La Scienza Dietro La Finzione

C'è qualcosa di vero nella dilatazione temporale aliena di Invincible? La scienza dietro la finzione

>

Che ora è? Lo pensiamo come qualcosa, se non fisico, almeno reale. Sappiamo che c'era un passato perché lo ricordiamo, e crediamo che ci sia un futuro perché ad ogni momento che abbiamo vissuto così lontano ne è seguito un altro. Si dice che voli quando ti stai divertendo o stia fermo nei momenti emotivamente importanti. Ma, per la maggior parte, si sposta sempre avanti alla velocità di un secondo al secondo. Noi, ciascuno di noi, siamo viaggiatori mondani e lenti nel tempo.

Il problema è che un secondo non è sempre uguale a un altro. Il tempo si muove a velocità diverse a seconda delle circostanze di un individuo o di un oggetto. È un'idea con cui la fantascienza può divertirsi, come si vede nella nuova serie di supereroi di Amazon Invincibile .

il terrore stagione 2 episodio 1

**Spoiler per l'episodio 2 di Invincibile sotto.**



Nella seconda puntata di Invincibile , basato sul Robert Kirkman fumetto con lo stesso nome, gli alieni arrivano attraverso un portale per attaccare la Terra. Un piccolo gruppo di eroi tenta di trattenerli, ma è subito evidente che perderanno. Gli alieni continuano ad arrivare e la loro tecnologia è troppo impressionante. Poi qualcosa cambia. I soldati alieni si accartocciano e si indeboliscono come sotto l'influenza di qualche arma chimica. Si ritirano attraverso i loro portali e scompaiono.

Questa interazione potrebbe darci prove di tachioni, se effettivamente esistono. Tale particella, viaggiando più veloce della velocità della luce, dovrebbe causare quella stessa radiazione Cerenkov anche nel vuoto. Ad oggi, tale interazione non è stata osservata.

Se l'esistenza dei tachioni fosse confermata, cambierebbe il modo in cui comprendiamo l'universo, ma non avrebbero alcuna relazione con l'esperienza soggettiva del tempo di un individuo. Se i tachioni non influiscono sulla nostra esperienza soggettiva del tempo, che cosa fa?

VELOCITÀ E GRAVITÀ

Abbiamo esplorato dilatazione del tempo per mezzo della velocità prima e non lo riproverò qui, in quanto non è comunque rilevante per questo scenario. La configurazione dei nostri avversari alieni è basata sulla posizione e può essere influenzata dalla gravità.

Aiuta a pensare al tempo non come qualcosa di separato dallo spazio, ma qualcosa di intrinsecamente intrecciato. La gravità distorce lo spazio e quando distorci lo spazio distorci anche il tempo. Maggiore è l'influenza gravitazionale, più tempo impiega l'orologio a ticchettare.

cartoni della battaglia dei pianeti

A differenza del caso dei tachioni, questa nozione è supportata da qualcosa di più della semplice matematica. Un orologio in cima a un edificio alto funziona più velocemente di uno a livello del suolo. L'effetto è minuscolo ma reale. Non è qualcosa che noteresti mentre ti muovi nella tua quotidianità, ma è sufficiente che dobbiamo tenerne conto in determinate situazioni.

I satelliti GPS, che orbitano attorno alla Terra centinaia di miglia sopra la superficie, sperimentano il tempo più velocemente di noi a terra (l'intera verità è un po' più complessa perché si muovono anche ad alta velocità). Dato che quei satelliti dipendono da calcoli precisi per funzionare correttamente, qualsiasi divergenza nel tempo causa problemi, soprattutto estrapolati su lunghe durate. Per contrastare l'impatto della dilatazione del tempo, quei satelliti devo correggere per la dilatazione .

I campi gravitazionali sono variabili nello spazio. Più grande è il pianeta, la stella o il buco nero e più vicino sei a loro, maggiore è l'influenza gravitazionale che hanno sugli oggetti vicini. Man mano che ti avvicini, il tempo rallenta. È per questo che Matthew McConaughey era così piagnucoloso in Interstellare . Mentre era là fuori a cercare di salvare l'umanità nella biblioteca del tempo, gli orologi a casa continuavano a ticchettare.

In parole povere, più forte è il campo gravitazionale, più lento è il tempo che avanza. Ovviamente è vero anche il contrario. Di conseguenza, una razza aliena proveniente da un pianeta drammaticamente meno denso della Terra e senza altre influenze gravitazionali significative sperimenterebbe il tempo più rapidamente di quanto facciamo noi sulla Terra. Anche se non a un ritmo abbastanza diverso da spiegare ciò che vediamo sullo schermo. Anche un pianeta incredibilmente piccolo avrebbe una variazione gravitazionale sufficiente per essere significativa.

È possibile quindi che quei nemici alieni, dopo essere tornati a casa attraverso i loro portali, possano sperimentare un tempo più soggettivo del nostro, ma non sarebbe molto, e quell'effetto non li seguirebbe sulla Terra. Una volta arrivati, sarebbero soggetti alla stessa distorsione dello spazio-tempo che siamo noi. La gravità condivisa e il movimento relativo significano un'esperienza condivisa del tempo.

Dovremmo prendere a calci i loro culi alieni nel solito modo. Aspettare che invecchiano non è un'opzione.



^