Uomo Primitivo

Una nuova specie umana sta emergendo da una grotta sotterranea?

>

La maggior parte di noi ormai sa che se qualcuno pensa che 'Neanderthal' sia un insulto, probabilmente è vero da entrambe le parti, perché Homo sapiens incrociato con i Neanderthal. Ma un'altra specie umana si nasconde da qualche parte nel nostro passato?

quando inizierà la serie tv La Ruota del Tempo?

Nelle profondità delle grotte di Johannesburg, in Sudafrica, sono stati trovati molti antichi resti umani. Lee Berger e il suo team di ricerca dell'Università del Witwatersrand hanno trovato ossa umane che sono sopravvissute a migliaia e migliaia di anni. In precedenza avevano scoperto due nuove specie di ominidi e potrebbero essersi imbattuti in un'altra. Spiccavano alcuni dei numerosi frammenti ossei sparsi nella grotta UW 105. Questi resti sono diversi da quelli degli ominidi conosciuti o degli umani moderni - forse una specie completamente diversa .

Da cosa è iniziata la ricerca per scoprire l'identità di questo? misterioso antenato umano era un frammento di mascella inferiore con un solo dente appeso. Poiché inizialmente era ammucchiato con ossa e macerie provenienti da un altro scavo, è stato accantonato. Ulteriori indagini hanno trovato tra 100 e 150 pezzi di osso umano antico. C'erano pezzi di crani, scapole, denti e ossa degli arti di almeno quattro individui, tra cui un adulto e due giovani, che erano fuori posto tra gli ominidi conosciuti.



Ogni volta che Berger e il suo team hanno cercato di stabilire una connessione tra una specie di ominide conosciuta e le nuove ossa che hanno dissotterrato, qualcosa non andava. Il più vicino che hanno ottenuto è stato un molare trovato nella grotta di Gondolin (un saluto a tutti voi fan sfegatati di Tolkien là fuori che sapete davvero Il Silmarillion ). Anche se i denti sembravano simili a questo molare, che apparteneva a Parantropi Robusti , non era ancora una partita. P. robustus apparso tra 1 e 2 milioni di anni fa. I suoi denti grandi e duri avevano uno smalto spesso e una mascella forte, pensata per essere l'ideale per strappare piante altrimenti difficili da masticare.

guarda film di fantascienza online

Ciò che rende tutto questo ancora più complicato è che l'evoluzione può prendere svolte inaspettate. I fantasmi del passato possono tornare durante diverse fasi evolutive. Denti e mascelle potenti come si trovano in P. robustus sono spesso considerati un tratto umano primitivo, ma definiscono primitivo. Homo Naledi , una delle due specie scoperte da Berger e dal suo team, visse circa 250.000 anni fa, ma il suo cranio non era molto più grande di quello di uno scimpanzé e sembra ingannevolmente più primitivo di quanto la sua età suggerisca.

[dell'Homo Naledi] gli aspetti simili all'uomo sono contrastati nel postcrania con un tronco, una spalla, un bacino e un femore prossimale più primitivi o simili agli australopiti, ha detto Berger in uno studio pubblicato su eLife dopo la scoperta di questa specie.

Il problema dei denti delle specie sconosciute va oltre gli stereotipi archeologici. Entrambi i suoi denti anteriori e posteriori erano grandi, rispetto ai soli denti posteriori di P. robustus; e le ossa del resto del suo corpo erano molto più sottili. La maggior parte degli ominidi con denti enormi aveva anche ossa robuste da abbinare. Tuttavia, le altre specie scoperte da Berger, Australopithicus sediba , aveva anche una giustapposizione di caratteristiche. Alcuni dei suoi denti assomigliavano a quelli di specie più primitive di Australopithicus mentre altri erano più vicini a Homo sapiens . Lo stretto torace superiore di A. sediba ha anche incanalato i suoi antenati Australopithicus mentre il suo torace inferiore più ampio era un passo avanti verso il diventare umano.

La differenza nelle cosiddette caratteristiche primitive e più evolute potrebbe avere qualcosa a che fare con il modo in cui gli antichi ominidi si sono adattati ai loro ambienti. Benchè H. Naledi visse molto più tardi di altre specie con crani relativamente piccoli, questa parte della sua morfologia potrebbe avergli dato un vantaggio dove viveva. Lo stesso si potrebbe dire dei denti della specie ancora sconosciuta che sembrano non corrispondere alle sue ossa. Mentre questi ominidi potrebbero aver avuto bisogno di denti in grado di resistere all'usura di piante dure e possibilmente carne, il resto del loro ambiente potrebbe non aver richiesto un corpo ingombrante per sopravvivere.

Super Mario Bros. 1993

Scoprire l'età del fossile potrebbe rivelare qualcosa di più, quindi nessuno si evolverà più fino a quando questi risultati non saranno disponibili.



^