparizioni erano per lo più digitali. È stato un gioco di prestigio che sottolinea le capacità tecniche di ILM.

'Quando vedi Carrie in Episodio IX , è un volto live-action con capelli, testa e corpo digitali', rivela Guyett. Ci sono state diverse ragioni per la decisione di ricostruire digitalmente la quasi totalità di Fisher, dai requisiti tecnici alla storia e alle scelte estetiche.

'Vuoi che abbia un nuovo costume, vuoi che abbia una nuova pettinatura, in modo che quello che stai facendo non sia ovvio che stai solo riprendendo le riprese di un film precedente', spiega Neal Scanlan, che era il responsabile degli effetti speciali delle creature.

E quindi tutto tranne il volto di Fisher era completamente digitale, con nuovi design su un corpo che è impossibile distinguere dalla cosa reale. Ma riprodurre Fisher era solo metà della sfida. C'erano anche una serie di calcoli importanti da fare in tutte le fasi della produzione in modo che la sua presenza fosse perfetta, non solo da sola, ma in relazione a tutti gli attori che avrebbero interagito con lei sullo schermo.

la falsa stazione di viaggio di bill e ted

'Chiaramente volevamo integrarla nelle scene, quindi non potevi semplicemente tagliare una sua inquadratura come una singola inquadratura', afferma Guyett. 'Volevi che facesse parte della messa in scena della scena... Devi anche far capire a tutti gli altri attori la scena e capire qual è la sua interpretazione per quel momento in modo che tutti siano emotivamente allo stesso livello'.



^